Le Capitali – Una mostra d’arte provoca la prima polemica sulla presidenza slovena dell’UE

Il ministro della Cultura sloveno Vasko Simoniti ha detto ieri che è stata sua la decisione di cancellare l'esibizione.

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Consiglio dell’Ue: bisogna usare il Recovery per sostenere la stampa e il settore audiovisivo di Federica Martiny, EURACTIV Italia.

Leggete anche Just Transition Fund, via libera definitivo dal Parlamento Ue. L’Italia riceverà 936 milioni di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

LUBIANA

La Slovenia cancella la mostra d’arte della presidenza dell’UE a Bruxelles. Le opere di artisti sloveni non saranno esposte al Parlamento europeo durante il semestre di presidenza del paese, che inizierà a luglio. La mostra d’arte per celebrare i sei mesi di permanenza degli Stati membri alla guida del Consiglio dell’UE è stata annullata, secondo i media sloveni perché uno dei pezzi in mostra non era gradito al governo di Lubiana.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

Il primo ministro sloveno dovrà affrontare un voto di impeachment prima dell’inizio del semestre di presidenza dell’UE. Tra meno di due mesi la Slovenia assumerà la presidenza di turno dell’UE: nel frattempo, il primo ministro conservatore Janez Janša sta affrontando insidie e critiche in patria e all’estero, compresa una mozione di impeachment che dovrebbe essere messa ai voti la prossima settimana.

(EURACTIV.com with AFP)

///

ISTITUZIONI UE

Il Parlamento europeo chiede la sospensione dei colloqui tra UE e Turchia. Mercoledì il Parlamento europeo ha chiesto alla Commissione europea di sospendere i colloqui di adesione della Turchia all’UE. La risoluzione è stata adottata con una schiacciante maggioranza di 480 voti favorevoli, 64 contrari e 150 astensioni. Il gruppo del Partito popolare europeo (PPE) ha twittato “La plenaria ha adottato a stragrande maggioranza la risoluzione più dura di sempre sulla Turchia”.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

PRESIDENZA UE

L’Europa si distingue tra gli attori globali nella condivisione dei vaccini. L’UE è pronta a discutere proposte concrete sulla sospensione dei brevetti sui vaccini contro il COVID-19, ma fino ad ora si è comportata come nessun altro attore globale, ha affermato il ministro degli Esteri portoghese Augusto Santos Silva.

(André Curvelo Campos |  Lusa.pt)

///

BERLINO

Laschet segue le orme della Merkel sui rapporti con Russia e Cina. Il leader dei cristianodemocratici tedeschi (CDU), Armin Laschet, che spera di succedere alla cancelliera Angela Merkel, dovrebbe in gran parte mantenere la sua linea diplomatica, con poche sfumature sulla politica estera e di sicurezza.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

In altre notizie, EURACTIV Germania riporta che i paesi dell’UE mantengono approcci diversi a Huawei sull’introduzione del 5G. Dopo che la Camera alta tedesca ha recentemente approvato una legge sulla sicurezza informatica, l’espansione di Huawei in Europa ha subito dei grossi colpi, e in tutta Europa è emerso un mosaico di diversi approcci nazionali nei confronti del gigante tecnologico cinese.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.com)

///

PARIGI

Migliaia di agenti di polizia hanno manifestato davanti al parlamento francese. Più di 35.000 persone – tra cui il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin, l’eurodeputato verde Yannick Jadot e Jordan Bardella del Rassemblement National (il partito di Marine Le Pen) – mercoledì sono venute a portare il loro sostegno agli agenti della polizia francese che manifestavano davanti all’Assemblea nazionale, chiedendo più sostegno finanziario e più tutele, tra cui pene più severe per le aggressioni nei loro confronti. La protesta è nata in seguito agli omicidi di due agenti di polizia avvenuti nelle scorse settimane, per i quali è stata duramente criticata la mancanza di intervento del ministro della Giustizia Eric Dupont-Moretti, che ha presentato a metà aprile un progetto di legge volto a ripristinare la fiducia nell’ordinamento giuridico francese.

(Magdalena Pistorius | EURACTIV.fr)

///

VIENNA

La vita “normale” torna in Austria con l’apertura di negozi e ristoranti. I ristoranti, gli hotel e le istituzioni culturali austriache hanno aperto le loro porte ai clienti mercoledì, dopo più di sei mesi di rigide misure di blocco. Il cancelliere Sebastian Kurz ha definito la riapertura un “punto di partenza per la nostra lotta per tornare alla normalità”.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)

///

LUSSEMBURGO | ISTITUZIONI UE

L’EPPO approva i due delegati lussemburghesi. La Procura europea (EPPO) ha approvato mercoledì 19 maggio i due procuratori lussemburghesi che dovranno collaborare con la nuova agenzia per la lotta alle frodi dell’Unione europea con sede all’interno del Granducato, dopo lunghi ritardi nel processo di selezione.

(Anne Damiani | EURACTIV.fr)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Il governo del Regno Unito non è riuscito a prepararsi per situazioni simili a una pandemia, dice un rapporto. Il governo non è riuscito a prepararsi per una situazione come la pandemia di coronavirus e “non disponeva di piani di emergenza dettagliati per gestire la situazione in corso”, secondo un rapporto pubblicato mercoledì dall’Ufficio nazionale di audit (NAO).

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

///

DUBLINO

Il ministro degli Esteri irlandese: lavoreremo con l’Irlanda del Nord per alleviare gli effetti dell’interruzione del protocollo. Il ministro degli Esteri irlandese Simon Coveney ha detto che sta parlando alla Commissione europea e ai leader del DUP su come il protocollo dell’Irlanda del Nord potrebbe essere reso più accettabile per gli unionisti, ha riferito RTE News.

(Paula Kenny | EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

La Finlandia attrae meno investimenti esteri rispetto ad altri paesi nordici e baltici. La Finlandia sta perdendo fascino agli occhi degli investitori stranieri rispetto ad altri paesi della regione, come mostra un rapporto pubblicato mercoledì dall’OCSE.

(Pekka Vänttinen | EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Letta: l’UE ha bisogno di “un salto di qualità” nella gestione dell’immigrazione. L’ex primo ministro italiano e attuale leader del partito democratico, Enrico Letta, ha dichiarato nel corso di una visita a Bruxelles che “il fenomeno migratorio ci costringe a far fare un salto di qualità al piano che la Commissione ha presentato lo scorso settembre, e che sta faticando ad andare avanti”.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

MADRID

Il Marocco chiude i valichi di frontiera verso la Spagna a causa dell’afflusso record di migranti. Le guardie di frontiera marocchine hanno sigillato il valico per Ceuta dopo l’improvvisa crisi che ha visto oltre 8.000 persone entrare nell’enclave spagnola.

(EuroEFE)


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

L’ospedale COVID temporaneo allo stadio di Varsavia sospende le operazioni. L’ultimo paziente sarà dimesso domenica dall’ospedale temporaneo istituito allo Stadio Nazionale di Varsavia, ha detto il capo dell’ufficio del primo ministro polacco, Michał Dworczyk.

(Anna Wolska |  EURACTIV.pl)

///

PRAGA

Il ministro degli Esteri ceco visita Israele dopo aver ricevuto un “invito personale”. Giovedì 20 maggio il ministro degli Esteri ceco Jakub Kulhánek volerà in Israele per incontrare il suo omologo israeliano Gabi Ashkenazi che gli ha inviato “un invito personale”.

(Ondřej Plevák |  EURACTIV.cz)

///

BRATISLAVA

Il conflitto sulla legge di bilancio in Slovacchia potrebbe ritardare i pagamenti degli aiuti. Lunedì il parlamento slovacco ha rinviato l’approvazione di un emendamento al bilancio che aggiungerebbe 3,4 miliardi di euro alle spese del 2021 a causa di una divisione tra i partiti di governo: una decisione che minaccia di provocare la sospensione dei sostegni alle imprese entrate in crisi per la pandemia.

(Marián Koreň |  EURACTIV.sk)

///

BUDAPEST

Il numero di fondi di private equity legati al governo ungherese è in aumento. Ci sono almeno 43 fondi di private equity in Ungheria che sono chiaramente gestiti da membri della massima élite governativa, secondo i dati raccolti da Válasz Online.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Tensione tra Bulgaria e Croazia sui colloqui di Skopje con l’Ue. Il ministero degli Esteri bulgaro ha convocato l’ambasciatore croato a Sofia, Jasna Ognjanovac, per dei colloqui dopo le dure critiche rivolte alla politica estera di Sofia dal presidente croato Zoran Milanović.

