Coronavirus, l’Ema ha approvato il vaccino di Moderna

L’Agenzia europea dei medicinali il 6 gennaio ha dato il via libera al vaccino di Moderna. Si tratta del secondo vaccino autorizzato dall’Ema, dopo che Pfizer-BioNTech ha ottenuto il via libera a fine dicembre.

“Questo vaccino ci fornisce un altro strumento per superare l’attuale emergenza”, ha detto la direttrice dell’Ema, Emer Cooke, in un comunicato. “Il fatto che abbiamo questa seconda raccomandazione positiva è una testimonianza degli sforzi e dell’impegno di tutte le parti coinvolte “, ha aggiunto.

Dopo il via libera dell’agenzia, la Commissione europea ha “concesso un’autorizzazione condizionata all’immissione in commercio per il vaccino sviluppato da Moderna”. “Questa autorizzazione – si legge in una nota di Bruxelles – segue una raccomandazione scientifica positiva basata su una valutazione approfondita della sicurezza, efficacia e qualità del vaccino da parte dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ed è approvata dagli Stati membri”.

“Con il vaccino Moderna, il secondo ora autorizzato in Ue, avremo altre 160 milioni di dosi”, ha sottolineato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. “Arriveranno altri vaccini. L’Europa si è assicurata” in tutto “fino a due miliardi di dosi di potenziali vaccini per il Covid-19”, ha aggiunto Von der Leyen, assicurando che i vaccini saranno “più che sufficienti, sicuri ed efficaci, per proteggere tutti gli europei”.

Giovedì 7 gennaio la Commissione tecnico scientifica dell’Aifa per esaminare il dossier di Moderna e per autorizzare l’immissione in commercio in Italia.