La Polonia e lo scontro sullo Stato di diritto

Due donne tengono uno striscione con la scritta "La Camera disciplinare non è un tribunale" durante una protesta davanti alla Corte suprema a Varsavia, nel mese di luglio del 2021. [EPA-EFE/RADEK PIETRUSZKA POLAND OUT]

Da anni Ungheria e Polonia stanno erodendo lo Stato di diritto. Orbàn è stato il primo e ha agito a lungo indisturbato, protetto dall’appartenenza al Partito popolare europeo, che aveva bisogno di Fidesz per essere il primo gruppo al Parlamento europeo ed esprimere il presidente della Commissione. La sua azione ha fornito il modello poi applicato in Polonia, che ha però trovato una reazione maggiore. Da un lato perché il PiS di Kaczyński appartiene al gruppo sostanzialmente nazionalista ed euroscettico dei Conservatori e riformisti, sostanzialmente all’opposizione nel Parlamento europeo. Dall’altro perché la Corte di Giustizia dell’Unione aveva imparato una serie di lezioni nel precedente tentativo di contrastare la deriva autoritaria di Orbàn.

Stato di diritto, Ungheria e Polonia fanalino di coda dell'Ue. In Italia più corruzione con il Covid

Maglia nera per Budapest e Varsavia su indipendenza della magistratura e pluralismo dei media. La Polonia ha tempo fino al 16 agosto per rispettare le decisioni Corte Ue o ci saranno multe.

La Commissione europea ha pubblicato la seconda relazione sullo …

Quando Orbàn decise il prepensionamento dei giudici, la Corte di Giustizia Ue bocciò la norma, ma la sentenza arrivò dopo 2 anni. Nel frattempo i giudici erano andati in pensione e potevano scegliere se rientrare in organico o rimanere in pensione con un sostanzioso bonus. Ben pochi tornarono. Orbàn aveva perso giuridicamente ma vinto politicamente, riempito i tribunali di magistrati fedeli e sottoposto i vertici a nomina ministeriale, abolendone l’indipendenza. Seguirono poi una serie di leggi liberticide nei confronti di società civile, media e università.

Con la Polonia la Corte di giustizia ha imboccato un’altra strada: in attesa della sentenza definitiva ha emanato delle misure provvisorie di sospensione delle norme polacche in quanto potevano arrecare un danno irreversibile a principi e diritti fondamentali dell’Unione. Il governo polacco ha ignorato tali misure, che pure sono giuridicamente vincolanti. Così come ha ignorato le sentenze della Corte suprema che considerava illegittima il nuovo Tribunale costituzionale, poi usato dal governo per avallare nuove norme che modificavano la Corte suprema allargandone enormemente la composizione permettendo al governo di nominare un numero di nuovi giudici sufficiente ad avere sempre la maggioranza. Infine ha creato una camera disciplinare della Corte suprema, chiamata a sanzionare i giudici che tentavano di applicare le norme europee o che ricorrevano alla Corte di giustizia Ue. La Corte di giustizia Ue è stata ripetutamente chiamata in causa da giudici e tribunali polacchi sanzionando l’illegittimità del nuovo assetto del giudiziario polacco dal punto di vista del diritto europeo, oltre che del diritto interno alla luce delle sentenze iniziali della Corte suprema. E molti Paesi europei hanno smesso di cooperare e addirittura di estradare in Polonia perché non è più garantito un processo equo e imparziale.

Polonia, la Corte di Giustizia Ue boccia la riforma della giustizia

La sezione disciplinare per i giudici della Corte suprema polacca, istituita con una controversa riforma varata dal governo guidato dalla destra nazionalista di Diritto e Giustizia (PiS), non è conforme al diritto dell’Unione. Lo ha stabilito giovedì 15 luglio la …

Il governo polacco ha sempre ignorato le sentenze e le misure provvisorie della Corte ed ha tirato dritto. Finora. Perché la Commissione ha bloccato l’esborso dei fondi del Next Generation Eu – che sono legati al rispetto dello Stato di diritto e al recepimento delle raccomandazioni della Commissione, che nel caso polacco si concentrano sullo stato di diritto e sul rispetto delle norme europee e delle sentenze della Corte di giustizia Ue – chiedendo chiarimenti sulle intenzioni del governo polacco. La risposta è stata dapprima un impegno a non sottoporre nuovi casi alla camera disciplinare, ed ora a modificarla, ovvero “abolirla nella sua forma attuale” nel quadro del processo di riforma del giudiziario portato avanti dal governo. Il tutto condito dalla richiesta alla Corte di giustizia di annullare le sue misure provvisorie, unito alla rivendicazione della prevalenza della Costituzione polacca sul diritto europeo sul tema in oggetto in virtù della tesi provocatoria che la prevalenza del diritto dell’Unione si applichi soltanto nelle materie in cui l’Ue ha una competenza esclusiva – cioè commercio, concorrenza e pesca, e politica monetaria per i Paesi aderenti all’eurozona – contrariamente a quanto previsto dai Trattati e dalla giurisprudenza della Corte.

Polonia, secondo il ministro della giustizia Varsavia non può rispettare la sentenza della corte Ue

Il ministro della giustizia polacco ha detto mercoledì (21 luglio) che non è possibile  che la Polonia si conformi alla sentenza della massima corte dell’Unione europea che ha stabilito che il nuovo sistema volto a disciplinare i giudici infranga il …

La disputa si colloca in un contesto in cui il premier polacco Morawiecki ha chiesto al Tribunale costituzionale di valutare la compatibilità di alcune parti dei Trattati Ue con la Costituzione polacca; il ministro della Giustizia Ziobro ritiene che la Polonia non debba applicare le sentenze della Corte di giustizia, e che non deve stare nell’Ue ad ogni costo e che la Convenzione europea dei diritti umani viola la Costituzione; e il ministro dell’Istruzione Czarnek vuole riformare la scuola per insegnare che l’Ue è un’organizzazione illegale e auspica una legge anti-LGBT* simile a quella ungherese. L’isolamento polacco è accentuato dallo scontro con Usa e Israele causato dalle norme appena approvate volte a chiudere il canale di News indipendente TVN24, di proprietà dell’americana Discovery, e a impedire ai superstiti dell’Olocausto e ai loro eredi di avere accesso a beni loro sottratti o a compensazioni per gli stessi.

Polonia, per il ministro della giustizia il paese "non dovrebbe restare nell'Ue a ogni costo"

La Polonia non dovrebbe rimanere a tutti i costi un membro dell’Unione europea, ha affermato il ministro della Giustizia, Zbigniew Ziobro, in un’intervista pubblicata venerdì, nella quale ha denunciato quello che ha definito il “ricatto” dell’Unione riguardo alle contestate …

Lo scontro riguarda valori e diritti fondamentali dell’Ue e quindi anche il futuro dell’Unione e dei suoi strumenti a tutela dei cittadini. Dunque è destinato a protrarsi e probabilmente a influire sulla situazione politica polacca e sulle prossime elezioni.