Gas, l’Ue chiarisce in che modo le aziende possono pagare le forniture russe evitando le sanzioni

Con il nuovo sistema di pagamento voluto da Vladimir Putin, gli acquirenti sono obbligati a depositare euro o dollari su un conto presso la banca privata russa Gazprombank. La banca convertirà quindi il denaro in rubli e verserà il ricavato su un altro conto di proprietà dell'acquirente straniero e trasferirà il pagamento in valuta russa a Gazprom. [Ralf Liebhold / Shutterstock]

La Commissione Europea ha spiegato in che modo le società dell’Unione Europea possono pagare il gas russo senza violare le sanzioni contro la Russia, in una guida aggiornata sulla questione visionata da Reuters.

Il mese scorso, la Commissione ha detto ai paesi membri che le società europee potrebbero essere in grado di pagare il gas russo senza violare le sanzioni dell’Ue contro Mosca, ma solo seguendo determinate condizioni, dopo che la Russia ha chiesto agli acquirenti stranieri di iniziare a pagare il gas in rubli, pena il rischio di perdere la fornitura.

In una guida aggiornata, condivisa venerdì 13 maggio con i paesi dell’Ue e vista da Reuters, la Commissione ha confermato il suo precedente consiglio secondo cui le sanzioni dell’Ue non impediscono alle società di aprire un conto presso una banca designata, e secondo cui le società possono pagare per il gas russo, purché lo facciano nella valuta concordata nei loro contratti esistenti e dichiarino la transazione completata quando la transazione in quella valuta è stata effettuata.

Quasi tutti i contratti di fornitura che le società dell’Ue hanno con il gigante russo del gas Gazprom sono in euro o dollari.

La Russia ha tagliato la fornitura di gas a Polonia e Bulgaria il mese scorso, dopo che i due paesi si erano rifiutati di effettuare i pagamenti in rubli. Diversi governi dell’UE e grandi importatori hanno chiesto maggiore chiarezza a Bruxelles sulla possibilità di continuare ad acquistare gas da Mosca.

Gas, la Russia interrompe le forniture a Polonia e Bulgaria

La Russia ha interrotto a partire da mercoledì 27 aprile le forniture di gas alla Polonia e alla Bulgaria, in quella che è la prima ritorsione di Mosca contro dei paesi dell’Unione Europea dopo l’imposizione delle sanzioni occidentali in seguito …

Le aziende dovrebbero fare una “dichiarazione chiara” dicendo che quando pagano euro o dollari, considerano rispettati i loro obblighi derivanti dai contratti esistenti, afferma la guida.

Va inteso che “tali pagamenti in queste valute esonerano definitivamente l’operatore economico dagli obblighi di pagamento previsti da detti contratti, senza ulteriori azioni da parte loro in merito al pagamento”, si legge.

Risolvendo i propri obblighi una volta depositati euro o dollari, una società potrebbe evitare di essere coinvolta in rapporti con la banca centrale russa, che è soggetta a sanzioni, e che potrebbe essere coinvolta nella conversione degli euro in rubli.

Il decreto del presidente Vladimir Putin aveva affermato che una transazione sarebbe stata considerata completa solo dopo che la valuta estera fosse stata convertita in rubli.

La Commissione non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Gas russo, Eni e le compagnie energetiche europee alle prese con il problema dei pagamenti in rubli

Eni si starebbe preparando ad aprire un conto in rubli presso Gazprombank, la banca della compagnia statale russa del gas, per soddisfare la richiesta di Mosca di pagare le forniture energetiche in rubli. Lo ha rivelato l’agenzia Bloomberg citando fonti russe.

La mossa …

Eni e RWE aprono conti correnti 

Il gruppo energetico italiano Eni ha dichiarato che aprirà conti bancari questa settimana per pagare il gas russo dopo aver chiarito che una tale mossa non violerà le sanzioni, hanno affermato due fonti lunedì 16 maggio.

“Le linee guida hanno dato il via libera a Eni”, ha detto una delle fonti.

La guida aggiornata ha sostanzialmente offerto a Eni assicurazioni che non ci sono ostacoli sulla sua strada, ha affermato la seconda fonte.

Lunedì, anche la tedesca RWE ha dichiarato di aver aperto un conto in Russia per pagare il gas in euro.

“Eni sta ancora svolgendo le sue valutazioni e al momento non ha avviato alcuna procedura per aprire due conti”, ha detto un portavoce di Eni.

Con il nuovo sistema di pagamento russo, introdotto in risposta alle radicali sanzioni occidentali imposte dopo che Mosca ha invaso l’Ucraina, gli acquirenti sono obbligati a depositare euro o dollari su un conto presso la banca privata russa Gazprombank.

La banca convertirà quindi il denaro in rubli, verserà i proventi su un altro conto di proprietà dell’acquirente straniero e trasferirà il pagamento in valuta russa a Gazprom.

L’Italia, che l’anno scorso ha acquistato circa il 40% del suo gas dalla Russia, si sta affrettando a trovare forniture alternative.