L’Ungheria chiude i campi per richiedenti asilo dopo la sentenza della Corte UE

IlIl Premier ungherese, Victor Orban

epa07913049 Hungarian Prime Minister Victor Orban arrives at the Elysee Palace for a meeting with French President Emmanuel Macron (unseen) in Paris, France, 11 October 2019. EPA-EFE/IAN LANGSDON

L’Ungheria ha dichiarato che, a partire da questo giovedì (21 maggio), ha chiuso i campi della cosiddetta “zona di transito” dove sono detenuti centinaia di richiedenti asilo e migranti, a seguito di una sentenza della Corte di Giustizia dell’UE (CGUE) contro la loro detenzione.

La decisione della CGUE all’inizio di questo mese è l’ultimo scontro tra le autorità dell’UE e il governo del Primo Ministro Viktor Orban, che ha adottato una linea dura sull’immigrazione.

Centinaia di persone erano detenute in container di spedizione dietro una recinzione di filo spinato nei due campi lungo il confine serbo, definiti dalle associazioni per i diritti umani come disumani. Ma il sottosegretario Gergely Gulyas ha detto che giovedì l’Ungheria è stata “obbligata a rispettare il verdetto” della Corte di giustizia europea e quindi “non può fare altro che eliminare le zone di transito”.

“La zona di transito è stata una soluzione che ha protetto i confini dell’Ungheria, e la sentenza della Corte di giustizia europea in questo caso è stata sciagurata”, ha detto Gulyas ai giornalisti.

Ha detto che 280 persone sarebbero state portate dai campi ai centri di accoglienza per i richiedenti asilo, ma non ha specificato per quanto tempo vi sarebbero rimaste e cosa ne sarebbe stato di loro. “Le domande di asilo possono essere presentate solo alle ambasciate all’estero”, ha aggiunto.

Con gli emendamenti approvati nel 2018, l’Ungheria ha respinto automaticamente le domande di asilo di coloro che sono passati attraverso un “Paese di transito sicuro”, in questo caso la Serbia. Il Comitato ungherese di Helsinki (HHC), un’organizzazione per i diritti umani, ha dichiarato che circa 300 persone sono state trasferite.

“Grandi notizie”: Nel giro di una notte le autorità hanno rilasciato tutti – circa 300 persone, molte famiglie con bambini piccoli – detenuti illegalmente nelle zone di transito e trasferiti in strutture aperte o semiaperte!” HHC ha twittato.

“Un primo passo”

Il comitato ha rappresentato le famiglie iraniane e afghane, trattenute per più di un anno nella zona di transito di Roszke dopo che la loro domanda di asilo era stata respinta, in un caso sollevato presso la Corte di giustizia dell’Unione europea con sede a Lussemburgo.

Nella sua sentenza, la CGUE ha affermato che le persone non potevano essere detenute nei campi senza che i loro casi fossero esaminati individualmente e che non potevano essere trattenute per più di quattro settimane.

L’anno scorso la Commissione europea ha avvertito che le condizioni nei campi violavano la legislazione dell’UE sui diritti umani. L’Ungheria ha sostenuto che coloro che si trovano nei campi avrebbero potuto lasciare la zona di transito in direzione della Serbia, ma la Serbia si è rifiutata di riammetterli.