Spagna, il governo anticipa i fondi del Recovery per le regioni

La ministra delle finanze spagnola María Jesús Montero. [EFE/ Juan Carlos Hidalgo]

Il governo spagnolo ha anticipato 2,1 miliardi di euro della sua quota di fondi del Recovery Plan, il 7,9% dei 26 miliardi previsti per quest’anno dal piano di ripresa europeo.

Secondo le previsioni degli esperti, la Spagna potrebbe ricevere le prime due o tre tranche dei suoi 140 miliardi di euro provenienti dal Recovery Plan già entro la fine dell’anno, se sarà rapida nell’applicazione del suo ambizioso piano di riforme.

La maggior parte dei 26 miliardi attesi quest’anno, che il bilancio spagnolo prevede possano essere anticipati tramite debito, saranno investiti in politiche ambientali e sociali, come riporta il quotidiano finanziario Cinco Días.

La prima tranche, che presto sarà distribuita alle regioni, dimostra che il programma sta “diventando realtà giorno dopo giorno”, come ha dichiarato la ministra delle finanze spagnola María Jesús Montero.

Economia dell’assistenza

Il progetto principale, che ha più di un terzo delle risorse già allocate, è stato approvato questa settimana dal governo. Consiste in un piano per promuovere un’economia dell’assistenza, che mira a migliorare la cura per gli anziani e una serie di politiche sanitarie.

Il piano, che ha un budget di 730 milioni di euro, si fonda su tre pilastri. 482 milioni saranno destinati a migliori servizi di assistenza a casa, mentre 216 milioni contribuiranno ai servizi sociali e alla protezione dei bambini e 31 milioni per l’eliminazione delle barriere architettoniche nella pubblica amministrazione, ha confermato la ministra per i diritti sociali Ione Belarra.

Il ministero della transizione ecologica ha già destinato 576 milioni per coprire piani ambientali regionali e altri 400 milioni per il programma Moves III che promuove i veicoli elettrici.

Presentato "España puede", il piano nazionale di ripresa spagnolo

Il governo spagnolo ha recentemente presentato il proprio PNRR, il piano nazionale per la ripresa e la resilienza. La Spagna e l’Italia sono i due Stati membri dell’UE che maggiormente beneficeranno del sostegno europeo con più del 50% dei fondi …

Condizionalità in cambio dei soldi

Il governo spagnolo di Psoe e Unidas Podemos ha mobilitato i fondi dopo averli anticipati nel bilancio annuale spagnolo, anche se i soldi europei non arriveranno fino alla seconda metà di quest’anno. Una prima tranche da 9 miliardi potrà essere erogata dopo l’approvazione formale del piano.

Da quando il piano spagnolo sarà formalmente ricevuto a Bruxelles, cosa che dovrebbe accadere la prossima settimana, la Commissione europea avrà due mesi per approvarlo, dopo di che il Consiglio europeo avrà a disposizione un mese ulteriore.

Madrid confida di riceve il via libera dall’Ue entro luglio. Una tranche ulteriore da 16 miliardi è attesa prima della fine dell’anno. La parte restante, che ammonta a 70 miliardi di sovvenzioni, potrebbe essere pagata ogni sei mesi in base al raggiungimento degli obiettivi del piano. Tra questi vi sono la riforma di tasse e pensioni e la digitalizzazione dell’economia.

Commissione Europea

Con il sostegno del Parlamento Europeo