Il piano REPowerEU, un primo passo verso l’Unione europea dell’energia

Nella storia dell’UE le crisi sono state spesso punti di partenza per rafforzare il livello di integrazione degli Stati membri. È quello che sta accadendo anche oggi di fronte all’invasione dell’Ucraina e alle questioni legate alla difesa europea e alla dipendenza dagli approvvigionamenti energetici russi. Sul fronte energetico, il piano REPowerEU proposto dalla Commissione Europea per una maggior integrazione nella produzione, distribuzione e stoccaggio delle diverse fonti energetiche con l’obiettivo di stabilizzare i prezzi e ridurre la dipendenza dalle importazioni, è un primo passo significativo. Ma è solo un primo passo. Quel che serve per conseguire gli obiettivi fissati dal REPowerEU è una vera Unione dell’energia con una rete energetica comune che superando le divisioni nazionali integri al livello europeo importazione, stoccaggio, produzione e distribuzione delle diverse forme energetiche.