Le Capitali – Vienna ospiterà la sede della nuova “piattaforma di coordinamento” europea per la migrazione

Le Capitali, 24 Luglio 2020 [EPA-EFE/CHRISTIAN BRUNA]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV . Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.


Caro lettore,

Questa sarà l’ultima edizione de Le Capitali fino al 24 agosto. La nostra rete europea di redazioni sta facendo una pausa a causa del rallentamento estivo. Negli ultimi mesi abbiamo lavorato duramente per fornirvi notizie rilevanti da tutta Europa. I nostri lettori sono triplicati, ci siamo adattati alla nuova realtà con eventi virtuali e il vostro supporto ci aiuta a continuare a innovare – grazie! Mentre ci prepariamo per l’autunno, speriamo che anche voi abbiate la possibilità di staccare la spina quest’estate.


ISTITUZIONI EUROPEE

Il Parlamento Europeo insiste nel voler rivedere i tagli al bilancio, nonostante l’offensiva “morbida”. I presidenti del Consiglio e della Commissione europea, Charles Michel e Ursula von der Leyen, hanno messo in scena un’offensiva “morbida” giovedì 23 luglio per ottenere il sostegno del Parlamento europeo al piano di ripresa concordato all’inizio di questa settimana dall’UE, ma i MEPs insistono nel voler rinegoziare i tagli previsti al bilancio dell’UE per i prossimi sette anni.

Read more.


Oggi da Le Capitali:

VIENNA

Vienna ospiterà la sede della nuova “piattaforma di coordinamento” europea per la politica migratoria. Dopo due giorni di colloqui, il ministro degli interni austriaco Karl Nehammer (ÖVP) ha annunciato giovedì (23 luglio) la creazione di una nuova piattaforma di coordinamento per la lotta all’immigrazione irregolare. L’incontro ministeriale organizzato dall’Austria ha coinvolto i rappresentanti di 20 paesi per discutere la lotta all’immigrazione irregolare lungo la rotta del Mediterraneo orientale e dei Balcani occidentali.

Read more.

///

BERLINO

Condannata una ex SS. Giovedì 23 luglio, un tribunale di Amburgo ha emesso il verdetto in uno degli ultimi processi legati al dramma dell’Olocausto in Germania. I giudici del tribunale hanno condannato l’ormai 93enne ex guardia delle SS, nota con il nome di Bruno Di, per favoreggiamento nell’omicidio di 5.323 persone.

EURACTIV’s Sarah Lawton reportage da Berlino.

///

PARIGI

6,5 miliardi di euro per i giovani. Il governo francese ha presentato il suo piano per i giovani e si è impegnato a sostenere i 700-800.000 giovani francesi che si apprestano ad entrare nel mercato del lavoro “in un autunno complicato”, secondo il primo ministro Jean Castex.

Il governo spera di realizzare 230.000 contratti di apprendistato e 10.000 contratti di formazione professionale. Sono previsti 100.000 posti in più nel servizio civile, 300.000 “percorsi di integrazione” e 200.000 posti nei corsi di formazione.

(Anne Damiani | EURACTIV.FR)

///

BRUXELLES

Misure più severe nel timore di una possibile seconda ondata. Con il tasso giornaliero di infezioni da COVID-19 in costante aumento, il Consiglio di sicurezza nazionale belga (CNS) ha deciso giovedì (23 luglio) di estendere l’obbligo di indossare le mascherine e di compilare un apposito  modulo di viaggio per il ritorno dalle vacanze, ha deciso, inoltre, di rinviare la fase 5.

La marcia indietro arriva dopo il significativo aumento dei casi nell’ultima settimana (dal 13 al 19 luglio), con una media di 193 casi al giorno, un aumento del 91% rispetto al periodo precedente (6-12 luglio).

Leggete l’approfondimento a cura di Alexandra Brzozowski della redazione di EURACTIV.

///

LUSSEMBURGO

600 milioni di euro per l’acquisto di aerei militari. La Camera dei deputati ha adottato un disegno di legge per aumentare il budget per la difesa. Invece dei 172 milioni di euro originariamente previsti, il Lussemburgo investirà 598 milioni di euro per l’acquisto di otto aerocisterne polivalenti e altri aerei da trasporto nell’ambito degli impegni NATO con i diversi paesi dell’alleanza.

“E’ chiaro che la NATO deve essere resa più capace di agire”, ha detto il deputato Gusty Graas, sottolineando i benefici dell’Alleanza per i piccoli paesi come il Lussemburgo. Per questo motivo”, ha detto, “non bisogna comportarsi come un “parassita”, ma piuttosto dare il proprio contributo”.

(Anne Damiani | EURACTIV.com)

///

STOCCOLMA

Il collegamento ferroviario notturno tra la Svezia e Bruxelles debutterà nel 2022. Il governo svedese ha annunciato giovedì (23 luglio) la prossima attivazione di un servizio ferroviario notturno che collegherà le città di Stoccolma e Malmö con Amburgo e Bruxelles, nell’auspicio che possa essere un segnale della ripresa economica e sociale in Europa.

EURACTIV’s Sam Morgan read more.

///

LONDRA

Il patto commerciale UE-Regno Unito è “improbabile” quest’anno, avverte Barnier. È sempre più improbabile che possa essere raggiunto un accordo commerciale tra l’UE e il Regno Unito entro quest’anno, ha avvertito il capo negoziatore dell’UE Michel Barnier giovedì (23 luglio) dopo l’ultimo round negoziale prima della pausa estiva.

EURACTIV’s Benjamin Fox read more.


EUROPA DEL SUD

ROMA

L’app ‘Immuni’ non ha un numero sufficiente di utenti per essere efficace. L’app italiana per la tracciabilità del coronavirus, ‘Immuni’, è stata scaricata circa 4,3 milioni di volte, pari a solo il 12% delle persone tra i 24 e i 75 anni che hanno accesso a uno smartphone, ha dichiarato al Senato il Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano, durante una presentazione sull’uso dell’app.

EURACTIV Italy’s Alessandro Follis read more.

///

MADRID

Le infezioni da COVID-19 sono in aumento in Spagna. Un mese dopo la fine dello stato di allarme durato quattro mesi, il numero di casi di COVID-19 è di nuovo in aumento in Spagna, dopo che il Paese aveva registrato una tendenza al ribasso nei mesi di maggio e giugno, secondo il reportage di EFE, il partner spagnolo di EURACTIV.

La maggior parte di questi nuovi casi ha avuto origine durante la movida, con i giovani che non indossavano le mascherine e non rispettavano le misure di distanziamento sociale obbligatorie, ha rivelato la televisione pubblica spagnola RTVE. Anche le riunioni familiari, i funerali e le feste di compleanno sono causa di queste nuove epidemie.

EURACTIV’s partner EFE read more.

///

ATENE | NICOSIA

Macron chiede all’UE di applicare sanzioni per le “violazioni” turche nelle acque greche. Il presidente francese Emmanuel Macron, giovedì 23 luglio, ha chiesto sanzioni UE contro la Turchia per “violazione” delle acque greche e cipriote e ha dichiarato che l’Unione europea dovrebbe intervenire sulla crisi in Libia.

I commenti di Macron sono arrivati dopo che martedì la marina turca ha emesso una allerta ai naviganti per i sondaggi sismici in un’area di mare tra Cipro e Creta, una mossa che la Grecia ha interpretato come il tentativo di Ankara di invadere la sua piattaforma continentale.

Read more.


I 4 DI VISEGRAD

VARSAVIA

L’opposizione polacca chiede la ripetizione delle elezioni presidenziali. Il più grande partito d’opposizione polacco, la Piattaforma Civica (PO), ha dichiarato giovedì 23 luglio di aver presentato una petizione alla Corte Suprema per dichiarare nulle le recenti elezioni presidenziali e per chiedere che vengano ripetute. L’opposizione ritiene che il governo abbia infranto le regole sulla trasparenza e sulla propaganda elettorale per l’eccessiva presenza dei rappresentanti dell’amministrazione statale nella campagna elettorale condotta sull’emittente pubblica polacca TVP.

Read more.

///

PRAGA

Nuove misure contro l’aumento dei casi giornalieri. A partire da sabato (25 luglio), nella Repubblica Ceca torna l’obbligo delle mascherine in occasione di eventi al chiuso con più di 100 partecipanti mentre non saranno assolutamente ammessi eventi con più di 500 partecipanti, ha annunciato il ministro della sanità, Adam Vojtěch, giovedì (23 luglio). Le nuove misure riguardano soprattutto concerti e altri eventi sociali, non negozi e trasporti pubblici.

