Cop26, cinque paesi europei lanciano un’alleanza contro l’energia nucleare

"In Germania una tassonomia che include il nucleare perderebbe credibilità agli occhi dei cittadini", ha detto la ministra tedesca dell'Ambiente, Svenja Schulze. [EPA-EFE/KAY NIETFELD / POOL]

Di fronte alla spinta francese per rilanciare l’energia nucleare in Europa, un gruppo di cinque paesi dell’UE, guidati dalla Germania, si è unito per sollecitare la Commissione europea a tenere il nucleare fuori dalla tassonomia della finanza verde dell’UE.

“L’energia nucleare è incompatibile con il principio ‘non fare danni significativi’ del regolamento UE sulla tassonomia”, afferma la dichiarazione congiunta per una tassonomia UE senza nucleare firmata da Austria, Danimarca, Germania, Lussemburgo e Portogallo.

“Abbiamo molte prove di quanto possa essere pericolosa l’energia nucleare”, ha affermato  giovedì 11 novembre Leonore Gewessler, ministro austriaco per l’Energia, in un evento collaterale alla Cop26 di Glasgow.

La Commissione europea dovrebbe presentare nelle prossime settimane una proposta che chiarirà lo status del nucleare e del gas nell’ambito della tassonomia della finanza verde dell’UE, un regolamento che fornisce indicazioni agli investitori precisando le condizioni in base alle quali le tecnologie possono essere considerate sostenibili.

Austria e Lussemburgo sono i più accaniti oppositori dell’energia nucleare in Europa, e sin dall’inizio si sono opposti all’inclusione dell’energia nucleare nella tassonomia, ha detto un diplomatico dell’UE a EURACTIV.

I due paesi sembrano aver utilizzato il vertice sul clima delle Nazioni Unite di Glasgow per portare Germania, Portogallo e Danimarca dalla loro parte.

“Riconosciamo il diritto sovrano degli Stati membri di decidere a favore o contro il nucleare come parte dei loro sistemi energetici nazionali”, si legge nella dichiarazione congiunta: “Tuttavia, siamo preoccupati che l’inclusione dell’energia nucleare nella tassonomia danneggi in modo permanente la sua integrità e credibilità, e quindi la sua utilità”.

Svenja Schulze, ministro dell’Ambiente uscente della Germania, si è ripetutamente espressa contro l’energia nucleare. “In Germania, una tassonomia che includa l’energia nucleare, mancherebbe di integrità e credibilità nei confronti della grande maggioranza della popolazione e di molti risparmiatori”, ha detto da Glasgow.

Nucleare e gas, un documento non ufficiale propone di includerli nella tassonomia della finanza verde dell'Ue

Una proposta non ufficiale per introdurre sia l’energia nucleare che il gas naturale nella tassonomia della finanza verde dell’Unione ha iniziato nei giorni scorsi a circolare negli ambienti di Bruxelles. Il documento è stato bollato come una “vergogna scientifica” dagli …

La questione è politicamente delicata per la Germania, che dopo le elezioni di settembre non ha ancora un governo nel pieno delle sue funzioni, e dove l’opinione pubblica è ampiamente favorevole all’uscita dal nucleare del paese entro il 2022, decisa sulla scia del disastro di Fukushima.

I tre partiti impegnati nei colloqui di coalizione – Socialdemocratici (SPD), i Verdi e Liberali (FDP) – sono ancora impantanati nei negoziati, che non dovrebbero concludersi prima dell’inizio di dicembre.

Sven Giegold, uno dei principali negoziatori dei Verdi, ha detto a EURACTIV che l'”iniziativa francese ed est-europea” per includere il nucleare nella tassonomia “distruggerebbe gli sforzi di finanza sostenibile dell’Unione europea” e sarebbe il “becchino della tassonomia”

Parallelamente, l’Austria sta lanciando una sfida legale contro l’inclusione dell’energia nucleare nella tassonomia. “Un’interpretazione del Regolamento sulla tassonomia alla luce del diritto primario dell’Ue conferma che l’energia nucleare non può essere inclusa nella tassonomia europea”, sostiene infatti una valutazione legale commissionata dal governo austriaco e pubblicata a settembre.

Qualsiasi atto delegato adottato sulla base del regolamento sulla tassonomia, che includa in qualche modo l’energia nucleare nella classificazione green, sarebbe impugnabile davanti ai tribunali dell’UE, ha affermato l’ufficio legale internazionale Redeker-Sellner-Dahs.

Tuttavia, la presidente della Commissione UE, Ursula von der Leyen, ha affermato che il nucleare sarà inserito nella tassonomia. E nonostante tra i contrari ci siano due grandi paesi come Germania e Spagna, l’alleanza a sei non dispone dei voti necessari al Consiglio per respingere l’atto delegato della Commissione.

Tassonomia green, 10 paesi dell'Ue vogliono l'inserimento del nucleare tra gli investimenti sostenibili

“Il nucleare deve essere parte della soluzione” alla crisi climatica e all’aumento dei prezzi dell’energia, secondo un gruppo di 10 paesi dell’UE guidati da Francia e Polonia, che lunedì 11 ottobre hanno firmato un articolo di opinione congiunto pubblicato su …