#CAMBIAGESTO, la campagna contro l’abbandono dei mozziconi nell’ambiente riparte in giro per l’Italia

Promoted content

La tappa romana della campagna #CAMBIAGESTO. [Philip Morris Italia]

Ridurre l’inquinamento dovuto ai mozziconi di sigaretta sensibilizzando chi fuma a cambiare una cattiva abitudine: è l’obiettivo della campagna di sensibilizzazione #CAMBIAGESTO, la cui terza tappa ha preso il via a Roma sabato 18 settembre in occasione del World Clean-Up day 2021, uno dei più grandi movimenti civici al mondo che unisce 180 paesi per un pianeta più pulito.

La campagna, promossa da Philip Morris Italia e patrocinata dal ministero della Transizione ecologica, coinvolge diverse città – oltre alla capitale, Milano, Torino, Firenze, Bologna e Ravenna – e punta a stimolare una presa di coscienza collettiva sul tema dell’inquinamento da mozziconi, con l’obiettivo di proteggere l’ambiente e tutelarne la biodiversità.

Ogni anno, infatti, il peso dei mozziconi dispersi nell’ambiente in tutto il mondo ammonta a 800.000 tonnellate: sono rifiuti che sembrano piccoli rifiuti ma che, se non gestiti correttamente, possono inquinare l’ecosistema terrestre e marino.

Più in generale, entro il 2050 si prevede che nel mondo verranno prodotti 3,40 miliardi di tonnellate di rifiuti all’anno, molto più degli odierni 2,01 miliardi. Ad affermarlo sono le stime del rapporto ‘What a Waste 2.0: A Global Snapshot of Solid Waste Management to 2050’, che raccoglie i dati sui rifiuti solidi a livello nazionale e urbano. Per questo #CAMBIAGESTO, nata per sensibilizzare i cittadini sulla salvaguardia ambientale, aderisce al World Clean-Up Day, la più grande iniziativa di azione civica nata con l’obiettivo di ripulire il mondo dai rifiuti.

[Philip Morris Italia]

Attraverso la distribuzione di materiale informativo e di oltre 270.000 portamozziconi tascabili, messi a disposizione dei fumatori adulti, la campagna della multinazionale punta a rafforzare il senso di responsabilità individuale, incoraggiando l’adozione di comportamenti virtuosi e sostenibili per l’ambiente: in particolare, eliminando l’automatismo di un gesto – gettare un mozzicone a terra – percepito come innocuo, ma che in realtà ha enormi conseguenze sull’ambiente.

#CAMBIAGESTO è parte fondamentale della nostra strategia di sostenibilità” – ha detto il Responsabile Comunicazione e Sostenibilità di Philip Morris Italia, Michele Samoggia: “L’inquinamento da mozziconi si risolve solo agendo sulla prevenzione grazie ad azioni sinergiche ed efficaci in grado di coinvolgere una pluralità di soggetti: aziende, tabaccherie, Istituzioni, Terzo settore. Per questo ci tengo a ringraziare tutti i partner che rendono possibile insieme a noi #CAMBIAGESTO”.

[Philip Morris Italia]

Tra essi quest’anno figura anche LifeGate, con l’adesione al progetto LifeGate PlasticLess, che prevede l’attivazione di tre dispositivi ‘Seabin’, speciali cestini di raccolta dei rifiuti che galleggiano in acqua di superficie e sono in grado di filtrare fino a 25.000 litri d’acqua all’ora e di catturare oltre 500 kg di rifiuti l’anno tra detriti e microplastiche.

Per attivare un Seabin, basta condividere una storia o uno scatto su Instagram, utilizzando l’hashtag #CAMBIAGESTO. Grazie alle prime 500 condivisioni, il primo dispositivo è stato attivato a Venezia, presso VdV S.r.l. – Vento di Venezia. Per l’attivazione degli altri dispositivi, e ripulire così i tratti di costa dei porti di Fiumicino e Taranto da plastica e mozziconi, sarà fondamentale la partecipazione attiva degli utenti del social network.

Il tour di #CAMBIAGESTO si concluderà tra il 20 e il 28 novembre, durante la settimana europea per la riduzione dei rifiuti, facendo tappa a Taranto, Fiumicino e Venezia. Le azioni di sensibilizzazione svolte nelle varie città sono effettuate dalle associazioni partner Retake, movimento no-profit attivo nell’ambito della tutela dell’ambiente, e Plastic Free, che da anni si impegna per coinvolgere la cittadinanza sui temi dell’inquinamento della plastica.