“Ci troviamo in una situazione in cui c’è un graduale aumento dei casi di COVID-19. Gli aumenti sono relativamente alti”, ha detto Vojtěch, aggiungendo che l’aumento non è uniforme in tutto il paese poiché i focolai rimangono locali.

(Aneta Zachová | EURACTIV.cz)

///

BRATISLAVA 

Aumento del salario minimo.  Se la proposta del ministero degli affari sociali slovacco di aumentare il salario minimo a 620 euro al mese dovesse essere approvata, il paese potrebbe presto avere il secondo salario minimo più alto del mondo rispetto al suo reddito medio, secondo i dati dell’Istituto di Studi Economici e Sociali, un think tank indipendente.

Mentre le imprese insistono per il suo immediato congelamento, sostenendo che il salario minimo sta crescendo più velocemente della crescita salariale media e della produttività del lavoro, i sindacati hanno suggerito che il salario minimo dovrebbe essere aumentato a 656 euro, come previsto dalla legge attualmente in vigore.

Nel 2019, il salario minimo in Slovacchia rappresentava il 48% del salario medio (580 euro), rispetto alla Germania, dove il salario minimo è pari al 36% (1.557 euro).

(EURACTIV.sk)

///

BUDAPEST

I giornalisti di Index si dimettono in blocco in conseguenza del licenziamento del caporedattore. La redazione di Index ha chiesto all’unanimità di reintegrare il caporedattore, Szabolcs Dull, dopo il licenziamento di mercoledì 22 luglio che ha suscitato il timore di un peggioramento della libertà di stampa nel paese.

EURACTIV’s Vlagyiszlav Makszimov read more.


DAI BALCANI

ZAGABRIA

Il nuovo programma di Plenković. Il premier croato Andrej Plenković (HDZ, gruppo PPE al PE) ha presentato il programma del suo nuovo governo durante la prima sessione parlamentare. I partiti dell’opposizione in una breve riunione prima della sessione si sono espressi contro la coalizione al potere, definendola “arrogante” e “irresponsabile” per aver presentato il programma solo mezz’ora prima del voto, il che ha portato la maggior parte dei gruppi parlamentari a chiedere la sospensione dei lavori.

EURACTIV Croatia’s Tea Trubić Macan read more.

///

LUBIANA 

Il governo permette ai negozi di restare aperti anche la domenica. Il governo ha adottato un decreto modificato sulle restrizioni alla vendita di beni e servizi che ha eliminato il divieto di apertura domenicale e festiva dei negozi, introdotto a marzo nell’ambito delle misure anti-coronavirus.

“Questo permetterà ancora una volta ai rivenditori di fissare gli orari di apertura in conformità con le scelte commerciali e le esigenze dei consumatori”, ha dichiarato il governo. Il decreto, che entra in vigore oggi (24 luglio), vieterà ancora la riapertura di discoteche e locali notturni.

(Zoran Radosavljević | EURACTIV.com)

///

SOFIA

Tentativi di aggiustamento. Nel tentativo di porre fine alle proteste che chiedevano le dimissioni, tra gli altri, dello stesso primo ministro Boyko Borissov,  il Premier bulgaro ha sostituito 5 dei suoi ministri, tra cui il ministro delle finanze, Vladislav Goranov, elogiato per l’ingresso della Bulgaria nella sala d’attesa dell’eurozona e il ministro dell’economia, Emil Karanikolov, entrambi già dimissionari, il ministro dell’interno Mladen Marinov e il ministro del turismo Nikolina Angelkova.

L’attuale ministro della sanità Kiril Ananiev prenderà il portafoglio delle Finanze, mentre il Prof. Kostadin Angelov, direttore di uno dei più grandi ospedali della capitale Sofia, diventerà ministro della sanità. Tuttavia, nonostante i cambiamenti di governo, le proteste continuano

(Krassen Nikolov | EURACTIV.bg)

///

BELGRADO 

Aumenta la pressione degli immigrati. Più di 8.500 migranti sono stati fermati quest’anno mentre tentavano di attraversare il confine della Serbia illegalmente, mentre sono circa 4.350 i migranti attualmente nei centri di accoglienza, ha detto il ministro degli interni serbo Nebojsa Stefanovic.

EURACTIV Serbia read more.

***

[Edited by Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox]