Trent’anni di MEDIA, il sostegno europeo a cinema e audiovisivo

MEDIA, l’iniziativa dell’Unione europea a sostegno di cinema e audiovisivo, compie trent’anni. Oggi inserita all’interno di Europa Creativa, nel 2021 MEDIA ricorderà l’anniversario con una campagna dedicata alla potenza delle storie nella ripresa.

Era il 1991 quando è stato istituito MEDIA – oggi parte di Europa Creativa – il programma quadro dell’Unione europea dedicato ai settori culturali e creativi. Il sotto-programma MEDIA ha l’obiettivo di supportare, da un punto di vista finanziario, la creazione e la distribuzione di materiale cinematografiche prodotto dalle industrie del settore che operano all’interno e oltre i confini dell’Ue. Nello specifico  il programma supporta la produzione di programmi televisivi e videogiochi e la promozione di film, per permetterne una maggiore diffusione e avvicinare in questo modo i cittadini europei. Allo stesso tempo, MEDIA sostiene i professionisti del settore  facilitando processi di  co-produzione  per aumentare la circolazione internazionale di prodotti audiovisivi europei.

Secondo una valutazione della Commissione europea, in questi trent’anni, il sotto-programma MEDIA ha investito 2,6 miliardi di euro a sostegno del settore cinematografico e audiovisivo. Nel 2021 è stato presentato il nuovo programma Europa Creativa 2021 – 2027, che prevede finanziamenti per 2,4 miliardi di euro, con un aumento di risorse dell’80% rispetto ai sette anni precedenti. Di questi, 1,4 miliardi sono assegnati a MEDIA per il rilancio del settore creativo e culturale, che è stato tra i più colpiti dalla pandemia Covid-19. Sono numerosi i cinema che hanno dovuto chiudere temporaneamente a causa dei lockdown nazionali. Tutto ciò ha portato ad un effetto domino nel composito scenario cinematografico europeo, composto da piccole-medie entità. Con i cinema chiusi, i progetti che erano in fase di produzione sono stati interrotti, sono state ritardate le uscite di film ed annullati festival – o in alcuni casi si sono svolti online -, con un enorme danno ai box office e alle case di produzione europee.

In questo frangente, il sostegno di MEDIA a reti come Europa Cinemas, che è anche sostenuto dal Centre National du cinéma et de l’image animée (CNC), è fondamentale per dare supporto finanziario ai cinema che promettono di proiettare film europei e di svolgere attività per il pubblico più giovane. Europa Cinemas è il primo network di cinema focalizzato sui film europei. Creato nel 1992 oggi  conta 1216 cinema (per un totale di 3131 schermi), in 738 città e 43 paesi. Il supporto del sotto-programma MEDIA si fa sentire anche nel caso di coproduzioni a livello europeo, per stimolare la creazione di progetti che vanno oltre i confini nazionali. In particolare, sono previsti fondi designati specificatamente per paesi che aderiscono a Europa Creativa – MEDIA, sia per la fase di produzione che di distribuzione.

Tra le varie attività e progetti, alcuni purtroppo sospesi causa la pandemia, c’è lo European Arthouse Cinema Day, che l’8 novembre 2020 ha celebrato la sua quinta edizione, apposta per celebrare il cinema d’arte, in collaborazione con la Confédération Internationale des Cinémas d’Art et d’Essai (CICAE).

In occasione di questi primi trent’anni del programma MEDIA, la Commissione europea ha lanciato una campagna comunicativa sui social media con l’obiettivo di coinvolgere giovani e professionisti del settore. La campagna, caratterizzata dall’hashtag #WeAllLoveStories, durerà per tutto il 2021 e i contenuti si concentreranno su dieci temi riguardanti l’industria audiovisiva, suddivisi in dodici episodi. L’obiettivo è parlare di storie europee che, senza il supporto di MEDIA, non avrebbero potuto vedere la luce. Inoltre l’anniversario è l’occasione per mettere in luce il lavoro dell’UE nel supporto al settore audiovisivo dal 1991.

Nel momento di crisi che sta vivendo, l’Unione europea vuole ricordare l’importanza delle storie e della condivisione, anche per dare un’impronta alla ripresa. La stessa campagna è stata presentata così: “Quando le storie arrivano alle persone le fanno pensare, toccano i loro cuori e diventano parte della nostra cultura. Ecco perché le storie non dovrebbero rimanere nascoste. Devono essere disponibili per chiunque, in qualunque luogo e momento e in qualsiasi formato”. Più informazioni possono essere trovate sul sito dedicato wealllovestories.eu, che sarà aggiornato nei prossimi mesi con ulteriori dettagli riguardo le iniziative, i video (disponibili anche sulla pagina Instagram di Europa Creativa) e tutti i contenuti riguardanti la campagna. L’Unione europea è particolarmente attenta al sostegno del cinema ed alcuni eurodeputati si sono attivati fin dai primi mesi della pandemia per spingere ad per un aumento di finanziamenti per Europa Creativa e per la creazione di strumenti finanziari specifici per il settore.

Infine, nel corso del 2021, ci sarà modo di celebrare il cinema europeo nonostante i tempi complicati. Tra pochi mesi ci sarà la cerimonia di assegnazione dei riconoscimenti del premio LUX. Sono stati infatti annunciati i tre finalisti, Another Round di Thomas Vinterberg; Collective di Alexander Nanau e Corpus Christi di Jan Komasa. I film saranno sottotitolati nelle 24 lingue dell’UE per essere apprezzati meglio in tutta Europa. Fino al 23 maggio sarà possibile votare sul sito del LUX dando un massimo di cinque stelle. Il vincitore sarà annunciato alla plenaria del Parlamento europeo il 9 giugno.

Europea è un'iniziativa di:

IAI CSSF CESPI ECFR CSSF movimentoeuropeo OCBT VillaVigoni