Per la difesa e la sicurezza dell’Europa serve una politica comune e condivisa

In seguito alla tragedia afghana c’è stato un aumento esponenziale dei contatti formali e informali tra i capi di Stato e di governo, i ministri della difesa e degli esteri dei paesi europei su come affrontare le conseguenze di questa drammatica crisi e su come evitare che fatti analoghi possano ripetersi in futuro viste le innumerevoli crisi che stanno scoppiando nella cosiddetta area di vicinato dell’UE. Il problema di fondo è decidere come e con quali strumenti non solo operativi e materiali ma anche politici, istituzionali e decisionali affrontare la sfida della difesa e della sicurezza dell’Unione europea.