Frontex, il Portogallo organizza un incontro per assicurare il rispetto delle leggi europee

Il ministro degli Affari interni portoghese Eduardo Cabrita partecipa all'udienza della commissione sulla giustizia, le libertà civili e gli affari interni al Parlamento europeo. 4 febbraio 2021. [EPA-EFE/STEPHANIE LECOCQ]

Il Portogallo organizzerà un incontro con la dirigenza di Frontex per assicurarsi che la legge europea e i regolamenti stabiliti siano rispettati dall’agenzia di protezione delle frontiere. Lo ha confermato Eduardo Cabrita, ministro portoghese per l’amministrazione interna.

“Incontreremo il direttore esecutivo di Frontex e il consiglio di amministrazione prima del Consiglio di marzo per analizzare cosa sia necessario per assicurarsi che l’agenzia rispetti i suoi obiettivi”, ha dichiarato Cabrita durante un’udienza della commissione sulla giustizia, le libertà civili e gli affari interni al Parlamento europeo.

Il ministro ha anche confermato che il Portogallo presenterà una valutazione della situazione dell’agenzia responsabile della protezione dei confini europei durante i sei mesi della sua presidenza del Consiglio dell’Ue, che è iniziata a gennaio.

Il nuovo mandato di Frontex dà all’agenzia maggiori responsabilità, ha aggiunto il ministro. “Ecco perché è essenziale che agisca in accordo con lo stato di diritto, rispettando i diritti fondamentali e l’obbligo di sottostare a un controllo delle sue funzioni da parte di un ufficiale per i diritti umani”, ha spiegato.

Durante la sua udienza al Parlamento, Cabrita è stato messo sotto pressione dal capo delegazione del Psd portoghese, Paulo Rangel, che ha chiesto se il Portogallo fosse nella posizione di poter garantire che nessun cittadino di Paesi terzi subisse lo stesso trattamento di Ihor Homeniuk, cittadino ucraino che morì all’aeroporto di Lisbona nel marzo 2020 per essersi rifiutato di imbarcarsi su un volo diretto fuori dal Paese.

“Quello che è successo a Lisbona a marzo è stato un tragico incidente”, ha replicato Cabrita, aggiungendo che il governo aveva immediatamente sospeso i responsabili della polizia doganale all’aeroporto. “Il processo per questo crimine è iniziato, in meno di un anno”, ha concluso.

Frontex assolta per i respingimenti, ma ancora sotto inchiesta per frode e violenze sui migranti

“Non sono state trovate prove” di violazioni di diritti umani nei confronti dei migranti da parte delle guardie di frontiera di Frontex, la controversa agenzia che si occupa del controllo e della difesa dei confini esterni dell’Ue. A renderlo noto, …

La revisione del mandato di Frontex, approvata nel 2019, prevede la graduale creazione di una forza di polizia di frontiera di 10.000 unità entro il 2027, con il reclutamento di 5.000 persone quest’anno, e la possibilità di usare armi da fuoco in base all’autorizzazione del Paese ospitante.

Frontex ha anche preso l’impegno di assumere 40 funzionari per garantire il rispetto dei diritti fondamentali, ma ha posticipato il reclutamento per via della pandemia di Covid-19.

L’agenzia per le frontiere europee è accusata di aver respinto l’ingresso di migranti alle frontiere Ue diverse volte tra marzo e agosto 2020. Un reporto pubblicato il 23 ottobre 2020 da diversi media europei, tra cui der Spiegel e Bellingcat, riporta il coinvolgimento di Frontex nelle attività della marina militare greca che ha respinto diversi barconi di migranti verso la Turchia.

Il direttore di Frontex Fabrice Leggeri ha rigettato le accuse di fronte alla commissione sulla giustizia, le libertà civili e gli affari interni al Parlamento europeo in un’udienza del 1° dicembre, sostenendo che non ci fossero prove del coinvolgimento dell’agenzia.

Frontex, il direttore Leggeri nega il coinvolgimento nei respingimenti dei migranti

Gli eurodeputati della Commissione LIBE (la Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni) hanno interrogato il direttore di Frontex, Fabrice Leggeri, sul ruolo dell’agenzia nel respingimento dei richiedenti asilo tra Grecia a Turchia e sembra che …