Commercio, la WTO approva dei nuovi accordi globali dopo duri negoziati

"Il pacchetto di accordi che avete raggiunto farà la differenza nella vita delle persone in tutto il mondo", ha detto la direttrice generale della WTO, Ngozi Okonjo-Iweala (al centro). [EPA-EFE/Fabrice Coffrini / POOL]

L’Organizzazione mondiale del commercio (WTO) ha concordato venerdì la prima modifica alle regole del commercio globale dopo anni, oltre a un accordo per aumentare la fornitura di vaccini COVID-19, con una serie di impegni che hanno reso complicato raggiungere un compromesso.

Gli accordi sono stati forgiati nelle prime ore del sesto giorno di una conferenza che ha riunito oltre 100 ministri del commercio e che è stata vista come una prova della capacità delle nazioni di concludere accordi commerciali multilaterali in mezzo alle tensioni geopolitiche  globali aggravate dalla guerra in Ucraina.

I delegati, che si aspettavano una conferenza di quattro giorni, hanno esultato dopo aver approvato sette accordi e dichiarazioni poco prima dell’alba di venerdì.

La direttrice generale della WTO, Ngozi Okonjo-Iweala, ha detto loro: “Il pacchetto di accordi che avete raggiunto farà la differenza nella vita delle persone in tutto il mondo. I risultati dimostrano che la WTO è effettivamente in grado di rispondere alle emergenze del nostro tempo”.

In precedenza aveva fatto appello ai membri dell’organizzazione affinché prendessero in considerazione il “delicato equilibrio” richiesto dopo colloqui quasi ininterrotti che a volte sono stati caratterizzati da rabbia e accuse.

Wto, proseguono i negoziati su pesca e vaccini nonostante le resistenze dell'India

I negoziati dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (Wto) sui prodotti alimentari, la pesca e i vaccini si sono protratti fino alle prime ore di stamani giovedì (16 giugno) con seri dubbi sulla possibilità di concordare un approccio condiviso di fronte all’intransigenza …

Il pacchetto, che il capo della WTO ha definito “senza precedenti”, includeva i due accordi di più alto profilo in esame: sulla pesca e su una rinuncia parziale ai diritti di proprietà intellettuale (PI) per i vaccini COVID-19.

L’accordo per limitare i sussidi alla pesca è solo il secondo accordo multilaterale che stabilisce nuove regole commerciali globali stabilito nei 27 anni di storia della WTO, ed è molto più ambizioso del primo, che era stato progettato per ridurre la burocrazia.

A un certo punto, una serie di richieste dall’India, che si considera il paladino degli agricoltori e dei pescatori poveri, nonché dei paesi in via di sviluppo, sembrava destinata a paralizzare i colloqui, ma sono stati trovati degli accomodamenti, affermano fonti commerciali.

Le regole della WTO impongono che tutte le decisioni siano prese per consenso unanime, con ogni singolo membro in grado di esercitare il diritto di veto.

“Molti dubbi”

“Non è stato un processo facile. Ci sono stati molti ostacoli, proprio come avevo previsto. È stato come un ottovolante, ma alla fine ci siamo arrivati”, ha detto Okonjo-Iweala, esausta ma euforica, in una conferenza stampa finale.

L’accordo per vietare le sovvenzioni per la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata o per la pesca di stock sovrasfruttato, ha il potenziale per invertire il crollo degli stock ittici. Sebbene sia stato ridotto in modo significativo, ha comunque ottenuto il via libera.

“Questo è un punto di svolta nell’affrontare uno dei fattori chiave della pesca eccessiva globale”, ha affermato Isabel Jarrett, manager della campagna di The Pew Charitable Trusts per ridurre i sussidi dannosi alla pesca.

Okonjo-Iweala ha detto che si tratta del primo passo dopo 21 anni di colloqui verso quello che sperava sarebbe stato un accordo più completo.

L’accordo su una rinuncia parziale alla proprietà intellettuale per consentire ai paesi in via di sviluppo di produrre ed esportare vaccini contro il COVID-19 ha diviso la WTO per quasi due anni, ma alla fine è passato. Ha anche attirato critiche aspre da gruppi di pressione che affermano che espande a malapena un’esenzione già esistente nelle regole dell’organizzazione ed è troppo restrittivo, non coprendo la terapia e la diagnostica.

“In parole povere, è un pasticcio tecnocratico volto a salvare reputazioni, non vite”, ha affermato Max Lawson, co-presidente della People’s Vaccine Alliance.

Un altro accordo raggiunto è stato anche quello sul mantenimento di una moratoria sulle tariffe dell’e-commerce, che secondo le aziende è vitale per consentire il libero flusso di dati in tutto il mondo.

Nel complesso, molti osservatori hanno affermato che gli accordi dovrebbero aumentare la credibilità della WTO, che è stata indebolita dalla paralizzante capacità dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump di intervenire nelle controversie commerciali, e avviarla verso una riforma.

Il commissario europeo per il Commercio, Valdis Dombrovskis, ha affermato che la riunione della WTO ha ottenuto risultati di importanza globale nonostante sfide senza precedenti.

“Le profonde divergenze qui confermano ampiamente che è urgente una profonda riforma dell’organizzazione, in tutte le sue funzioni principali”, ha affermato, aggiungendo che lavorerà per ottenere un accordo alla prossima conferenza ministeriale prevista per il 2023.