Le Capitali – Un appello invita la Francia a non accettare sponsorizzazioni durante il semestre di presidenza UE

La questione degli sponsor è un dibattito di lunga data, ha affermato l'eurodeputata Manon Aubry (GUE/NGL) che ha anche affermato che sarebbe "ingenuo" pensare che una società sponsorizzi qualcosa senza aspettative. [Shutterstock/Drop of Light]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Rincari luce e gas, anche l’Ue presenterà delle proposte per ridurre l’impatto in bolletta di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche Caricabatterie unico: la proposta Ue per standardizzare i cavetti degli smartphone di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.

Le notizie di oggi dalle Capitali:

PARIGI

Il Corporate Europe Observatory, l’Observatoires des Multinationales e Foodwatch hanno lanciato giovedì una petizione, esortando l’esecutivo francese a rifiutare qualsiasi offerta di sponsorizzazione quando assumerà il suo turno alla presidenza del Consiglio dell’UE nel 2022. Leggi di più.

///

PRESIDENZA UE

Permangono divergenze nelle infrastrutture per i combustibili alternativi all’interno dell’UE. I ministri dei trasporti dell’UE hanno discusso delle infrastrutture per i combustibili alternativi in ​​Slovenia giovedì, con il ministro delle Infrastrutture del paese Jernej Vrtovec che ha notato che sono rimaste alcune differenze tra i paesi dell’UE in materia. Per saperne di più.

///

BERLINO

Il contributo tedesco al bilancio dell’UE è aumentato del 19% quest’anno. I contributi della Germania al bilancio dell’UE quest’anno hanno raggiunto finora un totale di 38 miliardi di euro rispetto ai 32 miliardi di euro del 2020, ha rivelato un’interrogazione parlamentare al governo. Mentre parte dell’aumento di 6 miliardi di euro è dovuto alla Brexit, che ha aumentato i contributi della Germania di 3 miliardi di euro, la solidità dell’economia del Paese ha assicurato un aumento anche rispetto ai contributi di altri Stati dell’UE con economie più deboli.

Si dice che il maggior beneficiario dei contributi tedeschi dell’UE sia la Polonia. Nel 2020 aveva ricevuto circa 12 miliardi di euro in più rispetto a quanto aveva pagato all’UE. E la Polonia dovrebbe essere anche  il maggior beneficiario dei fondi dell’UE in numero assoluto nel 2021, ha risposto il governo tedesco al deputato liberale Gerald Ullrich, secondo quanto riportato da WELT. (Nikolaus J. Kurmayer | EURACTIV.de)

Leggi anche come si sono comportati i sette candidati Cancelliere nel round di dibattito finale prima delle elezioni di domenica e segui la nostra copertura elettorale del fine settimana.
///

VIENNA

La Commissione Ue avvia una procedura d’infrazione contro l’Austria per la legge sul terrorismo. La Commissione europea ha annunciato giovedì che aprirà procedure di infrazione contro Austria, Finlandia, Lussemburgo e Croazia per non aver recepito le norme dell’UE sulla lotta al terrorismo. Per saperne di più.

///

BRUXELLES

Arrestato in Italia l’eurodeputato separatista catalano Puigdemont. L’ex presidente catalano in esilio Carles Puigdemont è stato arrestato giovedì in Italia quattro anni dopo essere fuggito a seguito di un referendum sull’indipendenza che Madrid ha dichiarato incostituzionale, hanno detto il suo avvocato e un aiutante. Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO

L’Irlanda presiede la riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu e si concentra su clima e sicurezza. Giovedì il taoiseach Micheál Martin ha presieduto una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, incentrata sul tema del clima e della sicurezza. Per saperne di più.
.


PAESI BALTICI

HELSINKI

Le industrie tecnologiche affermano che la Finlandia ha bisogno di 130 mila nuovi specialisti nel prossimo decennio. La Technology Industries of Finland, un’organizzazione di lobby per l’industria tecnologica che rappresenta circa 1600 aziende, avverte che la grave e crescente carenza di manodopera qualificata potrebbe mettere in pericolo la crescita economica del paese. Potrebbe anche avere un impatto sui servizi di welfare e sul tenore di vita. Secondo i loro calcoli, il settore avrebbe bisogno di circa 130 mila specialisti – 13 mila all’anno nel prossimo decennio. Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE

ATENE

Lo Stato greco perde la maggioranza dell’azienda elettrica pubblica. Giovedì, in una dichiarazione a sorpresa, la Public Power Corporation (PPC) greca ha annunciato che sta procedendo con un aumento di capitale di 750 milioni di euro che vedrà lo Stato perdere la maggioranza. Per saperne di più.

///

ROMA

L’Italia riforma le sue procedure penali su richiesta di Bruxelles. Giovedì il Senato italiano ha approvato la riforma del processo penale, parte di una serie di più ampie riforme della giustizia che Bruxelles ha chiesto al Paese di applicare in modo da poter ottenere i finanziamenti del Recovery Fund. Per saperne di più.

///

MADRID

Nuovi dati mettono in dubbio la rapida ripresa economica della Spagna. Meno di 48 ore dopo che la Banca centrale spagnola (Banco de España) e l’OCSE avevano previsto una robusta ripresa dell’economia del paese iberico quest’anno e nel 2022, i nuovi dati diffusi giovedì dall’Istituto nazionale di statistica (INE) della Spagna hanno proiettato un quadro meno ottimistico. Per saperne di più.

///

LISBONA

Le mascherine saranno presto necessarie solo nei luoghi affollati e ad alto rischio del Portogallo. L’uso delle mascherine sarà richiesto solo sui trasporti pubblici, nei supermercati, nelle case, negli ospedali, nei luoghi di intrattenimento e per i grandi eventi a partire dal 1° ottobre in Portogallo. Per saperne di più.


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA | VARSAVIA

Le relazioni ceco-polacche hanno toccato il fondo. Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha annullato il suo viaggio programmato per il Summit demografico di due giorni a Budapest il 23-24 settembre a causa dell’attuale disputa tra Cechia e Polonia sulla miniera di carbone di Turów, ha confermato un portavoce del governo polacco. Per saperne di più.

///

VARSAVIA

L’eurodeputato più longevo della Polonia afferma che il progetto dell’UE è deragliato, diventando opprimente. A dirlo in un’intervista al settimanale di estrema destra Sieci è Jacek Saryusz-Wolski, uno dei deputati polacchi più longevi, co-creatore del Campus Natolin del Collegio d’Europa, e tra i principali protagonisti dell’adesione della Polonia all’UE negli anni ’90. Per saperne di più.

///

BUDAPEST

Continuano ad emergere nuovi dettagli sugli attacchi informatici della settimana scorsa. È probabile che l’interruzione del sistema informatico delle primarie dell’opposizione di sabato scorso sia stata causata da un attacco facilmente evitabile, sulla base delle informazioni attualmente disponibili, ha riferito Telex. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

L’ex primo ministro slovacco afferma che l’eurodeputato olandese dovrebbe tornare a casa per “farsi una canna”. L’eurodeputato olandese e capo della missione del Parlamento europeo in Slovacchia, Sophie in ‘t Veld “dovrebbe andare a casa e farsi una canna”, ha affermato l’ex primo ministro Robert Fico su Facebook, criticando i membri della sua missione per non essersi incontrati con i partiti di opposizione. Anche Peter Pellegrini, diventato primo ministro dopo che Fico è stato costretto a dimettersi, si è unito alle critiche, affermando che l’eurodeputata olandese “dovrebbe fare i bagagli e tornare a casa”. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Polizia bulgara e agenti speciali prendono d’assalto Commissione per l’energia per l’aumento dei prezzi dell’elettricità. Gli agenti di polizia bulgari e i dipendenti dei servizi speciali (SANS) hanno effettuato un’ispezione a sorpresa presso la Commissione per la regolamentazione dell’energia e dell’acqua (EWRC), cercando di capire il motivo degli alti prezzi dell’elettricità. Per saperne di più.

///

BUCAREST

Le incombenti elezioni per le leadership dei principali partiti potrebbero decidere il destino del governo rumeno. Il partito USR PLUS e il Partito Nazionale Liberale (PNL) eleggeranno presto i loro presidenti di partito in gare molto combattute: a seconda del risultato, il governo potrebbe vacillare. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

Il governo croato e l’opposizione si oppongono all’ingiunzione del tribunale che rende difficile il lavoro un portale giornalistico. Un giudice del tribunale municipale di Zagabria ha vietato a Jelena Jindra, giornalista del portale no-profit H-Alter, di scrivere articoli sul direttore dei Policlinici per la protezione dei bambini e dei giovani. Per saperne di più.

///

LUBIANA

L’autorità di vigilanza fiscale slovena mette in guardia contro la spesa pubblica politicamente motivata prima delle elezioni. Il Consiglio di bilancio, che sovrintende al rispetto del pareggio di bilancio da parte dello Stato, ha messo in guardia il governo contro una spesa eccessiva in vista delle elezioni generali previste per il prossimo anno. Ha anche sottolineato che circostanze eccezionali “non dovrebbero essere utilizzate per adottare misure che influenzino la fase finale del ciclo politico”. Per saperne di più.

///

BELGRADO

La legge serba sugli affari interni è stata ritirata: il ministro incolpa l’Occidente. Il ministro degli interni serbo Aleksandar Vulin ha dichiarato giovedì di aver ritirato il disegno di legge sugli affari interni che aveva suscitato critiche significative, sia a livello locale che internazionale. Secondo quanto riferito, il disegno di legge è stato ritirato su richiesta del presidente Aleksandar Vučić che, così facendo, avrebbe “evitato spargimenti di sangue nelle strade di Belgrado”. Per saperne di più.

///

SARAJEVO

Il procuratore capo della BiH è stato licenziato. Una commissione disciplinare d’appello dell’Alta Corte e del Consiglio della Procura della Bosnia-Erzegovina (VSTV) ha confermato la decisione di destituire il procuratore capo Gordana Tadić. Per saperne di più.

///

PODGORICA

Il governo montenegrino pensa di accogliere i rifugiati afgani. “Il governo ha deciso di considerare la possibilità di rispondere all’attuale crisi umanitaria e le possibili capacità di accogliere un numero limitato di profughi, in linea con le pratiche di altri membri della Nato impegnati in Afghanistan”, si legge in una nota del governo. Il governo ha anche deciso di formare un gruppo di lavoro interdipartimentale poiché è impegnato a partecipare attivamente alle risposte umanitarie globali. (Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PRISTINA

L’ambasciata degli Stati Uniti sollecita misure immediate per la riduzione dell’escalation nel Kosovo settentrionale. “Buono l’incontro con il Primo Ministro Kurti sull’importanza di impegnarsi nuovamente nel dialogo facilitato dall’UE per risolvere la questione delle targhe e altri problemi. Servono misure immediate per allentare le tensioni. Le azioni possono avere conseguenze indesiderate che incidono negativamente sulla vita quotidiana dei cittadini”, ha scritto Nicholas J. Giacobbe, incaricato d’affari presso l’ambasciata degli Stati Uniti in Kosovo, dopo aver affermato di aver incontrato il primo ministro Albin Kurti per discutere dei recenti sviluppi nel Kosovo settentrionale. La tensione è aumentata dopo l’introduzione della reciprocità per quanto riguarda le targhe dei veicoli, provocando una protesta da parte dei serbi locali. Per saperne di più.


AGENDA:

  • Germania: Greta Thunberg dovrebbe partecipare allo sciopero globale per il clima Fridays for Future a Berlino.
  • Francia: a Strasburgo la seconda tornata di consultazioni pubbliche sul futuro dell’Europa.
  • Serbia: il viceministro russo della cultura Olga Sergeyevna Yarilova visita la Serbia.

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]