Taiwan cerca sostegno internazionale dopo le incursioni aeree cinesi

La bandiera di Taiwan nella piazza della libertà a Taipei, Taiwan, 22 giugno 2021. EPA-EFE/RITCHIE B. TONGO

Le tensioni con Pechino stanno agitando lo scenario mondiale e Taipei vuole raccogliere intorno a sé il maggior numero di potenze occidentali possibile per contenere l’azione della Repubblica popolare cinese.

Taiwan garantirà la pace e la stabilità regionale e cerca di lavorare con altre democrazie che la pensano allo stesso modo, ha detto la presidente Tsai Ing-wen agli alti dignitari francesi e australiani giovedì (7 ottobre), giorni dopo un drammatico aumento delle tensioni con la Cina.

I viaggi di quattro senatori francesi e dell’ex primo ministro australiano Tony Abbott arrivano dopo quattro giorni consecutivi, a partire da venerdì scorso, di incursioni massicce delle forze aeree cinesi nella zona di difesa aerea di Taiwan, movimenti accolti con preoccupazione da Washington e dai suoi alleati.

Il governo locale ha cercato il sostegno di altre democrazie, specialmente degli Stati Uniti e dei suoi alleati, in mezzo alla crescente pressione militare e politica della Cina, che rivendica Taiwan come proprio territorio.

Taipei ha inoltre un ruolo strategico nella catena di approvvigionamento globale dei semiconduttori, elementi particolarmente sofisticati montati su dispositivi elettronici di larghissimo uso. Il semiconduttore ha la capacità di regolare i flussi di elettricità del processo, l’archiviazione e la trasmissione dei dati e sono fondamentali per strumenti di uso quotidiano e per grandi mercati tra cui quello degli smartphone, l’elettronica, l’automotive, ecc.

Parlando all’ufficio presidenziale alla delegazione dei senatori francesi, guidati dall’ex ministro della difesa Alain Richard, Tsai Ing-wen ha ringraziato Parigi per la sua preoccupazione per la situazione nello stretto di Taiwan e per il sostegno alla sua partecipazione internazionale.

“Continueremo ad adempiere alle nostre responsabilità come membri della comunità internazionale per assicurare la pace e la stabilità nella regione dell’Indo-Pacifico. Speriamo anche di dare più contributi al mondo insieme alla Francia”, ha aggiunto.

Richard ha parlato del “contributo essenziale di Taiwan nell’importante campo del progresso umano”, ma non ha menzionato le crescenti tensioni militari con la Cina nel suo intervento trasmesso in diretta sulla pagina Facebook dell’ufficio presidenziale.

Cina, le esercitazioni delle portaerei vicino a Taiwan diventeranno ricorrenti

Un gruppo di portaerei cinesi sta conducendo esercitazioni vicino a Taiwan e, secondo quanto ha dichiarato la marina cinese lunedì 5 aprile, queste pratiche diventeranno regolari. Ciò implica un’ulteriore escalation nelle tensioni con l’isola che Pechino rivendica come territorio sottoposto …

La presidente taiwanese ha inviato un messaggio analogo anche al ministro australiano Abbott, che le ha detto che era a Taiwan per aiutarla a porre fine all’isolamento internazionale, lodando la sua democrazia e la gestione della pandemia Covid-19. “Naturalmente non tutti e non dappertutto sono contenti dei progressi di Taiwan, e noto che Taiwan è sfidata quasi quotidianamente dal suo gigantesco vicino”, ha detto Abbott.

I senatori francesi sono arrivati a Taiwan mercoledì, nonostante le forti obiezioni della Cina che è sempre irritata dalle visite di funzionari stranieri. Richard, capo del gruppo per l’amicizia con Taiwan del Senato francese, è stato ministro della difesa del paese dal 1997 al 2002 sotto il presidente Jacques Chirac. Tsai ha detto che Taiwan era “molto commosso” Richard ha deciso di venire, nonostante ciò che ha descritto come “pressione” – un riferimento alla Cina.

A marzo, l’ambasciata cinese a Parigi ha messo in guardia contro i legislatori che incontrano funzionari taiwanesi, provocando un rimprovero da parte del ministero degli Esteri francese, che ha detto che i senatori francesi sono liberi di incontrare chi vogliono quando viaggiano.

Tsai Ing-wen non ha menzionato direttamente le recenti attività delle forze aeree cinesi nelle dichiarazioni rilasciate dopo i suoi incontri con i senatori o Abbott. Né la Francia né l’Australia hanno legami diplomatici formali con Taiwan, come la maggior parte dei Paesi.

Separatamente, il ministero degli Esteri di Taiwan ha detto che avrebbe prestato molta attenzione al previsto summit tra il presidente americano Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping, essendo gli Stati Uniti il più importante sostenitore di Taiwan.

“Continueremo a coordinarci strettamente con gli Stati Uniti a Taipei e a Washington per assicurare che la politica statunitense verso Taiwan rimanga invariata”, ha detto la portavoce del ministero Joanne Ou. Il governo di Taiwan ha denunciato le mosse della Cina contro di esso, e dice che difenderà la libertà e la democrazia dell’isola, e che solo il popolo di Taiwan può decidere il suo futuro.