Klm, il governo olandese approva un piano di aiuti da 3,4 miliardi

Aerei della flotta KLM rimessati all'aeroporto di Amsterdam-Schiphol. [EPA-EFE/REMKO DE WAAL]

Le cifre del piano di sostegno fornito dal governo di Amsterdam alla compagnia di bandiera, parte del gruppo Air France-KLM, erano già note da quasi due mesi, ma finora non era stato ancora dato il semaforo verde dall’esecutivo olandese. Ora il piano da 3,4 miliardi passerà al vaglio della Commissione europea.

Il ministro delle Finanze olandese Wopke Hoekstra ha confermato venerdì 26 giugno l’entità degli aiuti che il governo fornirà a KLM, per aiutarla a sopravvivere alla pandemia di Covid-19. Si tratta di un totale di 3,4 miliardi di euro, di cui 2,4 saranno prestiti con garanzie bancarie e 1 miliardo sarà un prestito diretto.

“Questo pacchetto è necessario per garantire che KLM e Air France possano continuare a svolgere il loro ruolo fondamentale nella nostra economia” ha dichiarato Hoekstra in conferenza stampa. La Francia aveva già erogato un aiuto da 7 miliardi per la propria compagnia di bandiera.

I piloti di KLM subiranno un taglio degli stipendi del 20%, mentre l’azienda intera dovrà ridurre i costi del 15%. I licenziamenti, per quanto attesi, non sono stati specificati dal ministro delle Finanze, che ha comunque sottolineato che ci saranno inevitabili tagli nel personale, che conta circa 30.000 dipendenti.

Aiuti di Stato, l'unica soluzione per salvare le compagnie aeree europee

Uno dei settori che ha sofferto maggiormente l’impatto della pandemia di Covid-19 è stato quello dell’aviazione. Con le misure di lockdown, le compagnie aeree sono state costrette a fermare a terra i loro velivoli, registrando enormi perdite e rischiando il …

Il governo olandese ha posto alcune condizioni in cambio degli aiuti, come la diminuzione dei voli notturni e una riduzione del 50% delle emissioni di CO2 entro il 2030. Ha anche selezionato un “agente statale” da introdurre del board direttivo della compagnia per verificare che gli aiuti stanziati siano usati esclusivamente per operazioni in Olanda.

I governi di Francia e Paesi Bassi rimangono ai ferri corti sulla gestione del gruppo Air France-KLM, nato dalla fusione delle due compagnie nel 2004. Lo stato olandese ha acquistato nel marzo 2019 il 14% delle quote dell’azienda, per pareggiare quelle in possesso di Parigi e poter quindi avere lo stesso peso politico interno.