Le Capitali – Repubblica Ceca, pressioni per convincere gli eurodeputati a votare no alla risoluzione contro il premier Babiš

lead-5 [EPA/EFE - MARTIN DIVISEK]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Certificato Covid digitale dell’Ue, via libera del Parlamento: come funziona e dove sarà valido di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione I porti italiani nel PNRR: una visione geostrategica di Pietro Spirito (Universitas Mercatorum), EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

PRAGA

Una campagna di lobby contro una risoluzione del Parlamento europeo che denuncia il presunto conflitto di interessi e l’uso improprio dei fondi dell’UE che coinvolge il primo ministro ceco Andrej Babiš sta suscitando disappunto tra gli eurodeputati, che mercoledì dovranno votare il documento.

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)

///

ISTITUZIONI UE

Scontro in Commissione sugli ETS (il sistema di compravendita delle emissioni di CO2). La consultazione interservizi della Commissione europea sulle misure per il trasporto marittimo incluse nel pacchetto legislativo “Fit for 55” ha portato a un enorme scontro tra la DG Move e la DG Clima, ha appreso EURACTIV.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

PRESIDENZA UE

L’UE tratta con gli Stati Uniti e il Regno Unito sul riconoscimento reciproco dei certificati di viaggio COVID-19. La Commissione europea sta discutendo con gli Stati Uniti e il Regno Unito il riconoscimento del certificato di viaggio COVID-19 che entrerà in vigore a luglio nell’UE, ha annunciato il commissario europeo alla Giustizia.

(Ana Matos Neves |  Lusa.pt)

///

BERLINO

Agenzia di intelligence regionale tedesca accusata di archiviazione illegale di dati. L’agenzia di intelligence dello stato della Sassonia, nella Germania orientale, è stata accusata di archiviare illegalmente i dati di politici, inclusi parlamentari del Partito socialdemocratico (SPD) e dei Verdi.

(Nikolaus J. Kurmayer |  EURACTIV.de)

///

BRUXELLES

Il Belgio entra in una nuova fase di allentamento delle restrizioni. A partire da mercoledì, il settore alberghiero belga potrà servire i clienti all’interno dalle 5:00 alle 23:30. L’uso di un dispositivo di misurazione della qualità dell’aria (rilevatore di CO2) è obbligatorio, con ulteriori misure di ventilazione o purificazione dell’aria. I locali sono passibili di chiusura immediata se non sono dotati di un sistema di purificazione dell’aria.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

VIENNA

L’Austria si schiera con la Danimarca sulla controversa legge sull’asilo. Il ministro dell’Interno austriaco Karl Nehammer ha accolto con favore la legislazione danese per trasferire i richiedenti asilo in paesi terzi mentre la loro domanda viene elaborata, definendola un “approccio convincente” per affrontare la migrazione, nonostante la Commissione europea avesse precedentemente condannato la legge danese per questioni legali e umanitarie.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Scontro sulle spese per aiuti all’estero. Il governo del Regno Unito non ha intenzione di offrire un voto sull’eventuale ripristino del bilancio degli aiuti del paese, hanno confermato aalcunii funzionari martedì 8 giugno, qualche giorno dopo aver evitato per poco una grande sconfitta in Parlamento. Un gruppo di ribelli del partito conservatore, tra cui l’ex primo ministro Theresa May, aveva tentato di infliggere una sconfitta al governo di Boris Johnson aumentando la spesa per gli aiuti all’estero attraverso un disegno di legge che si occupava della nuova agenzia di ricerca del Regno Unito, ma il presidente della Camera dei Comuni aveva respinto l’emendamento per motivi procedurali.
L’anno scorso, il governo ha tagliato il budget per gli aiuti del Regno Unito dallo 0,7% del reddito nazionale allo 0,5%, equivalente a 4 miliardi di sterline, come parte delle misure di riduzione dei costi a seguito della pandemia di COVID-19, abbandonando una promessa fatta in campagna elettorale. I parlamentari dovrebbero esplorare altri modi per forzare un voto sulla questione nei prossimi giorni.

