Le Capitali – Le regioni italiane cercano accordi separati per l’acquisto dei vaccini

Cinque regioni del Nord Italia hanno annunciato la loro intenzione di acquistare dosi aggiuntive di vaccini anti-COVID-19 indipendentemente dalle forniture governative. [Shutterstock/MikeDotta]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Dalla Spagna una proposta di legge per riconoscere i rider come lavoratori dipendenti di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione L’inevitabile delusione di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

ROMA

Cinque regioni del Nord Italia hanno annunciato la loro intenzione di acquistare dosi aggiuntive di vaccini COVID-19 indipendentemente dalle forniture governative. 

Sabato ha prestato giuramento il nuovo governo presieduto dall’ex capo della Bce Draghi e sostenuto da un’ampia maggioranza parlamentare. È composto da 23 ministri (15 uomini e 8 donne), sette dei quali sono “tecnici” scelti dal Draghi, e comprende un nuovo ministero per la transizione ecologica.
(Daniele Lettig |  EURACTIV.it)

///

PARIGI

Il ministro della giustizia francese vuole fissare l’età del consenso sessuale a 18 anni nei casi di incesto. Mentre una nuova ondata di #metoo si sta scatenando in Francia con diverse denunce di episodi di incesto che riguardano personaggi pubblici, il ministro della giustizia Eric Dupond-Moretti ha annunciato domenica di voler fissare l’età del consenso sessuale a 18 anni nei casi di incesto, come richiesto da un appello pubblico firmato da più di 50.000 persone. Inoltre, per ogni caso di violenza sessuale, Dupond-Moretti ha detto che vorrebbe “un approccio graduale e scaglionato” ai termini di prescrizione.
(Mathieu Pollet | EURACTIV.fr)

///

BERLINO | VIENNA | PRAGA

I nuovi controlli alle frontiere tedesche criticati da Austria e Repubblica Ceca. I divieti d’ingresso ai viaggiatori provenienti dalla Repubblica Ceca e dallo stato austriaco del Tirolo, annunciati la scorsa settimana dal ministro dell’Interno Horst Seehofer, sono entrati in vigore domenica ma hanno ricevuto forti critiche da Austria, Repubblica Ceca e dai rappresentanti dell’industria automobilistica tedesca.
(Sarah Lawton |  EURACTIV.de)

///

BRUXELLES 

Il divieto del Belgio ai viaggi non essenziali potrebbe essere revocato prima di aprile. La decisione del Belgio di vietare i viaggi non essenziali potrebbe essere revocata in qualsiasi momento prima del 1° aprile, a seconda della situazione dei casi COVID-19 del paese, hanno detto diversi esponenti politici del paese.
(EURACTIV.com)

///


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

I finlandesi sempre più divisi sull’Unione europea. Il 32% dei finlandesi afferma che la propria percezione dell’UE si è indebolita durante l’ultimo anno, mentre il 6% che ritiene che si sia rafforzata. Secondo il 55%, l’UE non risponde ai suoi cittadini, e il 51% suggerisce di indebolire il ruolo del Parlamento europeo. Sono i risultati di un sondaggio condotto dal Parlamento europeo e pubblicato venerdì 12 febbraio, che pone la Finlandia all’ultimo posto tra i 27 Stati membri dell’UE. Il paese è il meno ottimista sull’UE tra quelli scandinavi. Tra i cittadini europei, i finlandesi sono anche i più critici nei confronti del pacchetto di ripresa dell’UE, con solo il 62% della popolazione che lo sostiene. Tuttavia, nonostante le critiche, il 69% dei finlandesi ritiene che il paese abbia beneficiato dell’adesione all’UE.

