La Commissione Ue propone tre nuove tasse: 17 miliardi di euro l’anno per finanziare il Recovery Plan

Il commissario europeo al Bilancio Johannes Hahn. [EPA-EFE/FRANCOIS WALSCHAERTS / POOL]

La Commissione europea ha proposto tre nuove tasse che nei prossimi decenni consentiranno ai Paesi Ue di ripagare i prestiti contratti per il piano di ripresa da 800 miliardi di euro.

La prima “risorsa propria” si basa sulle entrate provenienti dallo scambio di quote di emissioni (Ets), la seconda attinge alle risorse generate dal proposto meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere dell’Ue, la terza è fondata sulla quota degli utili residui delle imprese multinazionali che sarà riassegnata agli Stati membri dell’Ue secondo il recente accordo Ocse/G20 sulla ridistribuzione parziale dei diritti di imposizione.

Si prevede che queste nuove “risorse proprie”, una volta entrate a regime negli anni 2026-2030, genereranno in media fino a 17 miliardi di euro all’anno di entrate per il bilancio Ue.

“Con il pacchetto odierno poniamo le basi per il rimborso di Next Generation EU e forniamo un sostegno fondamentale al pacchetto Pronti per il 55 %, concretizzando il finanziamento del Fondo sociale per il clima. Grazie a questo insieme di nuove risorse possiamo garantire che la prossima generazione riceverà effettivamente i vantaggi di Next Generation EU”, ha spiegato il commissario per il Bilancio Johannes Hahn.

Le entrate Ets

Nel sistema di scambio per le quote di emissioni dell’Ue attualmente in vigore, le entrate derivanti dalla vendita all’asta delle quote di emissioni sono trasferite per la maggior parte ai bilanci nazionali. La Commissione propone che in futuro una quota pari al 25% delle entrate provenienti dallo scambio di quote di emissioni sia versata al bilancio dell’Ue. Una volta a regime, si stima che le entrate del bilancio dell’Ue costituiranno circa 12 miliardi di euro all’anno in media nel periodo 2026-2030 (9 miliardi di euro in media nel periodo 2023-2030).

Oltre a contribuire a ripagare il Next Generation Eu, tali nuove entrate potrebbero finanziare il Fondo sociale per il clima, presentato dalla Commissione nel luglio 2021. Il Fondo assicurerà una transizione socialmente equa e aiuterà le famiglie, gli utenti dei trasporti e le microimprese vulnerabili a finanziare investimenti nell’efficienza energetica e nella mobilità sostenibile.

Il meccanismo di adeguamento della CO2 alle frontiere

La Commissione propone di assegnare al bilancio dell’Ue anche il 75 % delle entrate generate dal Carbon border adjustment mechanism. L’obiettivo di questo strumento è ridurre il rischio di rilocalizzazione delle emissioni di CO2. Vale a dire il rischio che le aziende con sede nell’Ue spostino produzioni ad alta intensità di emissioni all’estero per trarre vantaggio da norme meno rigorose.

Le entrate che andrebbero al bilancio dell’Ue sono stimate a circa un miliardo di euro all’anno in media nel periodo 2026-2030 (0,5 miliardi di euro in media nel periodo 2023-2030). Non è previsto che il meccanismo generi entrate durante il periodo di transizione dal 2023 al 2025.

Global minimum tax, l'Ue presenta la direttiva per tassare le multinazionali

La proposta, che segue l’accordo internazionale già raggiunto in sede Ocse, stabilisce come sarà applicata l’aliquota minima del 15% in tutti i Paesi dell’Unione.

La Commissione europea ha proposto una direttiva per garantire la tempestiva entrata in vigore della Global minimum …

La Global tax

La terza tassa è fondata sulla quota utili residui delle imprese multinazionali che sarà riassegnata agli Stati membri dell’Ue secondo il recente accordo Ocse/G20 sulla Global minimum tax. Una volta concordati, gli introiti delle Global minimum tax potrebbero avere un impatto annuo tra 2,5 e 4 miliardi sul bilancio Ue.

Le proposte della Commissione saranno ora negoziate con il Parlamento europeo e con i governi Ue raggruppati nel Consiglio europeo. Inoltre, la Commissione intende proporre un secondo pacchetto di entrate Ue per ripagare i prestiti del Next Generation Eu entro la fine del 2023.

Commissione Europea

Con il sostegno del Parlamento Europeo