Le Capitali – La Repubblica Ceca guarda con interesse al vaccino russo

La Repubblica Ceca sta ufficialmente valutando l'acquisto del vaccino Sputnik V. Il premier ceco Andrej Babiš lo ha detto mercoledì a Belgrado, dopo un incontro con la sua controparte serba Ana Brnabić, che gli ha illustrato il programma di vaccinazione di massa della Serbia con i vaccini cinesi e russi. [Shutterstock/Yalcin Sonat]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Vaccini, Von der Leyen ammette gli errori. Il Parlamento Ue chiede di rafforzare trasparenza e solidarietà di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Vaccini, senza l’Unione europea sarebbe andata molto peggio di Eleonora Vasques, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

PRAGA | BELGRADO

Babis interessato alla strategia di vaccinazione serba e al vaccino russo. La Repubblica Ceca sta valutando l’acquisto di vaccini russi contro il coronavirus, per ottenere un vantaggio nel caso in cui l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) approvi Sputnik V. Nel frattempo, la Serbia, che ha già iniziato a vaccinare le persone con il vaccino russo, ha detto che inizierà a produrlo entro la fine dell’anno; l’Ucraina, invece, ha formalmente vietato la registrazione dei vaccini russi anti-COVID-19.
(Ondřej Plevák |  EURACTIV.cz e EURACTIV.rs)

///

PRESIDENZA UE

Il Portogallo difende l’importanza “geopolitica” dell’accordo commerciale UE-Mercosur. Il segretario di stato portoghese per l’internazionalizzazione, Eurico Brilhante Dias, ha difeso l’importanza dell’accordo UE-Mercosur non solo nel campo del commercio, ma anche a livello “geopolitico e geostrategico”.
(Beatriz Céu |  Lusa.pt)

///

PARIGI

Le Pen in tribunale per i tweet che rilanciavano le violenze dell’ISIS. Mercoledì la leader della destra radicale del Rassemblement National, Marine Le Pen e l’eurodeputato Gilbert Collard, sono comparsi davanti al tribunale penale di Nanterre per aver pubblicato immagini delle atrocità del Gruppo islamico su Twitter e Facebook nel dicembre 2015, dopo che un giornalista aveva paragonato il partito francese di estrema destra ai militanti islamisti. L’accusa chiede una multa di 5.000 euro, nonostante il reato sia punibile fino a tre anni di carcere e una multa di 75.000 euro. “La pubblicazione di tre foto, che all’epoca erano liberamente disponibili sui motori di ricerca, doveva mostrare la barbarie di un’organizzazione terroristica. E dire che non si può ragionevolmente paragonarla a un partito politico”, ha detto l’avvocato di Le Pen.
(Mathieu Pollet | EURACTIV.fr)

Il presidente francese Emmanuel Macron ha proposto al presidente degli Stati Uniti Joe Biden di condurre una mediazione al massimo livello per trovare una soluzione alla disputa commerciale di lunga data tra Boeing e Airbus, hanno scritto mercoledì i media francesi.
(EURACTIV.com with AFP)

///

BERLINO

La Germania estende il lockdown fino all’inizio di marzo. Il blocco nazionale della Germania continuerà fino al 7 marzo, hanno deciso mercoledì il cancelliere Angela Merkel e i leader statali. Fino a quel momento, le misure restrittive rimarranno in gran parte in vigore, ma l’attuale piano prevede una riapertura scaglionata.
(Sarah Lawton |  EURACTIV.de)

///

BRUXELLES 

Forte aumento delle vendite di sonniferi in Belgio. Secondo un rapporto di Febelco, il più grande fornitore di medicinali alle farmacie, nell’ultimo anno c’è stato un aumento sia dei sonniferi su prescrizione, sia di quelli “più morbidi”, disponibili senza ricetta. Gli esperti sanitari parlano di una “preoccupante evoluzione” collegata alla pandemia COVID-19.
(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI | OSLO | MOSCA

La Russia sta testando e dispiegando armi nucleari di nuova generazione nel Nord. La Russia sta testando attivamente nuovi sistemi d’arma, che non rientrano nel quadro dei trattati sul controllo degli armamenti, vicino ai confini di Norvegia e Finlandia, secondo il rapporto annuale del Servizio di intelligence norvegese (NIS) pubblicato lunedì.
(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

TALLINN

L’Estonia prevede di costruire il primo reattore nucleare su piccola scala d’Europa. Per garantire e aumentare la propria produzione di energia, l’Estonia prevede di realizzare il suo primo reattore nucleare, un piccolo reattore modulare che sarà pronto entro una decina di anni. Si prevede che si troverà a circa 100 chilometri a est di Tallinn, sulla costa del Golfo di Finlandia, secondo quanto riferito dall’emittente estone ERR.
(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA
Non scendete in guerra contro la City, dice all’UE il governatore della banca del Regno Unito. Il governatore della Banca d’Inghilterra, Andrew Bailey, ha esortato l’UE a non intraprendere una battaglia normativa contro il Regno Unito sui servizi finanziari, avvertendo che “un mondo in cui l’UE detta e determina quali regole e standard dobbiamo avere nel Regno Unito non funzionerà”.
(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

L’UE respinge la maggior parte delle richieste del Regno Unito sul commercio dell’Irlanda del Nord. L’Unione europea ha respinto mercoledì la maggior parte delle richieste della Gran Bretagna per un commercio più agevole con l’Irlanda del Nord, ma ha affermato che sta considerando una maggiore flessibilità sull’acciaio.
(EURACTIV.com with Reuters)

///
DUBLINO
Authority irlandese sotto accusa per ritardi IT. La Commissione irlandese per la protezione dei dati (DPC) è stata criticata per i ritardi nella revisione dei suoi sistemi IT che consentirebbero un’applicazione più efficace del GDPR.
///

EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il Movimento 5 Stelle è diviso sul presidente del Consiglio designato Draghi. Mentre i leader del Movimento Cinque Stelle (M5S) – il più grande partito nel parlamento italiano – appoggiano un governo guidato dall’ex presidente della BCEi, un gruppo di parlamentari dissidenti è contrario. Oggi, giovedì 11 febbraio, gli iscritti al movimento voteranno online in merito all’ingresso nella maggioranza che sosterrà il governo Draghi.
(Daniele Lettig |  EURACTIV.it)

///

ATENE | NICOSIA

Soluzione a due stati, contro il piano ONU: Mitsotakis “sfida” Erdogan sulla questione cipriota. L’unico modo per risolvere la questione cipriota è stabilire due stati sull’isola, ha detto mercoledì alla comunità turco-cipriota il presidente turco Tayyip Erdogan. Allo stesso tempo, Atene è favorevole a una soluzione sostenuta dalle Nazioni Unite che prevede una federazione, mentre Cipro spera che le discussioni possano riprendere dopo l’ultimo round dei colloqui di Crans-Montana.
(Alexandros Fotiadis e Theodore Karaoulanis | EURACTIV.gr)

///


GRUPPO DI VISEGRAD
VARSAVIA
I media indipendenti polacchi in sciopero. I media indipendenti hanno protestato mercoledì contro i piani del governo di imporre una nuova tassa sugli introiti pubblicitari. I quotidiani hanno riempito l’intera prima pagina con un appello alle autorità affinché ritirassero il progetto, accompagnato dallo slogan “Media senza scelta”, stampato in caratteri bianchi su sfondo nero.
(Anna Wolska |  EURACTIV.pl)
///
BUDAPEST
La Commissione UE: il caso di Klubrádio “non fa che aggravare” le preoccupazioni sulla libertà dei media. La perdita della licenza di trasmissione di Klubrádió, l’ultima stazione radio indipendente in Ungheria, che si occupava di questioni di affari pubblici, ha aggravato le preoccupazioni dell’esecutivo dell’UE sulla libertà dei media e il pluralismo nel paese, ha detto mercoledì un portavoce della Commissione.
///
BRATISLAVA
La Slovacchia invia un satellite nello spazio. Il satellite GRBAlpha, che è attualmente a Mosca in attesa del lancio con un’astronave russa (che avverrà questa primavera dal cosmodromo di Baikonur), sarà il secondo satellite costruito in Slovacchia in orbita attorno alla Terra. Hanno partecipato al progetto ricercatori provenienti da Slovacchia, Ungheria e Giappone.
///

NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La stragrande maggioranza dei bulgari non è in grado di far fronte al costo della vita. Dato che il costo mensile della vita per una famiglia con due adulti e due bambini ha ora raggiunto i 1.300 euro, il 65% dei bulgari non è attualmente in grado o è appena in grado di affrontare le spese di oggi giorno, secondo un rapporto annuale pubblicato dalla Confederazione bulgara dei sindacati indipendenti.
(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

L’UE non è soddisfatta della proposta di bilancio della Romania. Sebbene il governo rumeno stia lottando per mantenere il deficit di bilancio intorno al 7% del PIL, l’aggiustamento dello scorso anno è ancora troppo basso per ottenere il via libera da Bruxelles, secondo il primo ministro Florin Citu.
(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

I paesi stranieri non pattugliano i cieli croati, dice il ministro della Difesa.“Abbiamo ancora i nostri MiG la cui durata scade nel 2024. Spero vivamente che a quel punto risolveremo la nostra situazione per quanto riguarda gli aerei da caccia”, ha detto mercoledì il ministro della Difesa croato Mario Banožić, aggiungendo che fino ad allora l’Aeronautica militare croata continuerà a sorvegliare i cieli del paese come ha fatto negli ultimi 30 anni.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

I partiti di opposizione tentano di nuovo di rovesciare il governo. I cinque partiti di opposizione di sinistra hanno presentato un’altra mozione per un voto di sfiducia costruttiva al governo di Janez Janša, con Karl Erjavec, il presidente del Partito dei pensionati (DeSUS), come candidato alla carica di primo ministro designato.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

SARAJEVO

Il primo turno delle elezioni di Mostar si è ripetuto dopo l’intervento della comunità internazionale. Mercoledì i candidati dell’Unione democratica croata della Bosnia-Erzegovina (HDZ BiH), Mario Kordić, e la “Coalizione per Mostar”, guidata dal Partito bosniaco di azione democratica (SDA), Zlatko Guzin, hanno superato il primo turno del voto per il sindaco nel Consiglio comunale di Mostar. Il voto dei è svolto dopo che gli Alti Rappresentanti e la comunità internazionale hanno chiesto la ripetizione delle elezioni, questa volta secondo le regole, cioè in segreto.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]