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

///

DUBLINO

Un eurodeputato del Fianna Fáíl: il ministro della Brexit non è un “interlocutore affidabile”. L’eurodeputato Fianna Fáíl Barry Andrews (del gruppo Renew Europe) ha dichiarato a una commissione del parlamento irlandese sulla Brexit che il ministro britannico della Brexit David Frost non è un “interlocutore affidabile” e che la sua attuale posizione contro l’Unione europea non è credibile, secondo quanto riportato dal quotidiano The Irish Times.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)


EUROPA DEL NORD E PAESI BALTICI

HELSINKI

La trasparenza salariale divide il mercato del lavoro finlandese. Un gruppo di lavoro istituito circa un anno fa dal governo di sinistra della prima ministra finlandese Sanna Marin per aumentare la trasparenza salariale è finito al centro delle polemiche negli ultimi mesi, con tensioni interne che hanno visto la Confederazione delle industrie finlandesi lasciare il gruppo e continuare a partecipare al dibattito dall’esterno.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

VILNIUS

Attivisti bielorussi organizzano una manifestazione in Lituania per bloccare il traffico verso la Bielorussia. Alcuni attivisti bielorussi in Lituania hanno organizzato una manifestazione martedì, con l’obiettivo di bloccare il traffico diretto da e verso la Bielorussia attraverso il valico di frontiera di Medininkai, nel tentativo di fare pressione sul regime bielorusso per aprire le frontiere e chiedere sanzioni più severe da parte dell’UE.

(Benas Gerdžiūnas |  LRT.lt/en)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

L’Italia si prepara a concludere la sua missione militare in Afghanistan. Martedì il ministro della Difesa italiano Lorenzo Guerini è stato a Herat, nell’ovest dell’Afghanistan, dove ha assistito all’ammainabandiera alla base di Camp Arena, a pochi giorni dal ritiro completo del contingente italiano dal paese.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

ATENE

La Grecia annuncia i “benefici” per i vaccinati. Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha detto di nn escludere di poter impedire ai clienti non vaccinati di entrare in caffè, ristoranti e bar.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

MADRID

La Spagna sta valutando la revoca delle restrizioni per hotel, ristoranti, caffè. Il ministero della Salute spagnolo è favorevole alla graduale revoca delle restrizioni per il settore alberghiero, dei ristoranti e dei caffè, e sta valutando la riapertura delle attività notturne per le regioni a medio rischio per il COVID-19.

(EuroEFE)


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

La più grande centrale elettrica a carbone d’Europa annuncia la data di chiusura ufficiale. Il Polish Energy Group (PGE), una società elettrica pubblica di proprietà statale e la più grande azienda produttrice di energia in Polonia, ha annunciato le date in cui chiuderà i successivi blocchi della centrale a carbone di Belchatow, il più grande impianto elettrico a carbone d’Europa.

(Martyna Kompała |  EURACTIV.pl)

///

BRATISLAVA

La Slovacchia continua ad acquistare equipaggiamento militare al di fuori dell’UE. Il ministero della Difesa slovacco ha firmato un accordo del valore di 100 milioni di dollari con gli Stati Uniti per l’acquisto di altri due elicotteri Black Hawk, uno dei tanti recenti accordi in campo militare conclusi con paesi extra UE.

(Lucia Yar |  EURACTIV.sk)

///

BUDAPEST

Un caporedattore dei media alleati di Orbán: il comportamento del Papa è anticristiano. Papa Francesco voleva umiliare l’Ungheria visitando il Paese solo per tre ore e non incontrando il primo ministro Viktor Orbán o il presidente János Áder, ha affermato András Bencsik, caporedattore della testata filo-Orbàn Demokrata, secondo quanto riferito da Népszava.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)


NOTIZIE DAI BALCANI

LUBIANA

Sventato un tentativo di censurare la sinistra slovena. Un tentativo da parte di due partiti della coalizione di governo slovena di contestare la legittimità del partito di opposizione di estrema sinistra della Sinistra, che a loro giudizio contiene elementi anticostituzionali, è stato sventato dopo che il presidente del Parlamento si è rifiutato di inserirlo nell’agenda dei lavori.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

SOFIA

Le tensioni in Bulgaria divampano dopo che l’incontro del partito della minoranza turca con Erdogan. La visita dei rappresentanti del Movimento per i diritti e le libertà (MRF) in Turchia, dove hanno anche incontrato il presidente Recep Tayyip Erdoğan, ha provocato gravi tensioni in Bulgaria un mese prima delle elezioni parlamentari.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

La Commissione si aspetta che la Romania adotti misure concrete in materia di riforma giudiziaria. La Commissione europea ha riconosciuto l’impegno delle autorità rumene a rafforzare il sistema giudiziario nella sua ultima relazione sul meccanismo di cooperazione e verifica (MCV), ma ha affermato di aspettarsi l’adozione di misure legislative e di altro tipo in questo campo.