Il ministro degli esteri finlandese Pekka Haavisto (Verdi) e il suo omologo russo Sergei Lavrov che si incontreranno oggi a San Pietroburgo. Haavisto ha detto ai media finlandesi che non esiterà a chiedere il rilascio del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny rilevando, tuttavia, che la questione delle eventuali sanzioni sarà rimessa alla riunione dei ministri degli esteri dell’UE.
(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

TALLINN

L’Estonia prevede di costruire il primo reattore nucleare su piccola scala d’Europa. Per garantire e aumentare la propria produzione di energia, l’Estonia prevede di realizzare il suo primo reattore nucleare, un piccolo reattore modulare che sarà pronto entro una decina di anni. Si prevede che si troverà a circa 100 chilometri a est di Tallinn, sulla costa del Golfo di Finlandia, secondo quanto riferito dall’emittente estone ERR.
(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA
I ministri del Regno Unito respingono le richieste di allentare il lockdown. I ministri stanno respingendo le crescenti richieste di allentare le restrizioni. Il ministro degli Esteri Dominic Raab ha insistito domenica sul fatto che non il governo prenderà un “impegno arbitrario”.
(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

///


EUROPA MERIDIONALE

MADRID

I separatisti catalani rafforzano la maggioranza, dialogo con Madrid in vista. I partiti separatisti hanno ottenuto abbastanza seggi alle elezioni di domenica per rafforzare la loro maggioranza nel parlamento regionale della Catalogna, anche se una forte avanzata del ramo locale dei socialisti (attualmente alla guida del governo centrale) sembra porre le basi per un dialogo, piuttosto che una rottura con Madrid.
(EURACTIV.com with Reuters)

///


GRUPPO DI VISEGRAD
VARSAVIA
La Polonia rivende il vaccino in Ucraina? “La Polonia non ha rivenduto alcun vaccino a nessuno fino ad oggi”, ha detto il ministero della salute domenica alla giornalista di RMF FM Katarzyna Szymańska-Borginon, in seguito alle dichiarazioni del vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis in merito alla Commissione che starebbe assistendo la Polonia nella rivendita di 1,2 milioni di dosi del Vaccino AstraZeneca. Il ministero della Salute ha confermato, tuttavia, di aver ricevuto dall’Ucraina un’offerta per l’acquisto un certo numero di dosi.
(Mateusz Kucharczyk |  EURACTIV.pl)
///
PRAGA

AstraZeneca ha proposto alla Repubblica Ceca un’offerta aggiuntiva di vaccini. Insoddisfatto della quantità di vaccini COVID-19 consegnati finora nel quadro del programma dell’UE, il governo ceco ha avviato colloqui separati con la società farmaceutica britannico-svedese AstraZeneca, e sta riflettendo anche sul possibile acquisto del vaccino russo Sputnik V, ha detto il ministero della salute.

Nel frattempo, il governo ceco ha dichiarato un nuovo stato di emergenza dopo che era stato richiesto da tutti i 14 leader delle regioni, nonostante il parlamento nazionale non fosse d’accordo. Il portavoce della Camera alta Miloš Vystrčil (ECR), che ha affermato che una tale decisione violerebbe la Costituzione ceca, ha confermato che impugnerà la decisione dinanzi alla Corte costituzionale.
(Aneta Zachová | EURACTIV.cz)

///
BRATISLAVA
Un testimone chiave in gravi casi di corruzione si è suicidato. František Böhm, testimone chiave in vari casi di corruzione di alto profilo, si è suicidato nella sua casa venerdì.
///

NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Bulgaria aprirà i ristoranti nonostante l’imminente terza ondata di coronavirus. “È d’obbligo aprire i ristoranti il 1° marzo”, ha ordinato il primo ministro Boyko Borissov domenica durante la sua visita all’ospedale di una piccola città della Bulgaria orientale, mentre la Bulgaria si prepara ad affrontare la terza ondata di coronavirus.
(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

ZAGABRIA

Il governo croato pronto ad adottare il protocollo ufficiale di vaccinazione. L’Istituto croato per la salute pubblica (HZJZ) ha redatto il protocollo ufficiale di vaccinazione del paese e lo ha inviato domenica al ministero della salute del paese per l’approvazione finale. Questo avviene in un momento in cui è diventato noto che un numero crescente di cittadini importanti e di alto livello sono stati vaccinati prima del previsto, facendo infuriare la popolazione, già diffidente nei confronti delle nuove restrizioni COVID-19.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]