Le Capitali – Repubblica Ceca, le aziende agricole dell’ex premier Babiš si oppongono a un piano PAC più equo

La riduzione dei sussidi per le grandi aziende agricole – come Agrofert Holding, il cui beneficiario effettivo è l'ex primo ministro Babiš – è tra le priorità del nuovo governo. Tuttavia, i grandi attori del settore agricolo ceco si oppongono categoricamente a tale mossa. [Shutterstock/Tomas Vynikal]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Ucraina, Borrell: “Ogni discussione sulla sicurezza europea deve coinvolgere Kiev” di Alessandro Follis. 

Leggete anche Tassonomia verde, nucleare ed errori di prospettiva di Fabio Masini.i

Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

PRAGA

Le organizzazioni agricole ceche che rappresentano i grandi agricoltori, come Agrofert Holding, il cui beneficiario effettivo è Andrej Babiš, si oppongono ai cambiamenti previsti nel piano strategico nazionale della PAC, in particolare alla limitazione dei pagamenti diretti dell’UE alle grandi aziende agricole. Se le modifiche verranno approvate, le organizzazioni intendono intentare una causa costituzionale. Per saperne di più.


EUROPA OCCIDENTALE 
PARIGI

L’ex primo ministro Phlippe sostiene la candidatura presidenziale di Macron, e dà dei consigli al presidente. Dopo che il presidente Emmanuel Macron ha dichiarato di nuovo di “volere” candidarsi per la rielezione ad aprile, mercoledì mattina l’ex premier Edouard Phillippe ha dichiarato al canale pubblico France 2 di essere felice e gli ha consigliato di “lavorare in una logica di unità e […] di allargamento”. I candidati del partito di Philippe, Horizons, si presenteranno alle elezioni legislative del giugno 2022, poiché l’ex primo ministro vuole “pesare sul dibattito pubblico”. In particolare, Philippe auspica che il dibattito sulla rivoluzione digitale e tecnologica sia al centro delle elezioni presidenziali. Secondo lui, non può essere trascurato e richiede una seria preparazione. La Francia ha bisogno di raddoppiare il numero di ingegneri formati ogni anno per creare “una nazione di costruttori”, ha aggiunto. Philippe ha confermato che rimarrà “fedele” ma “libero” nei confronti del presidente Macron. (Davide Basso | EURACTIV.fr)

///

BERLINO

La Germania potrebbe tagliare la quarantena per i lavoratori “critici” già vaccinati. Il ministro della Sanità Karl Lauterbach ha proposto una quarantena obbligatoria più breve per i vaccinati e per coloro che lavorano nelle cosiddette “infrastrutture critiche” come la sanità e la polizia. Le proposte dovrebbero essere formalmente adottate dai ministri regionali della Sanità venerdì 7 gennaio. Per saperne di più.

/// 

VIENNA

Il tasso di infezione da COVID-19 in Austria triplica a causa di Omicron. L’Austria ha avuto un aumento del 77% delle infezioni da COVID-19 a causa della diffusione della variante Omicron tra martedì e mercoledì. Il numero dei contagi – che solo mercoledì hanno sfiorato i 10.000 – è triplicato rispetto a lunedì. Per saperne di più.

/// 

L’AIA

Paesi Bassi attanagliati da un’ondata di proteste contro il lockdown. Questa settimana si terranno diverse proteste in tutto il paese, ha annunciato un gruppo di attivisti olandesi chiamato “Netherlands in Resistance” (Nederland in Verzet) mentre il paese affronta la terza settimana di un duro lockdown. Per saperne di più.


NORD EUROPA E PAESI BALTICI

OSLO

La Norvegia ha acquistato test rapidi COVID-19 per 53 milioni di euro senza gara d’appalto. La settimana prima di Natale, Sykehusinnkjøp, il dipartimento di sanità pubblica responsabile degli acquisti sanitari, ha acquistato 15 milioni di test rapidi senza gara d’appalto per 532 milioni di NOK (53 milioni di euro). Ciò potrebbe comportare la presentazione di denunce, affermano gli esperti. Per saperne di più.

/// 

HELSINKI

Bassa affluenza prevista alle prime elezioni di contea in Finlandia. La Finlandia organizzerà le sue prime elezioni di contea a gennaio, ma l’indifferenza pubblica e la confusione sul processo, così come la pandemia, porteranno probabilmente a una bassa affluenza alle urne. Per saperne di più.

