La Commissione europea è pronta ad acquistare un potenziale vaccino anti-Coronavirus

epa08542772 EPA-EFE/GLENN HUNT AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

La Commissione Europea ha concluso colloqui esplorativi con una società farmaceutica per l’acquisto di un potenziale vaccino contro COVID-19. Il contratto previsto con la Sanofi-GSK* prevede un’opzione per tutti gli Stati membri dell’UE per l’acquisto del vaccino. Se il vaccino si dimostrerà efficace, la Commissione avrà da contratto potrà acquistare 300 milioni di dosi, a nome di tutti gli Stati membri dell’UE. La Commissione continua comunque a mantenere vive le trattative anche con altri produttori di vaccini.

La Presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen ha dichiarato sulla questione: “La Commissione europea fa tutto ciò che è in suo potere per garantire agli europei un rapido accesso a un vaccino che sia sicuro e che li protegga dal Coronavirus. Il passo di oggi con Sanofi-GSK è una prima importante pietra miliare di una strategia europea per i vaccini molto più ampia. Presto ne seguiranno altri. Siamo in discussioni avanzate con diverse altre aziende. Anche se oggi non sappiamo quale vaccino funzionerà meglio alla fine, l’Europa sta investendo in un portafoglio diversificato di vaccini promettenti, basati su vari tipi di tecnologie. Questo aumenta le nostre possibilità di ottenere rapidamente un rimedio efficace contro il virus. Un vaccino sarebbe un bene veramente globale. Siamo impegnati a contribuire a garantire l’accesso sicuro anche ai Paesi più vulnerabili per trovare la via d’uscita da questa crisi”.

Stella Kyriakides, commissario per la salute e la sicurezza alimentare, ha aggiunto: “Un vaccino COVID-19 sicuro ed efficace è la strategia più sicura per uscire dalla crisi. Per questo motivo, nelle ultime settimane abbiamo negoziato un approccio unitario dell’UE per garantire dosi sicure di promettenti candidati al vaccino. L’annuncio di oggi della conclusione dei colloqui esplorativi con Sanofi-GSK è il primo importante passo in questa direzione, per fornire ai nostri cittadini un accesso paritario al vaccino”.

Gli acquisti dei potenziali vaccini saranno finanziati grazie all’Emergency Support Instrument, un fondo europeo a destinato a supportare gli sforzi degli Stati membri nella lotta contro il Covid-19.

La Commissione ha inoltre dichiarato il proprio impegno a diffondere il vaccino a livello globale perché “nessuno sarà al sicuro finché tutti non saranno al sicuro”.

Per questo motivo sono stati raccolti quasi 16 miliardi di euro dal 4 maggio 2020 nell’ambito del Coronavirus Global Response, l’azione globale per l’accesso universale a test, trattamenti e vaccini contro il coronavirus e per il recupero globale.

La Commissione si è inoltre dichiarata pronta ad esplorare, con i propri partner istituzionali, la possibilità di mettere in comune delle risorse in modo tale da supportare i Paesi a basso e medio reddito ad accedere rapidamente al vaccino, velocizzando dunque la diffusione della cura in tutto il mondo.