Connecting Europe Express, 70 città e 26 Paesi in treno: tra le tappe anche l’Italia

interrail [Interrail/Facebook]

Questo autunno un treno speciale attraverserà l’Europa, viaggiando attraverso 26 Paesi, per promuovere la mobilità sostenibile. Si tratta del Connecting Europe Express.

L’iniziativa ideata dalla Commissione europea nell’ambito dell’Anno europeo delle ferrovie, è realizzata in collaborazione con la presidenza portoghese di turno del Consiglio Ue, e coinvolge la Comunità delle società ferroviarie e infrastrutturali europee (Cer), gli operatori ferroviari europei, i gestori delle infrastrutture e numerosi altri partner a livello europeo e locale.

Il treno partirà il 2 settembre a Lisbona e fermandosi in più di 40 città collegherà le presidenze portoghese, slovena e francese del Consiglio dell’Ue, arrivando a Parigi il 7 ottobre. In Italia farà tappa a Torino, Milano, Genova, Roma, Verona, Bolzano e al Brennero.

“Attraversando il continente, da Lisbona a Bucarest e da Berlino a Parigi, il Connecting Europe Express seguirà le rotte che ci legano – sia come Paesi che come imprese o persone – ha spiegato la commissaria Ue per i trasporti Adina Vălean – .Pur essendo un simbolo di connettività, questo treno serve anche a ricordare che abbiamo ancora una lunga strada da percorrere e molto lavoro da fare prima che la ferrovia diventi l’opzione di trasporto preferita dagli europei”.

Le iniziative lungo il percorso

In ciascuna tappa, una serie di attività ed eventi metteranno in luce il ruolo chiave che la ferrovia svolge per l’Unione europea, ma anche le sfide da superare per attirare più passeggeri e merci. Cinque conferenze si svolgeranno a Lisbona, Bucarest, Brdo, Berlino e Bettembourg. Si concentreranno sulla politica infrastrutturale dell’Ue e metteranno in evidenza il ruolo della rete transeuropea dei trasporti (TEN-T) nel collegare non solo l’Europa, ma anche i trasporti.

“Viaggiando attraverso 26 paesi europei, il Connecting Europe Express è la prova dell’importanza dell’Anno europeo della ferrovia – ha detto il presidente del CER e Ceo delle Ferrovie Federali Austriache Andreas Matthä – .Per raggiungere i nostri obiettivi climatici, dobbiamo rafforzare ulteriormente la vitalità della ferrovia con più servizi ferroviari internazionali per passeggeri a lunga distanza e dobbiamo anche spostare coerentemente il trasporto merci su rotaia”.