/// 

VILNIUS

Taiwan ha istituito un fondo da 200 milioni di dollari da investire in Lituania nel mezzo della disputa con la Cina. Le autorità di Taiwan hanno affermato mercoledì che creeranno un fondo di 200 milioni di dollari per investire nelle industrie lituane e aumentare il commercio bilaterale, nel tentativo di respingere la pressione diplomatica della Cina sullo stato baltico. Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Il personale delle frontiere minaccia di sciopero per i “respingimenti” nel canale della Manica. Il personale delle forze di frontiera del Regno Unito potrebbe scioperare per i piani “moralmente riprovevoli” del governo di respingere i gommoni che trasportano i migranti che attraversano la Manica, ha avvertito mercoledì un importante sindacato. Per saperne di più.

///

DUBLINO

Test non più richiesto per i viaggiatori vaccinati che entrano in Irlanda. I viaggiatori vaccinati non saranno più tenuti a presentare un test COVID-19 negativo prima di arrivare in Irlanda, in base alle nuove regole concordate dal governo martedì. Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

L’Italia introduce la vaccinazione obbligatoria per gli over 50. Il governo ha introdotto la vaccinazione obbligatoria per le persone con più di 50 anni fino al 15 giugno come soluzione di compromesso, poiché non tutti i partiti della coalizione erano favorevoli ai vaccini obbligatori per tutti. Per saperne di più.

///

MADRID

Il ministro spagnolo affronta le richieste di dimissioni per i commenti rivolti alle megafattorie. L’associazione spagnola delle cooperative agroalimentari ha chiesto mercoledì al ministro per i consumatori Alberto Garzón di dimettersi per i suoi commenti “inaccettabili” sulle mega-fattorie in una recente intervista con il GuardianPer saperne di più.

///

LISBONA

Governo portoghese: si può rinunciare all’isolamento COVID-19 per andare a votare? Il governo ha chiesto un parere al Consiglio consultivo del Procuratore generale (PGR) sul fatto che l’isolamento da COVID-19 impedisca alle persone di esercitare il diritto di voto o se possa essere sospeso per recarsi ai seggi. La domanda arriva in vista delle elezioni parlamentari fissate per il 30 gennaio. Per saperne di più.

///

ATENE

I test PCR a pagamento causano disordini politici in Grecia. L’opposizione e le associazioni mediche hanno fatto pressione sul governo greco affinché distribuisca test PCR gratuiti ai cittadini, poiché i greci sembrano essere gli unici nell’UE che ancora pagano per ottenere un test molecolare. Per saperne di più.


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

I minatori polacchi minacciano di scioperare se le loro richieste salariali non verranno soddisfatte. I minatori polacchi hanno stabilito un programma di ulteriori proteste, annunciando un referendum sullo sciopero di due giorni il 12-13 gennaio e un blocco del trasporto di carbone dal 17 gennaio fino a nuovo avviso. Per saperne di più.

///

BUDAPEST

Un commissario del governo accusato di aver corrotto i Rom per ottenerne un guadagno elettorale. Attila Sztojka, il commissario per le relazioni con i Rom all’interno del ministero degli Interni ungherese, sarebbe stato registrato mentre diceva che avrebbe offerto contratti e sussidi ai rappresentanti dei Rom se l’autogoverno delle minoranze etniche avesse presentato candidati di gradimento all’esecutivo. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

Il procuratore generale slovacco rifiuta l’accordo di difesa con gli Stati Uniti, e pianifica un viaggio in Russia. Il procuratore generale Maroš Žilinka parteciperà alle celebrazioni del 300° anniversario dell’ufficio del procuratore russo, alcuni giorni dopo essersi espresso contro l’accordo di cooperazione per la difesa con gli Stati Uniti. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

LUBIANA

Gli attacchi degli antivaccinisti contro gli operatori sanitari si intensificano in Slovenia. Uno dei più importanti esperti medici sloveni si è ritirato dalla vita pubblica dopo essere stato l’ultima vittima di una serie di attacchi ai professionisti della salute da parte di oppositori della vaccinazione e delle restrizioni COVID-19. Leggi di più.

 ///

ZAGABRIA

Il Presidente croato: l’offerta statunitense per i veicoli Bradley ha un significato strategico e politico. L’offerta degli Stati Uniti per i veicoli corazzati da combattimento Bradley è di nuovo entrata nel dibattito politico, con il presidente Zoran Milanović che ha affermato che è strategicamente e politicamente significativa per la Croazia. Ha anche criticato il governo accusandolo di essere lento nel processo decisionale. Per saperne di più.

 ///

BALCANI OCCIDENTALI

I Balcani occidentali e la Croazia perdono potenziale di crescita economica a causa dell’emigrazione giovanile. I Balcani occidentali e la Croazia stanno perdendo il potenziale di crescita economica a lungo termine a causa dell’emigrazione giovanile, e il fatto che le persone occupabili lascino la regione non è positivo nemmeno per l’UE, ha affermato l’Istituto di demografia di Vienna dell’Accademia austriaca delle scienze in uno studio pubblicato mercoledì. Per saperne di più.

///

BUCAREST

La Romania vuole nuove centrali elettriche. La priorità assoluta è creare nuovi impianti per la produzione di elettricità in Romania, ha detto il ministro dell’Energia Virgil Popescu a un’emittente televisiva. Il ministro ha detto che tra pochi mesi saranno lanciati nuovi bandi di progetto. “Vogliamo lanciare a marzo un bando per progetti solari ed eolici: 460 milioni di euro per 950 megawatt”, ha affermato. La Romania ha stanziato 1,6 miliardi di euro nel suo piano di ripresa e resilienza per progetti energetici, ma una quantità maggiore di fondi, circa 10 miliardi di euro, sarà disponibile attraverso il Fondo per la modernizzazione, ha aggiunto Popescu. Il ministro ha anche affermato che quest’anno saranno lanciati molti altri progetti, tra cui reti di distribuzione di gas naturale e idrogeno, produzione di idrogeno, impianti per la produzione di batterie. (Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

SOFIA

Il premier bulgaro apre il dibattito sull’ammissione delle truppe Nato nel paese.Il nuovo governo bulgaro non ha ancora discusso del dispiegamento delle truppe Nato nel Paese, ma tali colloqui avranno sicuramente luogo, ha annunciato il primo ministro Kiril Petkov. Per saperne di più.

///

BELGRADO

Cremlino: la capacità di difesa della Serbia dipende in gran parte dalla Russia. La capacità di difesa della Serbia dipende in gran parte dalla Russia, ha detto mercoledì la portavoce del ministero degli Esteri del Cremlino, Maria Zakharova. Per saperne di più.

///

PRISTINA

La Russia accusa il Kosovo di aggressione in seguito all’espulsione di un diplomatico. La Russia ha accusato il Kosovo di essere provocatorio e di “aggravare le relazioni interetniche” in seguito alla designazione di un diplomatico russo delle Nazioni Unite come persona non grata. Per saperne di più.

///

SARAJEVO

Gli Stati Uniti sanzionano Dodik per corruzione, minacciando la stabilità della Bosnia-Erzegovina. Gli Stati Uniti hanno sanzionato il leader della Republika Srpska Milorad Dodik e il suo canale mediatico Alternativna Televizija (ATV) per “attività corruttive e continue minacce alla stabilità e all’integrità territoriale della Bosnia-Erzegovina”. Per saperne di più.

///

SKOPJE

Skopje riceve una spedizione record di cannabis medicinale. Instadose Pharma Corp ha consegnato una spedizione record di fiori di cannabis medicinale di alta qualità, ha dichiarato la società mercoledì. La consegna di 2.125 tonnellate metriche da Johannesburg, in Sudafrica, a Skopje è stata completata il 25 dicembre 2021. La coltivazione di cannabis medica in Macedonia del Nord è stata autorizzata nel 2016, modificando la legge sul controllo delle droghe e delle sostanze psicotrope. Da allora, c’è stato un dibattito in corso sull’autorizzazione all’uso ricreativo di questa sostanza. Attualmente, il governo ha rilasciato quasi 60 licenze ad aziende per la produzione di cannabis medica. (Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PODGORICA

Escobar: alcuni attori politici non condividono i valori euro-atlantici. Gli Stati Uniti non esiteranno a utilizzare le sanzioni per inviare un messaggio forte agli attori corrotti e destabilizzanti nella regione, ha detto Gabriel Escobar, inviato speciale degli Stati Uniti per i Balcani occidentali all’agenzia MINA del Montenegro. Per saperne di più.

///

TIRANA

La centrale idroelettrica albanese ottiene il sostegno cinese. Il progetto di una centrale idroelettrica in stallo ha ricevuto il sostegno della Cina, segnalando che presto potrebbero essere avviati i lavori in un’area di straordinaria bellezza naturale e molto popolare tra i turisti. Per saperne di più.


AGENDA

  • Ue/Francia: il Collegio dei Commissari si reca a Parigi per dare il via alla Presidenza del Consiglio Ue, il Presidente Emmanuel Macron ospita una cena di lavoro con i membri della Commissione Ue.
  • Regno Unito: Il ministro degli Esteri irlandese Simon Coveney si reca a Londra per incontrare per la prima volta dalla sua nomina la controparte britannica Liz Truss.
  • Cipro: entrano in vigore le restrizioni agli assembramenti nelle case e nelle chiese per combattere il Covid-19.
  • Serbia: i seguaci della chiesa ortodossa serba che osservano il calendario giuliano festeggiano la vigilia di Natale.
  • Romania: il primo ministro Nicolae Ciuca guida un incontro sull’assorbimento dei finanziamenti Ue.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor]