Energie rinnovabili, servono 130 mila miliardi di dollari di investimenti nei prossimi 30 anni

Un parco di energie rinnovabili a Dongtai, in Cina. [EPA-EFE/ALEX PLAVEVSKI]

Secondo un rapporto dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena), la transizione energetica deve ricevere una spinta maggiore per centrare gli obiettivi posti dagli accordi di Parigi sul clima. Il ritmo di crescita delle rinnovabili deve aumentare di otto volte nei prossimi 30 anni.

Gli investimenti necessari per restare allineati all’obiettivo posto dagli accordi di Parigi sono superiori ai 130 mila miliardi di dollari entro il 2050, scrive Irena nel rapporto. Per allora, il 90% delle soluzioni di decarbonizzazione coinvolgerà le energie rinnovabili.

Secondo le previsioni di Irena, carbone e petrolio subiranno un declino del 75% nell’uso entro metà secolo, mentre il gas naturale resterà la fonte fossile dominante, ma comunque in declino. Per completare il passaggio, serve un focus sulle rinnovabili: elettrificazione sostenibile, uso dell’idrogeno verde e delle tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio, importanti per accompagnare il graduale processo di abbandono dei combustibili fossili riducendone le emissioni inquinanti.

Questo passaggio deve essere accompagnato dalla concentrazione di investimenti proprio nel settore dell’energia rinnovabile, un processo che è già stato messo in atto, ma serve un impegno ulteriore. Secondo il report di Irena, è necessario aumentare del 30% gli investimenti green rispetto a quelli già preventivati finora.

Entro il 2050, Irena prospetta la necessita di decuplicare la capacità energetica proveniente da fonti rinnovabili, mentre l’elettrificazione dei trasporti deve aumentare di 30 volte rispetto a oggi. Tuttavia, questi obiettivi decisamente ambiziosi genererebbero un crollo del 70% delle emissioni.

Energia: nell'Ue le fonti rinnovabili superano quelle fossili, ma resta molto da fare

Nel 2020 le energie rinnovabili sono state la prima fonte di elettricità in Europa, superando per la prima volta nella storia i combustibili fossili (carbone e gas).

Secondo i dati diffusi lunedì 25 gennaio dai think tank Ember e …

“La finestra di opportunità per raggiungere l’obiettivo degli accordi di Parigi [di contenere il riscaldamento globale in 1,5 °C nel 2050] si sta chiudendo rapidamente”, dice il direttore di Irena Francesco La Camera. “Le tendenze recenti mostrano che stiamo andando nella direzione sbagliata”.

La Camera ha però sottolineato alcuni aspetti che lasciano intendere la possibilità di raggiungere ancora l’obiettivo. “Le maggiori economie mondiali si stanno volgendo verso la neutralità al carbonio. Gli investitori globali puntano verso capitali sostenibili. La ripresa dalla pandemia dovrà contenere fondi per la transizione green”, ha dichiarato.