Le Capitali – Repubblica Ceca, il nuovo governo taglierà i fondi PAC alle grandi aziende agricole

FOTO: Shutterstock/btwcapture

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata a Migranti, nuove sanzioni Ue contro la Bielorussia. Lukashenko accusa la Polonia di cercare lo scontro di Valentina Iorio

Vedi anche Pandemia in Europa: le differenti misure di contenimento dei vari paesi, con Roberto Castaldi


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

Buongiorno da Praga.

Il futuro governo ceco porterà un cambiamento nella politica agricola del paese: limiterà i sussidi dell’UE e si concentrerà sulle piccole e medie aziende agricole, mettendo  fine alle sovvenzioni dell’UE alle grandi aziende agricole. Per saperne di più.


EUROPA OCCIDENTALE

BERLINO
La nuova coalizione tedesca pensa a un lockdown per i non vaccinati. “Lo faremo decollare”, ha detto Katrin Göring-Eckardt, capo dei Verdi nel parlamento tedesco, a proposito della prospettiva di cambiare la legge per richiedere la vaccinazione per professioni selezionate, come gli operatori nelle case per anziani e i lavoratori nel settore dell’infanzia. Per saperne di più.

///

PARIGI

Le Pen: Non si possono aprire le frontiere di fronte al “ricatto”. Non bisogna “aprire le frontiere” di fronte al “ricatto” bielorusso, ha dichiarato lunedì mattina al canale d’informazione FranceInfo la candidata dell’estrema destra francese alle elezioni presidenziali del 2022, Marine Le Pen.

Secondo Le Pen, siamo di fronte a “un’Europa assediata dai migranti usati come arma di migrazione”. Ha anche spiegato che la nuova crisi migratoria è la “conseguenza degli errori del passato”, riferendosi al “ricatto della Turchia” per aprire le frontiere.  “Altri regimi potrebbero considerare che quest’arma funziona estremamente bene”, ha aggiunto. (Clara Bauer-Babef | EURACTIV.fr)

///

VIENNA

L’università di Vienna prende le distanze dalla perizia che scagiona Kurz. La perizia che l’avvocato dell’ÖVP ha commissionato per scagionare l’ex cancelliere Sebastian Kurz dalle accuse di corruzione nei suoi confronti si è ritorta contro il partito, con l’Università di Vienna che ha preso le distanze dal professore di diritto che ha redatto il rapporto. Per saperne di più.

///

BERNA

Mondi separati: Svizzera e UE continuano a dialogare. Il ministro degli esteri svizzero era a Bruxelles per lanciare un dialogo politico tra l’UE e la Svizzera sei mesi dopo che il governo svizzero ha deciso di interrompere i negoziati su un accordo quadro tra di loro. Tuttavia, secondo un analista, le prospettive di un vero riavvicinamento a breve sono scarse.  Per saperne di più.


NORD EUROPA E PAESI BALTICI

HELSINKI

La situazione al confine tra Polonia e Bielorussia ha scatenato un duello politico in Finlandia, con una chiara divisione che emerge sull’idea di costruire una recinzione al confine tra Finlandia e Russia. Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Mitsotakis chiede che i marmi del Partenone tornino a casa. Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis metterà la restituzione dei marmi del Partenone in cima all’ordine del giorno in un incontro con l’omologo britannico Boris Johnson martedì. Mitsotakis sembra intenzionato ad offrire in prestito alcuni dei tesori culturali della Grecia alla Gran Bretagna, come accordo di scambio per le statue che gli inglesi hanno rimosso dal tempio del Partenone nel 1816.

Al centro dell’argomento della Grecia per il restauro, le gallerie greche del British Museum, dove le statue antiche sono state esposte, sono state chiuse l’anno scorso a causa della pandemia di COVID e dei necessari lavori di costruzione. Tuttavia, Johnson ha ripetutamente dichiarato che le statue, che il Regno Unito descrive come i marmi di Elgin, non saranno restituite. (Benjamin Fox | EURACTIV.com)

///

DUBLINO

L’ex presidente irlandese critica la conclusione del summit sul clima COP26. “Non abbiamo avuto successo”, ha detto l’ex presidente irlandese Mary Robinson a proposito della conclusione del vertice sul clima COP26, aggiungendo che le persone sotto i 60 anni dovranno probabilmente affrontare un mondo “meno vivibile”, Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

L’Italia aumenta le restrizioni COVID-19 per i trasporti pubblici e i taxi. Nuove misure anti COVID-19 sono state annunciate dal ministro della Salute Roberto Speranza e dal ministro dei Trasporti Enrico Giovannini lunedì (15 novembre) per il trasporto pubblico e privato, in risposta al crescente tasso di infezione nel paese.  Per saperne di più.

///

MADRID

Re Felipe VI sale per la prima volta su un autobus pubblico. Lunedì, il re Felipe VI e la regina Letizia hanno preso un autobus pubblico a Madrid in un evento insolito per commemorare il 75° anniversario dell’azienda di trasporto pubblico urbano della città, EMT. Per saperne di più.

///

ATENE

Bar e ristoranti in sciopero in Grecia, denunciano gravi perdite. L’industria della ristorazione, i pub, i caffè e i ristoranti sciopereranno martedì (16 novembre) per protestare contro le misure COVID del governo, che, secondo loro, hanno portato a perdite di reddito del 30-50% e minacciano i posti di lavoro nel settore. Per saperne di più.

