Le Capitali – Shock in Germania dopo la rivelazione dell’accordo Usa-Danimarca per spiare i politici europei

"È particolarmente scioccante che il governo danese apparentemente sapesse delle azioni illegali del suo servizio di intelligence già nel 2015 senza informare gli altri governi dell'UE", ha detto a EURACTIV l'eurodeputato Joachim Schuster dei Socialisti e Democratici (S&D). [Shutterstock/jgolby]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Certificato Covid digitale Ue: come funziona e cosa bisogna sapere di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche Cipro: i filoeuropeisti vincono le elezioni, ma restano le frammentazioni politiche di Andrea Bianchi, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

BERLINO

I politici tedeschi hanno reagito con estremo stupore alle rivelazioni secondo cui l’unità di intelligence estera danese ha collaborato con l’Agenzia per la sicurezza nazionale (NSA) degli Stati Uniti per spiare alti funzionari dei paesi vicini, tra cui la Cancelliera tedesca Angela Merkel. “Tra gli Stati membri dell’UE, tali operazioni di sorveglianza dovrebbero essere assolutamente vietate”, ha detto a EURACTIV Germania l’eurodeputata verde Hannah Neumann, membra del sottocomitato per la sicurezza e la difesa del Parlamento UE.

(Nikolaus J. Kurmayer |  EURACTIV.de)

///

PRESIDENZA UE

La Commissione: il dibattito sul futuro dell’UE dovrebbe concentrarsi sulle “persone comuni” e non sulla “bolla di Bruxelles”. Margaritis Schinas, vicepresidente della Commissione europea per la Promozione dello stile di vita europeo, ha sottolineato che la conferenza sul Futuro dell’Europa dovrebbe concentrarsi sulle “persone comuni” e non sulla “bolla di Bruxelles”.

(Joana Gomes |  Lusa.pt)

///

PARIGI

La maggior parte dei francesi è disinformata sul commercio di armi e vuole un dibattito pubblico. La maggioranza (80%) dei francesi non si sente informata sul commercio di armi, mentre oltre il 70% ritiene che il commercio di armi dovrebbe essere oggetto di un dibattito pubblico nel paese, secondo un nuovo sondaggio di opinione pubblicato da Amnesty International lunedì, in anticipo sulla pubblicazione del rapporto annuale del governo sulle esportazioni di armi.

(Mathieu Pollet |  EURACTIV.fr)

///

VIENNA

La Commissione smentisce l’Austria sui ritardi dei certificati COVID-19. La Commissione europea ha smentito le affermazioni del governo austriaco secondo cui avrebbe annunciato modifiche dell’ultimo minuto ai requisiti tecnici del prossimo certificato digitale COVID-19, provocando un ritardo nell’introduzione del programma da parte dell’Austria..

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

L’economia britannica dovrebbe crescere più fortemente del previsto. L’economia del Regno Unito dovrebbe crescere più del previsto, secondo le ultime previsioni dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). È probabile che il Regno Unito cresca del 7,2% nel 2021, rispetto alla proiezione di marzo dell’OCSE del 5,1%, un aumento che secondo il governo di Boris Johnson è in gran parte il risultato del programma di vaccinazione di massa del Regno Unito contro il COVID-19. La ripresa dovrebbe essere la più forte tra quella delle principali economie europee. Tuttavia, la disoccupazione dovrebbe raggiungere un picco di oltre il 6% prima della fine dell’anno.

(Benjamin Fox | EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

VILNIUS

11 Stati membri mettono in guardia Borrell sui minori detenuti in Bielorussia. I ministri di 11 Stati membri dell’Unione Europea lunedì hanno inviato una lettera al massimo rappresentante diplomatico dell’UE, Josep Borrell, avvertendolo dei minori detenuti in Bielorussia per la loro partecipazione a proteste antigovernative. Hanno chiesto un’azione immediata oltre alle sanzioni dell’UE già imposte al regime di Minsk.

(EURACTIV.com)

///

HELSINKI

Sanoma vuole che l’UE esamini la piattaforma di streaming dell’emittente nazionale finlandese YLE. La più grande società di media commerciali della Finlandia, Sanoma, ha chiesto alle autorità della concorrenza dell’UE di verificare se la società di radiodiffusione pubblica finlandese YLE ha il diritto di pubblicare contenuti educativi e scritti sulla sua piattaforma di streaming YLE Areena.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

La Banca d’Italia chiede di rendere permanente il fondo di risanamento post-pandemia. L’Europa è stata “forgiata nelle crisi” e quindi deve uscire rafforzata dalla pandemia, ad esempio rendendo permanenti meccanismi come il Fondo per la ripresa dell’UE o il fondo Sure, ha affermato lunedì il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco nel corso delle sue considerazioni finali.

In altre notizie, l’Italia è determinata a collaborare con l’autorità esecutiva unificata della Libia e “supportarla nelle prossime fasi decisive della transizione istituzionale”, ha detto il primo ministro italiano Mario Draghi al suo omologo libico Abdul Hamid Dbeibah in visita a Roma. L’Italia vuole continuare ad aiutare la Libia insieme ai partner internazionali e sostiene “la necessità di aumentare e strutturare il contributo dell’Ue” al Paese nordafricano, ha aggiunto il premier italiano.
Sull’immigrazione, Draghi ha spiegato che il governo italiano “intende continuare a finanziare i rimpatri volontari assistiti e le evacuazioni umanitarie dalla Libia”, aggiungendo che “è un dovere morale e un interesse libico garantire il pieno rispetto dei diritti dei rifugiati e dei migranti”. “L’Italia continuerà a fare la sua parte in termini di risorse e competenze formative, ma serve un’azione comunitaria determinata e rapida. Al Consiglio europeo di giugno, su proposta italiana, la migrazione tornerà al centro dell’attenzione politica in tutte le sue dimensioni, interne ed esterne”, ha aggiunto Draghi.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

SPAGNA

La Spagna esorta l’UE ad approvare rapidamente tutti i piani nazionali di rilancio. Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez ha esortato Bruxelles ad approvare rapidamente tutti i piani di ripresa degli Stati membri dell’Unione europea e a sbloccare i finanziamenti per accelerare la ripresa economica dei paesi particolarmente colpiti dalla pandemia, compresa la Spagna.

(Fernando Heller |  euroefe.es)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Agrofert, l’ex azienda del premier ceco Babiš, fa causa al Parlamento europeo. Il gigante dell’agrochimica Agrofert Holding – precedentemente di proprietà e tuttora controllata dal primo ministro ceco Andrej Babiš – ha intentato una causa contro il Parlamento europeo, sostenendo che i deputati dell’UE avrebbero negato l’accesso ai documenti che avevano portato l’istituzione a criticare il conflitto di interessi del primo ministro.

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)

///

VARSAVIA

Polonia e Spagna firmano un accordo per lo sviluppo del sistema ferroviario polacco ad alta velocità. La Polonia e la Spagna hanno firmato lunedì a Madrid un accordo di cooperazione che aiuterà il sistema ferroviario ad alta velocità della Polonia nell’ambito del progetto Solidarity Transport Hub (STH).

(Paulina Borowska |  EURACTIV.pl)

///

BRATISLAVA

Il ministero delle Finanze slovacco: la vaccinazione è il modo migliore per aiutare l’economia. Il modo migliore per aiutare l’economia a riprendersi dalle perdite (stimate in 5,6 miliardi di euro) dovute alla pandemia è promuovere il vaccino, che costa 40 euro per ciascun adulto, secondo le stime effettuate dal dipartimento per il rapporto qualità-prezzo del ministero delle Finanze slovacco.

(Lucia Yar |  EURACTIV.sk)

///

BUDAPEST

L’Ungheria pronta a produrre il vaccino cinese. Lo stabilimento nazionale di vaccini ungherese, attualmente in costruzione, sarà anche in grado di produrre il vaccino cinese Sinopharm, ha annunciato il ministro degli Esteri Péter Szijjártó lunedì, durante la sua visita in Cina, dove ha consegnato il premio statale di Budapest al suo omologo cinese Wang Yi.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)


NOTIZIE DAI BALCANI

LUBIANA

Il gruppo ungherese OTP acquisisce la seconda banca slovena. Il gruppo bancario ungherese OTP ha firmato un accordo per acquisire una partecipazione a titolo definitivo in NKBM, la seconda banca slovena, e diventare così il principale operatore bancario sul mercato sloveno.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

SOFIA

Sotto assedio, il GERB di Borissov si scaglia contro il governo provvisorio. Gli eurodeputati bulgari del partito GERB dell’ex primo ministro Boyko Borissov hanno inviato una lettera indirizzata a tutti i gruppi del Parlamento europeo, criticando le azioni del governo bulgaro ad interim che è stato “nominato dal presidente filo-Cremlino Rumen Radev”.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

La Romania presenta il suo piano di ripresa e resilienza. La Romania ha presentato lunedì il suo piano di recupero alla Commissione europea, diventando il 22° paese dell’UE a farlo. La Romania intende attirare la dotazione massima di 14,3 miliardi di euro in sovvenzioni e 15 miliardi di euro in prestiti dal fondo per la ripresa e la resilienza (RRF).

(Bogdan Neagu |  EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Restrizioni di viaggio allentate per i croati che entrano in Austria. I viaggiatori che arrivano in Austria dalla Croazia non sono più tenuti alla quarantena da martedì, a condizione che siano stati testati, vaccinati o guariti dal COVID-19, ha detto lunedì il ministro del turismo croato Nikolina Brnjac dopo i colloqui a Vienna con la sua omologa austriaca Elisabeth Köstinger.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

L’agenzia per i medicinali avvia la procedura per autorizzare la somministrazione del vaccino Pfizer ai bambini. L’agenzia serba per i medicinali e i dispositivi medici ha avviato una procedura per approvare l’uso del vaccino Pfizer-BioNTech per i bambini di età superiore ai 12 anni, ha dichiarato lunedì al quotidiano Vecernje Novosti il principale epidemiologo serbo, Branislav Tiodorović.

In altre notizie, i cittadini serbi che hanno già ricevuto almeno una dose del vaccino contro il coronavirus possono richiedere un incentivo alla vaccinazione del valore di 3.000 RSD (circa 25,5 euro), ha annunciato il ministero delle Finanze. Secondo un decreto che prevede gli incentivi per l’immunizzazione, i cittadini serbi di età superiore ai 16 anni possono presentare domanda se entro lunedì hanno ricevuto almeno una dose nel territorio della Serbia.

(EURACTIV.rs | betabriefing.com)

///

SARAJEVO

La Bosnia-Erzegovina mantiene le restrizioni all’ingresso dei cittadini stranieri. La Bosnia ed Erzegovina non allenterà per il momento le restrizioni all’ingresso di cittadini stranieri con un test PCR negativo, a meno che non siano cittadini di paesi vicini, ha deciso il governo lunedì.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)


AGENDA

  • Istituzioni Ue: i ministri degli Esteri e della Difesa Nato discutono dei rapporti con la Russia.
  • Istituzioni UE: la Procura europea inizia la sua attività.
  • Francia: L’Assemblea nazionale avvierà l’esame del nuovo disegno di legge sulla prevenzione degli atti terroristici e sull’intelligence.
  • Italia: l’Istituto nazionale di statistica pubblicherà i dati sull’occupazione ad aprile 2021.
  • Spagna: il governo adotterà misure legali per analizzare tutti gli aspetti giudiziari e politici di una futura decisione sulla concessione della grazia ai separatisti catalani incarcerati.
  • Grecia: da oggi entra in vigore il certificato greco COVID-19.
  • Croazia: il Parlamento continua la sua sessione discutendo una mozione di sfiducia contro il ministro della Salute Vili Beroš, mentre il ministro del Lavoro Josip Aladrović e il segretario di Stato Margareta Mađerić lanceranno una campagna mediatica nazionale per la prevenzione della violenza contro le donne e la violenza domestica.
  • Serbia: Martedì si terrà una presentazione online di uno studio sulla valutazione delle politiche di accessibilità digitale in Serbia, attuato con l’assistenza dell’Unione internazionale della comunicazione.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Josie Le Blond]