(Bogdan Neagu |  EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA | SARAJEVO

I ministri croati e bosniaci discutono di cooperazione e stoccaggio delle scorie nucleari. Martedì il ministro croato per l’Economia e lo sviluppo sostenibile Tomislav Ćorić e il ministro per il Commercio estero della Bosnia-Erzegovina Staša Košarac hanno tenuto colloqui sulla cooperazione nel settore energetico e sui piani per lo stoccaggio di rifiuti radioattivi a basso e medio livello a Trgovska Gora.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

SKOPJE

L’opposizione chiede al governo della Macedonia del Nord di rendere pubblici i dettagli dei colloqui con la Bulgaria. Il più grande partito di opposizione della Macedonia del Nord, VMRO-DPMNE, ha istituito posti di blocco a Skopje e in circa altre 10 città in tutto il paese, chiedendo che il governo rilasci i dettagli della roadmap dei negoziati tra il primo ministro Zoran Zaev e la Bulgaria, secondo Skopje Diem.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PODGORICA | ZAGABRIA

Il Montenegro afferma che l’iniziativa 17+1 ha dato impulso agli investimenti cinesi. Il ministro dello Sviluppo economico montenegrino Jakov Milatović ha elogiato l’iniziativa 17+1, affermando che lo scorso anno il paese ha “registrato il più grande afflusso di investimenti diretti esteri dalla Cina, per 71,23 milioni di euro”.
Allo stesso tempo, il vice primo ministro Dritan Abazović ha chiesto all’UE di aiutare il Montenegro a restituire il prestito cinese di un miliardo di euro necessario per costruire la prima sezione di un’autostrada.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PRISTINA

Il Kosovo abolisce il permesso di soggiorno temporaneo di concerto con l’Albania. Il governo del Kosovo ha approvato l’Accordo internazionale con il Consiglio dei ministri della Repubblica d’Albania sull’abolizione dei permessi di soggiorno temporanei, secondo quanto riportato l’Albania Daily News.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

TIRANA | BUDAPEST

Orbán: l’Ungheria sostiene pienamente la proposta di adesione dell’Albania all’UE. L’Ungheria sostiene pienamente l’adesione dell’Albania alla famiglia europea, ha detto il primo ministro Viktor Orbán ai media dopo i colloqui di martedì con il primo ministro albanese Edi Rama, secondo quanto riportato dall’Albania Daily News.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)


AGENDA

  • Francia: mercoledì il presidente Emmanuel Macron incontrerà Mathias Cormann, segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), per un pranzo di lavoro.
  • Germania: il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas incontra l’omologo ucraino per colloqui a Berlino.
  • Italia: Il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti incontra il suo omologo maltese, John Dalli.
  • Spagna: il consiglio sanitario si riunirà e deciderà, tra le altre cose, se la squadra nazionale spagnola potrà ottenere il vaccino COVID-19 in tempo per Euro 2020, prima di altri gruppi vulnerabili.
  • Repubblica Ceca: Il Parlamento Europeo voterà una risoluzione che censura il premier ceco Andrej Babiš per il suo conflitto di interessi.
  • Slovacchia: il difensore civico dei diritti Mária Patakyová prenderà parte alle udienze giudiziarie riguardanti le tre vittime di un raid della polizia in Moldava nad Bodvou nel 2013 che hanno ricevuto 20.000 euro di risarcimento ciascuno dalla Corte europea dei diritti dell’uomo nel 2020 ma sono sotto processo in Slovacchia con l’accusa di aver falsificato l’attacco.
  • Bulgaria: i manifestanti occuperanno tutti gli ingressi del Palazzo di Giustizia di Sofia con l’intenzione di impedire al procuratore capo Ivan Geshev di entrare nel suo ufficio. Insistono che Ghescev si dimetta per aver fallito la battaglia contro la corruzione.
  • Romania: il primo ministro Florin Citu e il presidente israeliano Reuven Rivlin aprono a Bucarest il Business Forum Romania-Israele. Il presidente israeliano si rivolgerà alle Camere riunite del Parlamento.
  • Croazia: il Parlamento continua la sua settima sessione con una discussione sui progetti di emendamento al bilancio dello Stato 2021 e la proiezione dei piani per il 2022 e il 2023.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Josie Le Blond]