Gas, l’Algeria minaccia la Spagna di bloccare le forniture

I due gasdotti che collegano Algeria e Spagna. [Paudal.com]

L’Algeria ha minacciato mercoledì 27 aprile di rompere un contratto per la fornitura di gas alla Spagna se Madrid lo trasferisse a “una terza destinazione”, in una nuova puntata del dissidio tra Algeria e Marocco sul riconoscimento della regione separatista marocchina del Sahara occidentale.

Il colosso energetico statale algerino Sonatrach ha garantito oltre il 40% delle importazioni di gas naturale di Madrid nel 2021, la maggior parte delle quali è stata fornita direttamente attraverso il gasdotto Medgaz di 750 chilometri in acque profonde.

L’Algeria, il più grande esportatore di gas dell’Africa, in precedenza forniva gas alla Spagna anche attraverso il gasdotto GME (Gaz Maghreb Europe), che collega i due paesi passando attraverso il Marocco.

Lo scorso novembre, però, Algeri ha interrotto la fornitura attraverso il GME a causa della rottura delle relazioni diplomatiche con Rabat, privando così il Marocco del gas algerino.

Mercoledì, il ministro dell’Energia e delle miniere algerino Mohamed Arkab ha detto che il suo omologo spagnolo lo ha informato che Madrid avrebbe “autorizzato l’operazione di deflusso controcorrente” del gasdotto GME. L’operazione sarebbe iniziata “oggi o domani”, afferma un comunicato del ministero dell’Energia spagnolo che però non menzionava il paese in cui sarebbe stato inviato il gas.

Tuttavia, a febbraio, la Spagna aveva dichiarato che avrebbe aiutato Rabat a “garantire la sua sicurezza energetica” consentendole di importare gas attraverso il GME.

Algeri ha avvertito che qualsiasi dirottamento di “gas naturale algerino consegnato in Spagna, [verso una] destinazione diversa da quella prevista nei contratti, sarà considerata una violazione degli impegni contrattuali”, che “potrebbe comportare la risoluzione del contratto tra Sonatrach ei suoi clienti spagnoli”.

Algeria e Marocco vivono una fase di relazioni politiche molto tese mesi, iniziata dopo la normalizzazione dei legami diplomatici del Marocco con Israele, ottenuta in cambio del riconoscimento statunitense della sovranità di Rabat sulla regione del Sahara occidentale, ex colonia spagnola  il cui territorio è conteso tra il Marocco e il Fronte Polisario, che nel 1976 ha dichiarato l’indipendenza e proclamato la nascita della Repubblica democratica Araba del Sahrawi.

Sahara occidentale, la Corte Ue annulla gli accordi commerciali con il Marocco

Il Tribunale dell’Unione europea ha accolto un ricorso degli indipendentisti saharawi del Fronte Polisario contro la Commissione, il Consiglio e Rabat.

La Corte generale dell’Unione europea ha annullato, mercoledì 29 settembre, due accordi tra l’Ue e il Marocco applicati al Sahara …

La Spagna, che dipende dall’Algeria per le forniture di gas, ha cambiato a marzo 2021 la sua decennale posizione di neutralità e ha riconosciuto il piano del Marocco che prevede il mantenimento della propria sovranità sulla regione in cambio della concessione di un’ampia autonomia.

L’avvertimento dell’Algeria arriva mentre l’Europa cerca fonti di approvvigionamento di energia alternative alla Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina.

Il colosso energetico statale russo Gazprom mercoledì ha interrotto tutte le forniture di gas alla Polonia e alla Bulgaria, sollevando lo spettro di una carenza nella regione e in Europa nel suo insieme.

Di recente, anche l’Italia ha stretto un accordo con l’Algeria per incrementare le proprie importazioni di gas dal paese nordafricano, in una mossa interpretata da alcuni osservatori come un segnale del cambiamento dei rapporti diplomatici nell’area del Maghreb.

Gas, accordo Italia-Algeria per aumentare le importazioni. Draghi: primo passo per ridurre la dipendenza dalla Russia

L’Italia aumenterà di quasi il 50% l’importazione di gas dall’Algeria, grazie a un accordo che renderà il paese nordafricano il principale fornitore del nostro paese, superando la Russia. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, che lunedì …