9 maggio festa dell’Europa, la CoFoE presenta le sue 49 proposte di riforma dei Trattati a Commissione, Parlamento e Consiglio europeo

Il 9 maggio ricorrono molte celebrazioni. Per noi è la Festa dell’Europa, in ricordo della dichiarazione Schuman con cui il 9 maggio del 1950 fu proposta la creazione della prima comunità europea basata sul concetto di condivisione della sovranità per mettere in comune l’accesso alle risorse essenziali (carbone e acciaio, le basi dell’industria bellica di allora) e dirimere le questioni tra gli stati evitando il ricorso alle armi. Oggi come allora la pace è l’obiettivo e la condivisione della sovranità lo strumento più efficace per raggiungerla, come emerge dalle 49 propose di riforma dei Trattati dell’UE elaborate dalla Conferenza sul futuro dell’Europa in cui si ribadisce la necessità procedere verso una federazione europea che superando le divisioni tra gli Stati nazionali e l’illusorio baluardo al proprio particolarismo rappresentato dal diritto di veto, possa rendere più incisiva ed efficace l’azione dell’Unione Europea a tutela dei diritti, dello sviluppo civile, sociale ed economico e della convivenza pacifica dei suoi cittadini.

Supporter

Co-finanziato dall'Unione europea

Le opinioni espresse nella presente pubblicazione sono quelle dell'autore che ne assume la responsabilità esclusiva. Il Parlamento Europeo non è responsabile dell'eventuale uso delle informazioni in essa contenute.