NordLink, inaugurato il cavo elettrico sottomarino più lungo d’Europa. Va dalla Germania alla Norvegia

Angela Merkel preme il pulsante aprendo il nuovo collegamento elettrico tra la Germania e la Norvegia. Foto: Governo federale tedesco/Kugler

Va dalla Germania alla Norvegia il cavo elettrico sottomarino più lungo d’Europa che è stato inaugurato giovedì (27 maggio) dalla cancelliera tedesca Angela Merkel e dal primo ministro norvegese Erna Solberg.

Il progetto NordLink è partito nel 2015, è costato 1,8 miliardi di euro e ora collega le reti di Germania e Norvegia, con i suoi 634 chilometri di lunghezza. Il consorzio che ha lavorato alla realizzazione del progetto è composto dalla compagnia energetica statale norvegese Statnett, dall’operatore di rete olandese e tedesco TenneT e dalla banca di sviluppo statale tedesca KfW IPEX. L’hanno inaugurato le due donne che guidano i paesi coinvolti nel progetto. Angela Merkel premendo simbolicamente il pulsante di avvio ha aperto il nuovo collegamento elettrico tra la Germania e la Norvegia.

NordLink non manterrà il primato di più grande cavo del continente a lungo. Si sta già lavorando ad un cavo elettrico sottomarino ancora più lungo, che collegherà il Regno Unito e la Norvegia, e che dovrebbe entrare in funzione verso la fine di quest’anno.

Ma a cosa serve un cavo elettrico sottomarino come NordLink? Il cavo, con una capacità potenziale di 1.400 megawatt (MW), permetterà alla Norvegia di esportare l’energia idroelettrica in eccesso alla Germania, e alla Germania di vendere l’energia eolica in eccesso alla Norvegia. Un alleato prezioso contro lo spreco di energia e, di riflesso, contro l’avanzamento dei cambiamenti climatici.

NordLink dovrebbe fornire a circa 3,6 milioni di famiglie energia pulita e anche per questo viene chiamato anche “cavo Green”.
Tim Meyerjürgens, COO di TenneT, uno dei partner del consorzio, ha spiegato che “Con NordLink, abbiamo portato a termine con successo un progetto internazionale di punta per la transizione energetica europea e lo abbiamo integrato in modo sostenibile con il mercato dell’elettricità”.

Le reazioni però nei due Paesi sono state piuttosto diverse: se in Norvegia i consumatori non sono entusiasti della prospettiva che i prezzi dell’elettricità in Norvegia si avvicinino a quelli della Germania, in Germania invece c’è un certo entusiasmo per la promessa del progetto di aumentare la sicurezza energetica, dato che la rapida eliminazione dell’energia nucleare ha sollevato domande sempre più urgenti sul futuro approvvigionamento energetico del paese.

“NordLink, che è lungo oltre 600 km, sta aiutando a garantire un approvvigionamento energetico sostenibile”. Non solo in Germania e Norvegia, ma indirettamente in tutta Europa. “In ultima analisi, dobbiamo pensare all’approvvigionamento energetico nella dimensione europea”, ha detto Angela Merkel.