(Krassen NikolovEURACTIV.com)

///

BUCAREST

Il primo ministro rumeno incontra finalmente il partito socialista per parlare del piano di ripresa. Il primo ministro rumeno Florin Citu e il partito socialista di opposizione hanno programmato un incontro per discutere il piano nazionale di ripresa e resilienza. Il PSD, il più grande partito di opposizione, da mesi critica la mancanza di trasparenza nella stesura del piano e chiede che il programma venga discusso in Parlamento. Il ministro per i progetti dell’UE Cristian Ghinea ha dichiarato di aver presentato il piano in diverse commissioni del Parlamento e che lo farà tutte le volte che sarà necessario. Tuttavia, il governo sta ancora negoziando con la Commissione UE sul programma e prevede di terminare il confronto con Bruxelles entro la fine del mese.

(Bogdan Neagu |  EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Croazia e Bosnia-Erzegovina discutono modifiche all’accordo sull’esecuzione delle pene detentive. Il ministro croato della Giustizia e della pubblica amministrazione Ivan Malenica ha annunciato mercoledì che incontrerà la sua controparte della Bosnia-Erzegovina all’inizio del mese prossimo per discutere la modifica dell’accordo bilaterale che regola l’esecuzione delle pene detentive.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

Approvato in Russia il vaccino Sputnik prodotto dall’Istituto Torlak di Belgrado. L’Istituto nazionale russo di epidemiologia e microbiologia Gamaleya ha certificato la qualità del vaccino prodotto nel Torlak Institute for Virology, Vaccines and Sera di Belgrado e ha approvato la produzione del vaccino Sputnik V in tale istituto, ha annunciato il governo serbo mercoledì.

(EURACTIV.rs)

///

SKOPJE

L’FMI: La Macedonia del Nord resiste all’impatto economico della pandemia. Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha affermato che il paese sta mitigando l’impatto della pandemia COVID-19 grazie alle sue politiche macroeconomiche e finanziarie, prevedendo che il PIL raggiungerà il 3,8% quest’anno.

///

PODGORICA

Il Montenegro può onorare il debito nei confronti della banca cinese Exim. Il Montenegro può onorare il prestito contratto con la banca cinese Exim in connessione con la costruzione di una nuova autostrada, ha detto il presidente Milo Đukanović, aggiungendo che si sta creando un dramma inutile sull’argomento.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

TIRANA

Washington vieta l’ingresso negli Stati Uniti all’ex presidente albanese e alla sua famiglia. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha ufficialmente respinto una richiesta di ingresso negli Stati Uniti da parte dell’ex presidente albanese Sali Berisha.

In altre notizie, quasi un quarto degli albanesi rischia di cadere in povertà, secondo i dati diffusi da INSTAT. La percentuale di persone a rischio di povertà nel 2019 è stata del 23%, in diminuzione dello 0,4% rispetto al 2018 e dello 0,7% rispetto al 2017. L’indagine è stata condotta solo per l’anno 2019 e al momento INSTAT non dispone di dati dal 2020. L’indagine ha preso in considerazione l’entità del reddito disponibile familiare, il numero di membri che vivono in ciascuna famiglia e la distribuzione del reddito tra la popolazione. È emerso che nel 2019 circa 659.000 persone vivevano al di sotto della soglia di rischio di povertà. È preoccupante il dato sul 37,1% della popolazione che soffre di gravi privazioni materiali.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)


AGENDA

  • Germania: primo confronto fra i tre principali candidati alla carica di cancelliere, Baerbock, Laschet e Scholz, alla televisione WDR.
  • Francia: il presidente Emmanuel Macron incontrerà i rappresentanti del settore dell’istruzione superiore.
  • Spagna: il parlamento regionale della Catalogna inizia il dibattito sull’investitura del nuovo presidente della regione autonoma, l’indipendentista Pere Aragonès, della Esquerra Republicana de Catalunya (Sinistra repubblicana della Catalogna, ECR).
  • Polonia: entrano in vigore nuove norme sulla circolazione e il parcheggio degli scooter elettrici.
  • Repubblica Ceca: il portavoce della Camera bassa del Parlamento, Radek Vondráček, parteciperà a un evento online con gli ambasciatori dei paesi dell’UE in Repubblica Ceca per discutere gli attuali temi europei e condividere le loro esperienze sulla ripresa economica.
  • Slovacchia: l’ufficio statistico pubblicherà statistiche sulle cause di morte per il primo trimestre del 2021.
  • Croazia: il Parlamento continua la discussione sulle relazioni del difensore civico.
  • Slovenia: il primo ministro Janez Janša ospiterà il primo dibattito sloveno nel quadro della Conferenza sul futuro dell’Europa.
  • Italia: il Consiglio dei ministri si riunirà per approvare un nuovo decreto con misure di sostegno economico. Nel pomeriggio il premier Draghi illustrerà i contenuti del decreto in conferenza stampa.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Josie Le Blond]