Google-Fitbit: l’accordo da 2,1 miliardi approvato dall’Antitrust Ue

L'Antitrust Ue ha approvato l'accordo da 2,1 miliardi di dollari per l'acquisto di Fitbit da parte di Google. [Shutterstock]

L’offerta da 2,1 miliardi di dollari presentata da Alphabet (Google) per l’acquisto del produttore di smartwatch Fitbit ha ricevuto l’approvazione dell’Antitrust europeo, dopo aver accettato alcune restrizioni sull’uso che farà dei dati sulla salute dei consumatori.

L’accordo aveva sollevato critiche da parte dei difensori della privacy da entrambi i lati dell’Atlantico, delle organizzazioni dei consumatori e dei rivali di Google in merito al potere di mercato della compagnia e all’uso dei dati sulla salute degli utenti nella personalizzazione degli annunci pubblicitari.

Fitbit, un tempo leader nel mercato dei dispositivi indossabili, ha perso una fetta di mercato nei confronti di Apple, Xiaomi, Samsung e Huawei negli ultimi anni.

Google-Fitbit, troppi dati nelle stesse mani? L'allarme dei consumatori europei

Il gruppo di consumatori europei BEUC mercoledì 13 maggio ha dichiarato che l’acquisto da 2,1 miliardi di dollari del produttore di fitness tracker Fitbit da parte di Alphabet Inc., società di proprietà di Google, potrebbe danneggiare i consumatori e ostacolare …

 

La Commissione europea ha confermato di aver approvato l’acquisizione imponendo a Google delle condizioni in materia di concorrenza, valide per dieci anni e con la possibilità di un’estensione per altri dieci. Google conserverà i dati di Fitbit separatamente da quelli utilizzati per la pubblicità e non li userà per Google Ads. Gli utenti potranno scegliere se conservare i propri dati sul profilo Fitbit o Google.

“Con queste garanzie l’accordo è possibile, perché così il mercato dei dispositivi indossabili resterà aperto e competitivo”, ha commentato la commissaria europea alla Concorrenza Margrethe Vestager, spesso tra le voci più critiche nei confronti di Google.

Il gigante tecnologico americano manterrà l’accesso ai dati sulla salute e il fitness degli utenti attraverso l’Api (interfaccia) web di Fitbit, senza alcun costo per il servizio e chiedendo esplicitamente il consenso dell’utente per lo scambio di informazioni con gli altri servizi che offre, come Maps e Youtube. Continuerà a fornire una licenza Api gratuita per le funzionalità di base sui dispositivi Android, permettendo così ai dispositivi di funzionare in compatibilità con quel sistema operativo.

“Crediamo che questo accordo porterà a un’innovazione nel mercato dei dispositivi indossabili e ci consentirà di costruire prodotti che aiuteranno le persone a vivere una vita più sana”, ha dichiarato Google.