NGEU un anno dopo

Un anno fa i capi di stato e di governo dei paesi dell’Unione europea al termine del Consiglio Europeo Straordinario del 17-21 luglio 2020 approvarono all’unanimità un progetto per la ripresa ed il rilancio economico post pandemia da attuare nel settennato 2021-2027 il Next Generation EU.

Ora, ad un anno di distanza, il progetto è entrato nella fase esecutiva: tutti i paesi dell’UE – ciascuno secondo il proprio sistema legislativo – hanno ratificato il progetto e le normative connesse, tutti hanno presentato il proprio PNRR – e quelli di 12 paesi tra cui il nostro sono stati approvati -, sono già stati emessi e collocati – con un successo largamente superiore alle aspettative – i primi Eurobonds connessi al NGEU e i primi finanziamenti sono attesi per la fine di questo mese. È questa la dimostrazione più chiara ed esplicita della potenza e dell’efficacia dell’UE, pur con tutte le lentezze e le difficoltà del caso, da contrapporre alle cassandre degli euroscettici e dei sovranisti di ogni paese e di ogni colore.

Commissione Europea

Con il sostegno del Parlamento Europeo