SOTEU 2021, Ursula Von der Leyen rivendica i successi dell’UE con lo sguardo rivolto al futuro

La Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, nel suo secondo discorso sullo Stato dell’Unione (qui in italiano e qui in tutte le altre lingue) ha fatto una serie di  importanti puntualizzazioni rispetto al presente e al futuro dell’Unione Europea da un lato rivendicando, in contrapposizione ad una narrazione troppo spesso negativa, le iniziative messe in atto per evitare gli errori, economici ma non solo, del recente passato e i successi conseguiti nel contrasto alla pandemia, nell’assistenza ai paesi terzi, nella ripresa economica e nella sfida per la conversione ecologica e dall’altro rilanciando le sfide del prossimo futuro, per una maggiore integrazione e capacità di azione europea, ai giovani di cui ha citato la forza, l’ardore e la capacità di vedere oltre secondo il principio apparentemente paradossale “se sembra impossibile allora si può fare”, – ben rappresentato da Bebe (Beatrice) Vio invitata alla plenaria e elogiata dalla von der Leyen – quello stesso principio che ispirò i padri fondatori in piena Seconda Guerra Mondiale quando unire i popoli sembrava impossibile e che può essere determinante anche oggi.

Commissione Europea

Con il sostegno della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea