Le Capitali – Salvini vuole riunire i ‘migliori’ partiti illiberali in un nuovo gruppo al Parlamento UE

"È giunto il momento di riunire il meglio di questi tre gruppi e iniziare a svolgere un ruolo decisivo nel Parlamento UE", ha dichiarato Salvini domenica a Cascais, in Portogallo, dove ha partecipato a una conferenza del suo gruppo europeo Identità e democrazia. [EPA-EFE/SZILARD KOSZTICSAK]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Brexit: Londra ha respinto oltre 3200 cittadini europei alla frontiera di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Giovani e partecipazione attiva di Giulio Saputo, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

ROMA

Il leader della Lega Nord Matteo Salvini – come ha raccontato domenica l’agenzia Ansa– ha proposto di creare una nuova forza politica al Parlamento europeo, che riunisca il suo gruppo politico di appartenenza, Identità e democrazia (ID), quello del partito Legge e giustizia (PiS) al governo in Polonia (Conservatori europei e Riformisti – ECR), e alcuni politici conservatori del Partito popolare europeo come il primo ministro ungherese Viktor Orbàn,

(Mateusz Kucharczyk |  EURACTIV.pl)

///

ISTITUZIONI UE

La Commissione: vaccinare i bambini non è una decisione “politica”. La decisione di vaccinare i bambini non è una decisione politica, ma una decisione scientifica basata sull’evidenza, ha detto a EURACTIV un funzionario della Commissione europea.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

BERLINO

I ministri della Salute dei laender tedeschi discutono dei controlli sugli imbrogli nei centri di test COVID-19. Il ministro della Sanità tedesco Jens Spahn e i suoi omologhi nei 16 stati federali lunedì mattina discuteranno i meccanismi di controllo nei centri di test del coronavirus a seguito di accuse di frode, ha detto domenica un portavoce del ministero.

(EURACTIV.com with Reuters)

///

PARIGI

La Francia minaccia di ritirare le truppe dal Mali. Il presidente Emmanuel Macron ha avvertito domenica 30 maggio che la Francia ritirerà le sue truppe dal Mali se il paese dovesse volgersi verso l’islamismo radicale dopo il secondo colpo di stato in nove mesi.

(EURACTIV.com with AFP)

///

VIENNA

I Verdi austriaci chiedono al partner di governo dell’ÖVP di fermare gli attacchi alla magistratura. Il partito dei Verdi austriaco ha attaccato il suo partner di coalizione, il partito ÖVP del cancelliere Sebastian Kurz, per le sue azioni che minano l’indipendenza della magistratura.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)

///

BRUXELLES

Una proposta di protocollo sanitario per i pranzi al chiuso. È stato redatto un protocollo sanitario di 48 pagine per i proprietari di bar e ristoranti belgi che si preparano ad aprire i loro spazi interni dal 9 giugno. Secondo le ultime linee guida, fino a quattro persone potranno sedersi a tavola, a meno che non facciano parte di una famiglia più numerosa dello stesso nucleo familiare, le tovaglie di stoffa dovranno essere rimosse dopo ogni seduta e non saranno ammessi sale e pepe o cestini del pane. I menu dovrebbero essere resi disponibili online o separatamente. I locali dovranno inoltre installare un dispositivo di misurazione della qualità dell’aria. L’orario di chiusura per la maggior parte dei locali sarà alle 22:00 all’interno e alle 23:00 sulle terrazze esterne.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

LUSSEMBURGO

Rendere gratuito il trasporto pubblico del Lussemburgo non ha cambiato drasticamente le abitudini di viaggio. Un anno dopo che il Lussemburgo ha reso gratuito il trasporto pubblico, solo 2 residenti su 10 utilizzano regolarmente i mezzi pubblici per recarsi al lavoro, mentre 6 su 10 utilizzano ancora la propria auto, secondo il servizio di statistica del governo, Statec.
“Non saranno il tram, l’auto o il treno a risolvere i problemi, ma un mix tra le diverse modalità di trasporto”, ha affermato il ministro della mobilità verde François Bausch in un’intervista a Paperjam. L’obiettivo della sua strategia è “raggiungere una ripartizione modale più elevata, con il 20% in più di persone che utilizzano i trasporti pubblici entro il 2025”.

(Anne Damiani | EURACTIV.fr)


REGNO UNITO E IRLANDA

BELFAST

L’UE tratta l’Irlanda del Nord come un “giocattolo” politico, afferma il leader del DUP. Domenica, il leader del Partito Unionista Democratico Edwin Poots ha accusato l’UE di trattare l’Irlanda del Nord come un “giocattolo” politico, in un commento che è stato rapidamente respinte dalla Commissione europea. Poots, che ha preso il posto del primo ministro dell’Irlanda del Nord Arlene Foster come leader del DUP all’inizio di questo mese, si è lamentato del fatto che l’attuazione del Protocollo per l’Irlanda del Nord riguardava “l’Unione europea che cerca di punire il Regno Unito e, di conseguenza, l’Irlanda del Nord è usata come un giocattolo”. Ha anche suggerito che la lunga controversia sul protocollo, che ha introdotto i controlli sulle merci che viaggiano dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord, potrebbe essere risolta effettuando i controlli doganali fuori dal confine.

(Benjamin Fox | EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI | STOCCOLMA

Gli ambientalisti insorgono contro la difesa dell’industria forestale da parte dei governi di Svezia e Finlandia. Politici e attivisti ambientalisti affermano che il primo ministro finlandese Sanna Marin e il suo omologo svedese, Stefan Löfven, hanno tradito i loro impegni ecologici intraprendendo un’azione di lobby a Bruxelles.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

COPENAGHEN

L’agenzia di sicurezza statunitense ha spiato la Merkel e altri alti funzionari europei tramite cablogrammi danesi. L’Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti (NSA) ha utilizzato una partnership con l’unità di intelligence straniera della Danimarca per spiare alti funzionari dei paesi vicini, tra cui il cancelliere tedesco Angela Merkel, secondo l’emittente statale danese DR.

(EURACTIV.com with Reuters)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il ministro della Salute propone di estendere il green pass ai paesi extra UE.“Proporrò che il green pass venga utilizzato non solo con i paesi europei ma anche con quelli extra-UE come Giappone, Stati Uniti o Canada”, ha detto domenica il ministro della Salute Roberto Speranza in un’intervista televisiva.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

SPAGNA

Il premier spagnolo deciderà entro poche settimane sulla grazia ai separatisti catalani. Il primo ministro Pedro Sánchez, secondo quanto riportato dai media spagnoli, sta valutando di concedere la grazia entro la fine di giugno a un gruppo di separatisti catalani incarcerati per il loro coinvolgimento nello svolgimento del referendum sull’indipendenza nel 2017.

(EuroEFE)

///

NICOSIA

Cipro vota per il nuovo Parlamento nel mezzo dello scandalo dei ‘passaporti d’oro’. I ciprioti hanno votato domenica 30 maggio per le elezioni parlamentari, tra la crescente rabbia pubblica per lo scandalo di corruzione dei ‘passaporti d’oro’ concessi dallo stato.

(EURACTIV.com with AFP)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Un esperto: la Repubblica Ceca vede l’UE come un bancomat. La Repubblica Ceca sta “spremendo” i fondi dell’UE e si presenta erroneamente come uno “stato povero”, ha detto l’economista ceco e membro del Comitato economico e sociale europeo (CESE) Petr Zahradník a EURACTIV.cz, aggiungendo che “i fondi dell’UE sono percepiti come un bancomat a cui noi [cechi] abbiamo quasi diritto”.

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)

///

BRATISLAVA

Repubblica Ceca, Ungheria e Austria riconosceranno i certificati di vaccinazione slovacchi. I vicini della Slovacchia accetteranno i certificati di vaccinazione bilingue che la Slovacchia ha iniziato a rilasciare il 22 maggio. Tuttavia, l’Austria accetterà solo i certificati sui vaccini registrati dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

(Michal Hudec |  EURACTIV.sk)

///

BUDAPEST

L’ex partito di estrema destra Jobbik sostiene la sinistra a Budapest nelle primarie dell’opposizione. L’ex partito ungherese di estrema destra, Jobbik, sosterrà i candidati socialdemocratici federalisti europei a Budapest e altrove, in una mossa che suggerisce che l’opposizione sta mantenendo la sua promessa di cooperare in vista delle elezioni generali del prossimo anno per tentare di sconfiggere il partito Fidesz del primo ministro Viktor Orbán.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)


NOTIZIE DAI BALCANI

LUBIANA

L’impasse politica della Slovenia continua. L’impasse politica della Slovenia continua, poiché né il governo né l’opposizione hanno abbastanza voti in Parlamento per sbloccare una situazione di stallo che dura dalla fine dello scorso anno.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

SOFIA

La Bulgaria non avrà i suoi 10 procuratori delegati dell’UE in tempo per l’inizio delle attività della procura europea. La Procura europea (EPPO), guidata da Laura Coveschi, inizierà ad operare martedì senza che la Bulgaria abbia indicato i necessari 10 procuratori delegati, che dovranno lavorare sui principali casi di frode relativi ai fondi dell’UE a livello nazionale.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

Il primo ministro rumeno Citu entra in corsa per la leadership della PNL. Il primo ministro rumeno Florin Citu ha annunciato la sua intenzione di candidarsi alla presidenza del suo partito PNL (membro del Partito popolare europeo – PPE) al congresso di settembre. Il primo ministro correrà contro l’attuale leader del partito ed ex primo ministro Ludovic Orban, che attualmente è presidente della camera bassa del parlamento.
Citu ha spiegato di aver parlato con l’ex primo ministro prima di fare il suo annuncio, mentre Orban ha spiegato che ci sarà un gentlemen’s agreement per una competizione onesta e positiva, per mostrare “il tesoro delle risorse umane di PNL”. “Sarà una bella competizione”, ha concluso Orban.

(Bogdan Neagu |  EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Zagabria diventa verde mentre l’HDZ vince le elezioni locali. Tomislav Tomašević (Possiamo!, piattaforma verde-sinistra) ha vinto il secondo turno delle elezioni a Zagabria, battendo Miroslav Škoro, cantante pop e leader del Movimento Patriottico di destra radicale (DP). Il partito conservatore HDZ del primo ministro Andrej Plenković è emerso vittorioso a livello nazionale, vincendo in 15 contee su 20, in tre delle sei più grandi città della Croazia – anche se non le due più grandi, Spalato e Zagabria – e in molte città e comuni più piccoli.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

Vučić dice che non riconoscerà l’indipendenza del Kosovo. Il presidente Aleksandar Vučić ha dichiarato sabato che non firmerà alcun riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo, indipendentemente dalle pressioni, che secondo lui diventeranno enormi verso la metà di luglio, quando è prevista la ripresa del dialogo sul Kosovo.

(EURACTIV.rs)

///

SARAJEVO

Il primo bar mitzvah dopo anni nella sinagoga di Sarajevo. La sinagoga di Sarajevo ha visto venerdì il suo primo bar mitzvah dopo molti anni, in una comunità ebraica che per decenni ha visto un declino dei membri.
Degli almeno 14.000 ebrei in Bosnia ed Erzegovina (BiH) prima della seconda guerra mondiale, solo 4.000 sono sopravvissuti all’Olocausto e la guerra in Bosnia degli anni ’90 ha portato a un altro esodo. La popolazione ebraica si ridusse da circa 2.000 a circa 500 membri, con molti ebrei scampati al brutale assedio della capitale durato quasi quattro anni.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PRISTINA

Rapporto UE: accordo finale Kosovo-Serbia dopo la presidenza del Consiglio sloveno. I media del Kosovo hanno pubblicato sabato un rapporto ufficiale del Consiglio dell’UE in cui si afferma che “dopo la presidenza slovena del Consiglio dell’Unione europea ci sarà un buon momento per inquadrare il potenziale accordo, giuridicamente vincolante, sulla normalizzazione delle relazioni tra il dialogo Belgrado-Pristina”, ha riferito Gazeta Express.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)


AGENDA

  • Germania/Francia: la cancelliera tedesca Merkel e il presidente francese Macron si incontrano per colloqui online.
  • La Banca d’Italia presenterà il suo rapporto annuale, mentre l’Istituto nazionale di statistica (Istat) pubblicherà i dati sull’andamento dell’inflazione a maggio.
  • Spagna: riprende il processo per il caso denominato “Operazione Cucina”, relativo al coinvolgimento del Partito Popolare in uno scandalo di spionaggio.
  • Grecia: il primo ministro Kyriakos Mitsotakis incontrerà ad Atene il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu.
  • Polonia: il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki incontrerà il suo omologo spagnolo Pedro Sanchez per consultazioni intergovernative.
  • 79 ufficiali russi hanno tempo fino a lunedì per lasciare la Repubblica Cecadopo la rottura diplomatica tra i due paesi innescata dalla rivelazione che agenti russi sono stati coinvolti in un’esplosione di un deposito di munizioni nel 2014.
  • Romania: il vicepresidente della Commissione Maroš Šefčovič parteciperà all’inaugurazione del Centro euro-atlantico per la resilienza a Bucarest, incontrerà i leader rumeni, tra cui il primo ministro Florin Citu, e parteciperà al Forum sulla sicurezza del 2021 Atlantico-Mar Nero.
  • Slovenia: il presidente portoghese Marcelo Rebelo de Sousa effettuerà una visita ufficiale e terrà colloqui con il presidente Borut Pahor, il presidente Igor Zorčič e il primo ministro Janez Janša.
  • Serbia: il primo ministro Ana Brnabić e l’ambasciatore ceco Tomas Kuchta saranno all’aeroporto Nikola Tesla per salutare la partenza dell’aereo che trasporta la donazione di 100.000 vaccini Pfizer-BioNTech alla Repubblica ceca.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Josie Le Blond]