///

LISBONA

Il premier portoghese convoca una riunione per valutare l’evoluzione della situazione dell’epidemia diCOVID-19. Il primo ministro António Costa ha convocato una riunione per venerdì (19 novembre) sull’evoluzione della situazione epidemiologica del COVID-19 nel paese, riunendo esperti e politici presso l’autorità nazionale di farmaci e prodotti sanitari Infarmed a Lisbona, ha dichiarato lunedì all’agenzia Lusa una fonte governativa. Per saperne di più.


GRUPPO DI VISEGRAD

BUDAPEST

“L’onesto disaccordo è spesso un buon segno di progresso” – questa è la citazione del Mahatma Gandhi con cui il governatore della Banca Nazionale Ungherese György Matolcsy ha concluso il suo ultimo articolo nel Magyar Nemzet, alleato del governo. Il suo articolo ha dettagliato i gravi rischi associati alle conseguenze della gestione della crisi da parte del governo, ha riferito Telex. Per saperne di più.

///

VARSAVIA

Migliaia di migranti si radunano al valico di frontiera chiuso di Kuzźnica. Lunedì mattina presto, una grande folla di migranti è apparsa allo stesso passaggio di frontiera dove una settimana prima c’erano stati tentativi di sfondare il confine polacco. I funzionari polacchi dicono che il regime di Lukashenko ha inscenato l’incidente in Bielorussia. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

La Slovacchia non riesce ad approvare le riforme previste dal Recovery Plan. Il governo slovacco non può approvare le riforme necessarie per soddisfare i punti cruciali del Recovery Plan stabilito dalla Commissione europea, nonostante questo sia fondamentale per i paesi dell’UE per accedere ai fondi aggiuntivi del Recovery. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La coalizione “Il Cambiamento Continua”, che ha vinto le elezioni in Bulgaria domenica, inizierà i negoziati per formare un governo la prossima settimana. Esclusi dai colloqui sono il partito GERB dell’ex primo ministro Boyko Borissov e il partito di minoranza etnica turca DPS (Renew Europe). Per saperne di più.

///

BUCAREST

I colloqui per la coalizione di governo progrediscono, ma il presidente è ancora determinante nella scelta del premier. Il partito di centro-destra PNL e il socialista PSD si sono accordati su un programma di governo, ma il nome del primo ministro non è ancora stato deciso. Il presidente Klaus Iohannis ha l’ultima parola nella scelta del futuro primo ministro. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

Entrano in vigore i test COVID obbligatori per i dipendenti pubblici croati. La decisione del Comando della Protezione Civile della Repubblica di Croazia sul test obbligatorio per il virus SARS-CoV-2 per i funzionari, i dipendenti pubblici e gli impiegati entrerà in vigore da martedì (16 novembre). Per saperne di più.

///

BELGRADO

L’UE riconoscerà i certificati COVID serbi. La Commissione europea ha adottato lunedì (15 novembre) una decisione che certifica che il certificato ufficiale COVID rilasciato dalla Serbia è equivalente al certificato digitale COVID dell’UE e che i cittadini serbi con questo certificato possono viaggiare in UE. Per saperne di più.

///

SARAJEVO

Un alto funzionario del governo degli Stati Uniti visita Sarajevo. Derek Chollet, il consigliere del Dipartimento di Stato americano, ha visitato lunedì (15 novembre) Sarajevo. Per saperne di più.

///

PRISTINA | ZAGABRIA

Il premier croato si impegna ad aiutare il Kosovo con gli obiettivi dell’UE e i visti. La Croazia aiuterà il Kosovo con la liberalizzazione dei visti, ha dichiarato il primo ministro Andrej Plenković che lunedì ha incontrato il suo omologo Albin Kurti a Pristina. Per saperne di più.

///

PRISTINA

Il Kosovo invitato al vertice sulla democrazia guidato dagli Stati Uniti. Dopo una settimana di speculazioni, il presidente del Kosovo Vjosa Osmani ha confermato che il Kosovo e la Serbia sono stati invitati al prossimo vertice per la democrazia. Per saperne di più.


AGENDA:

  •  UE: I ministri della difesa dell’UE discutono delle relazioni UE-NATO, della bussola strategica e delle missioni militari dell’UE / Si riunisce il Consiglio di cooperazione UE-Uzbekistan / Il commissario per l’allargamento Olivér Várhelyi incontra i ministri dei Balcani occidentali / La Corte di giustizia europea si pronuncia sullo stato di diritto in Polonia e sulla criminalizzazione dei richiedenti asilo in Ungheria.
  • Francia: Il sindaco di Parigi e candidato alla presidenza Anne Hidalgo incontra l’ex presidente del Brasile Lula da Silva.
  • Danimarca: Si svolgono le elezioni locali e regionali.
  • Spagna: Il primo ministro Sanchez ospita il presidente italiano Mattarella a Madrid.
  • Bulgaria: La Corte costituzionale eleggerà un presidente della Corte con un mandato di tre anni, dato che il mandato di quello attuale è terminato.
  • Croazia: Conferenza sulla transizione verde, organizzata dalla Camera di Commercio croata.

***
[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor]