Wto, le pressioni di Washington frenano la nomina del direttore ad interim

World Trade Organization

È probabile che i membri dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) si astengano dal nominare un direttore generale ad interim per succedere a Roberto Azevedo quando si dimetterà alla fine di agosto dopo che l’insistenza di Washington su un candidato statunitense ha causato una situazione di stallo, hanno sostenuto questo mercoledì due fonti che seguono il processo.

Secondo la nuova proposta, invece di nominare uno dei quattro deputati a ricoprire la carica di capo ad interim fino alla scelta del sostituto di Azevedo nel corso di quest’anno, i funzionari in questione, provenienti da Stati Uniti, Cina, Germania e Nigeria, manterrebbero le loro attuali responsabilità. “Gli Stati Uniti insistono su un americano, ma la Cina e l’Europa hanno messo un freno a tutto questo”, ha detto un ex funzionario del WTO che conosce il processo attuale.

La decisione di finalizzare l’accordo provvisorio potrebbe arrivare già questa settimana, quando i membri dell’OMC si riuniranno. Un nuovo direttore generale permanente dovrebbe essere nominato entro il 7 novembre.  L’OMC è stato sottoposto a forti pressioni e non è stato in grado di risolvere le controversie a causa delle critiche dell’amministrazione statunitense capitanata dal presidente Donald Trump.

Nessun commento è stato espresso da parte dell’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti a Washington, o da un portavoce dell’OMC. Alcuni membri dicono che la controversia sul ruolo del direttore ad interim, un lavoro amministrativo descritto come un funzionario del OMC come “assicurarsi che i treni funzionino in orario”, è di cattivo auspicio per la scelta del direttore generale, che i membri devono fare per consenso. “È solo un ruolo di figura. Se non riusciamo nemmeno a decidere sull’interim, come sceglieremo una DG?” ha detto un delegato.

Tuttavia, altri che hanno seguito il processo hanno visto l’assenza di un leader ad interim come una buona cosa, poiché potrebbe mettere pressione sui membri dell’OMC per andare avanti nella scelta di un successore per Azevedo, che è il primo capo nella storia dell’OMC ad andarsene in anticipo.