Vino, la guerra in Ucraina e il caro energia mettono in difficoltà il settore. Nel 2022 il fatturato calerà del 3%

Il surplus sui costi di produzione – che incidono per oltre il 30% sul prezzo finale di una bottiglia – dovrebbe quindi arrivare a fine 2012 a 1,7 miliardi. [EPA/CESARE ABBATE]

Questo articolo fa parte dello Special Report Gli effetti della guerra in Ucraina sul settore agricolo italiano.

Gli effetti dell’invasione russa dell’Ucraina, che si sommano a una congiuntura già caratterizzata dai rincari dell’energia e delle materie prime, provocherà quest’anno un calo del fatturato del comparto vinicolo italiano del 2,5-3%, secondo le associazioni del settore, che chiedono un’accelerazione degli investimenti previsti dal Piano di ripresa e resilienza.

Dopo un 2021 da record per le esportazioni di vino italiano, che sono cresciute – secondo i dati dell’Istat – del 12,4% e hanno raggiunto un attivo commerciale di 6,7 miliardi di euro, per le imprese del settore il 2022 è destinato a essere un anno assai più difficile.

L’allarme era stato lanciato già lo scorso gennaio dall’Unione italiana vini (Uiv), che rappresenta oltre l’85% delle esportazioni del comparto. L’associazione aveva infatti annunciato un aumento del costo dell’energia di 350 milioni di euro rispetto al 2020, mentre i rincari delle materie prime come carta, vetro, legno, e dei prezzi dei trasporti erano stati stimati in circa un miliardo.

“Il vino italiano”, spiega ora a EURACTIV il segretario generale di Uiv, Paolo Castelletti, “subirà quest’anno una contrazione del proprio fatturato del 2,5%-3%. La causa sta nel combinato disposto di alcuni fattori congiunturali che con la guerra hanno subito un’ulteriore accelerazione”.

L’effetto più immediato dell’invasione, e delle sanzioni decise dall’UE, è ovviamente “il quasi completo azzeramento delle vendite presso i mercati emergenti coinvolti nel conflitto”, afferma Castelletti. Nel 2021, secondo i dati dell’autorità delle Dogane, l’export di vino verso Russia, Ucraina e Bielorussia ha registrato un valore di circa 400 milioni di euro, il 5% delle esportazioni totali: “Sia quest’anno che, probabilmente, nel 2023, ne perderemo buona parte”.

“Non siamo ancora in grado di dare dati precisi sull’impatto della guerra russo-ucraina nel nostro export”, dice invece Ettore Nicoletto, vicepresidente del Consiglio del Gruppo Vini in Federvini, un’altra organizzazione di settore.

“Quello che però possiamo evidenziare”, aggiunge, “è che siamo i primi esportatori di vino in Russia con una quota di mercato del 33%, ben davanti alla Francia con il 19%. La Russia rimane un mercato ‘storico’ per il vino italiano e da tempo è tra le prime dieci destinazioni. Ma la stessa Ucraina è stata tra i mercati che erano cresciuti di più anche nella fase più dura della pandemia”.

Agricoltura, dall'Ue nuove misure di sostegno straordinarie per vino e ortofrutta

Tra le altre cose Bruxelles ha aumentato il contributo all’assicurazione del raccolto per il settore vitivinicolo. Mentre per l’ortofrutta il sostegno ai produttori sarà compensato in modo da essere pari almeno all’85% del livello dello scorso anno.

La Commissione europea nei …

Secondo Castelletti, però, la conseguenza più importante della guerra è l’amplificazione dell’“escalation dei costi di produzione e dell’inflazione”, che ha spinto Uiv a stimare un ulteriore aumento del costo medio di produzione di circa 400 milioni. Il surplus sui costi produttivi – che incidono per oltre il 30% sul prezzo finale di una bottiglia – dovrebbe quindi arrivare a fine 2012 a 1,7 miliardi.

I rincari hanno coinvolto materie prime come il vetro, la cui produzione richiede un grosso dispendio di energia e che, afferma Castelletti, “ha subito un aumento dei prezzi del 30%” a cui si aggiungono “grossi problemi di ritardo nelle consegne: alcuni formati di bottiglie non arriveranno almeno fino all’autunno, e altri sono di difficile reperibilità”. La realizzazione di bottiglie da vino assorbe circa il 40% della produzione complessiva dell’industria del vetro.

C’è poi il tema dei trasporti, con i costi dei container “saliti in media del 250% ma con punte del 1.000% per i noli marittimi”, dice Nicoletto. Oggi, aggiunge Castelletti, “un container per andare oltreoceano costa 12-14 mila euro rispetto ai 2.000 degli anni scorsi, e per andare ad esempio negli Stati Uniti c’è un’attesa di almeno 4 mesi”.

Tutto questo, continua il segretario Uiv, “ha un grosso impatto sui margini delle imprese, che hanno molta difficoltà a ritoccare al rialzo i listini, perché soprattutto la grande distribuzione non intende rivedere i contratti. Facendo una somma, l’aumento dei costi ha un impatto medio per i produttori di circa 12-14 centesimi di euro a bottiglia”.

Al di là delle misure emergenziali che anche il governo italiano ha varato per contrastare i rincari energetici, secondo Uiv nel medio periodo la parola chiave per un settore che consuma molta energia è quella degli investimenti in macchinari più efficienti, approvvigionamento da fonti rinnovabili e materiali più sostenibili, progetti per i quali il piano di ripresa e resilienza (Pnrr)  – che per raggiungere questi obiettivi prevede 2 miliardi – può essere un volano.

“A breve”, dice il segretario Uiv, “partirà il bando del Pnrr sulla parte energetica, che consentirà di ricevere contributi non solo alle aziende vinicole ma a tutte quelle della filiera, come quelle del vetro. E poi ci sono i fondi della PAC”, la politica agricola comune.

Un altro strumento su cui puntare, conclude Castelletti, è poi quello degli accordi di filiera per la parte logistica, “uno strumento in grado di aiutare le aziende meno strutturate a posizionarsi meglio sul mercato”.

Supporter

Le opinioni espresse nella presente pubblicazione sono quelle dell'autore che ne assume la responsabilità esclusiva.
La Commissione non è responsabile dell'eventuale uso delle informazioni in essa contenute.