Mobilità sostenibile, il piano Ue: 30 milioni di auto a impatto zero entro il 2030

La Commissione ha presentato un piano per ridurre del 90% le emissioni dei trasporti entro il 2050.

Per azzerare le emissioni di CO2 in Europa entro il 2050, tutti i mezzi di trasporto devono diventare più sostenibili. Per favorire questa transizione l’Ue europea ha definito una serie di obiettivi.  Entro il 2030 ci saranno almeno 30 milioni di auto a emissioni zero, 100 città europee raggiungeranno la neutralità climatica e il traffico ferroviario ad alta velocità raddoppierà. Inoltre le navi a emissioni zero saranno pronte per il mercato.

“La strategia di oggi cambierà il modo in cui le persone e le merci si muovono in Europa e renderà facile combinare diversi modi di trasporto in un unico viaggio. Abbiamo fissato obiettivi ambiziosi per l’intero sistema dei trasporti per garantire un ritorno sostenibile, intelligente e resistente alla crisi”, ha dichiarato il vicepresidente esecutivo con delega all’European Green Deal, Frans Timmermans.

La Commissione Ue ha annunciato anche che entro il 2035 saranno pronti per il mercato gli aerei di grandi dimensioni a zero emissioni. Entro il 2050 quasi tutte le auto, i furgoni, gli autobus e i nuovi veicoli pesanti saranno a emissioni zero e la rete TEN-T ad alta velocità sarà pienamente operativa.

Più punti di carica

Per realizzare questi obiettivi la strategia Ue individua un totale di 82 iniziative in 10 aree d’azione chiave (“flagship”). Ad esempio per favorire la diffusione di veicoli a emissioni zero entro il 2030 si prevede di installare 3 milioni di punti di ricarica pubblici. Bruxelles intende anche fornire migliori incentivi per gli utenti, perseguendo una serie di misure per fornire prezzi equi ed efficienti per tutti i trasporti.

Investimenti verdi
“Dobbiamo fornire alle imprese un quadro stabile per gli investimenti verdi che dovranno effettuare nei prossimi decenni. Attraverso l’attuazione di questa strategia, creeremo un sistema di trasporto più efficiente e resiliente, che è sulla strada giusta per ridurre le emissioni in linea con i nostri obiettivi europei di Green Deal”, ha spiegato la commissaria per i trasporti Adina Vălean.

Viaggi multimodali

Secondo la Commissione Ue è necessario che la mobilità multimodale connessa e automatizzata diventi una realtà, rendendo possibile l’acquisto di biglietti per viaggi multimodali e merci per passare senza soluzione di continuità da un mezzo di trasporto all’altro.

L’intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale avrà un ruolo centrale nel favorire lo sviluppo di una mobilità sempre più smart. Per questo l’Ue si impegna a sostenere pienamente il dispiegamento di droni e velivoli senza pilota e ulteriori azioni per costruire uno spazio comune europeo di dati sulla mobilità.