Apple-Irlanda: Bruxelles non si arrende e fa ricorso per recuperare le tasse arretrate

[EPA-EFE/MICHAEL SOHN / POOL]

La Commissione europea ha deciso di presentare ricorso contro la sentenza del luglio 2020 sul caso di aiuti di Stato in Irlanda. “Riteniamo rispettosamente che nella sua sentenza il Tribunale abbia commesso una serie di errori di diritto”, spiega Vestager.

La Commissione europea ha deciso di presentare ricorso dinanzi alla Corte di giustizia europea contro la sentenza del luglio 2020 sul caso di aiuti di Stato Apple in Irlanda. Il tribunale aveva annullato la decisione dell’Antitrust dell’agosto 2016 che riteneva che l’Irlanda avesse concesso aiuti di Stato illegali al gruppo di Cupertino attraverso agevolazioni fiscali selettive.

“Dobbiamo continuare a utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione per garantire che le aziende paghino la loro giusta quota di imposte. In caso contrario, le casse pubbliche e i cittadini sono privati dei fondi per i tanto necessari investimenti, la cui necessità è ancora più acuta ora per sostenere la ripresa economica dell’Europa – ha spiegato al vicepresidente della Commissione Ue Margrethe Vestager in una nota- . Dobbiamo continuare ad adoperarci per mettere in atto la giusta legislazione per colmare le lacune e garantire la trasparenza. Quindi, c’è ancora molto lavoro da fare – anche per assicurarsi che tutte le imprese, anche quelle digitali, paghino la loro giusta quota di tasse dove è giustamente dovuta”.

Bruxelles aveva ordinato al governo irlandese di esigere da Apple 13,1 miliardi di tasse arretrate più interessi. Secondo la sentenza della Corte di giustizia Ue le prove avanzate dall’esecutivo di Bruxelles per giustificare la decisione presa nell’agosto 2016 di imporre la maxi multa all’azienda guidata da Tim Cook non erano sufficienti a dimostrare che sia avvenuto qualcosa di illegale. La Commissione però ritiene “rispettosamente” che il Tribunale “abbia commesso una serie di errori di diritto”, ha sottolineato Vestager e proprio per questo ha deciso di impugnare la sentenza.