Conferenza sul Futuro dell’Ue: ecco chi rappresenterà il Parlamento europeo nel comitato esecutivo

Da destra: la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il presidente del Parlamento europeo David Sassoli e il primo ministro portoghese Antonio Costa presentano la dichiarazione congiunta sul futuro dell'Europa, il 10 marzo 2021 [EPA-EFE/JOHANNA GERON]

Il Parlamento europeo ha reso noti giovedì 18 marzo i nomi dei suoi rappresentanti che parteciperanno al comitato esecutivo della Conferenza sul futuro dell’Ue che partirà il prossimo 9 maggio, giorno della festa dell’Europa. 

La lista è stata approvata giovedì dalla Conferenza dei presidenti del Parlamento UE, composta dal presidente David Sassoli e dai leader dei gruppi politici rappresentati nell’Assemblea. Ne fanno parte sei eurodeputati: il belga Guy Verhofstadt (Renew Europe) che sarà co-presidente del comitato esecutivo, il tedesco Manfred Weber (Ppe) e la spagnola Iratxe García Perez (S&D) che ne saranno membri effettivi, e quattro osservatori:  il belga Gerolf Annemans (Id), i tedeschi Daniel Freund (Verdi) e Helmut Scholz (Gue), e il polacco Zdzisław Krasnodębski (Ecr).

I leader dell’Assemblea, si legge nella nota diffusa dal Parlamento UE, vogliono ora che la Conferenza si metta in moto presto per “contribuire in modo significativo alla costruzione di un’Unione dei cittadini”. Secondo fonti consultate dall’Ansa, invece, Sassoli sarebbe deluso dalla mancanza della parità di genere tra i componenti indicati dal Parlamento, in cui figura soltanto una donna.

Lanciata con grandi ambizioni nel 2019 dal presidente francese, Emmanuel Macron, la proposta di una Conferenza sul futuro dell’Unione si è scontrata sia con problemi logistici – avrebbe dovuto partire lo scorso anno, ma è stata rinviata a causa della pandemia di COVID-19 – che con resistenze politiche e divergenze tra le istituzioni UE su chi dovesse guidarla.

Il risultato è stato un compromesso al ribasso che l’ha ridimensionata da appuntamento costituente che avrebbe dovuto portare a ridisegnare competenze, politiche, istituzioni e meccanismi decisionali dell’Unione, a un mero strumento di consultazione, regolato da una governance barocca e le cui risultanze non porteranno a modifiche dei trattati alla base dell’attuale assetto comunitario.

Cosa sarà e come funzionerà la Conferenza sul Futuro dell'Europa

Una bozza di dichiarazione congiunta che fissa i contorni operativi della Conferenza sul futuro dell’Europa dovrebbe essere approvata nel corso della settimana. Potrebbe essere l’inizio della tanto a lungo rinviata Conferenza. Dalla durata, al mandato politico, dai metodi per coinvolgere …

 

 

Commissione Europea

Con il sostegno della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea