Guerra in Ucraina, è sbagliato accomunare Onu e Ue nell’impotenza generale

La guerra in Ucraina è entrata in una fase ancora più cruenta e finora nessun tentativo di mediazione ha avuto il benché minimo successo, neanche quello del Segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, che alla fine di aprile ha incontrato separatamente prima Putin e poi Zelenskyy. Il fallimento dell’ONU non deve sorprenderci perché l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha poteri autonomi limitati ed una struttura decisionale poco democratica, vincolata al potere di veto dei 5 membri permanenti del Consiglio di Sicurezza. La tragica impotenza contingente e quest’ultimo vincolo hanno portato ad accomunare ONU e UE, cosa non proprio corretta perché la prima è una organizzazione internazionale e la seconda è un sistema di governo multilivello con capacità di intervento superiori sebbene ancora non sufficienti.