Le Capitali – Praga critica Cipro per aver nascosto informazioni sugli oligarchi russi

Il capo dell'Ufficio di analisi finanziaria della Repubblica Ceca, Jiri Hylmar, ha detto che Cipro ha risposto alle domande di Praga sugli asset di alcuni oligarchi russi dicendo che "non è competente in materia di sanzioni internazionali, e non manderà le informazioni richieste". [Shutterstock/federico stevanin]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali

PRAGA | NICOSIA

Gli sforzi di Praga per punire gli oligarchi russi falliscono. L’Ufficio analisi finanziarie della Repubblica Ceca, incaricato di congelare i beni degli oligarchi russi, critica la riluttanza di Nicosia a fornire informazioni su proprietari di aziende con sede a Cipro. Per saperne di più.

///

ISTITUZIONI UE

ll sistema Ue di segnalazione degli incidenti informatici non funziona. Juhan Lepassaar, direttore dell’Agenzia dell’Unione europea per la cibersicurezza, ha avvertito che il sistema di segnalazione degli incidenti cyber presenta troppa burocrazia e “non funziona”. Ha chiesto un sistema più resiliente, un migliore ambiente legislativo e la condivisione delle informazioni con gli Stati Membri. Per saperne di più.

Ex Procuratrice per la corruzione informerà gli Eurodeputati sullo “Stato di diritto” in Grecia. Eleni Touloupaki, precedentemente alla guida dell’ufficio della Procura per la corruzione della Grecia, giovedì informerà gli Eurodeputati sullo stato di diritto nel Paese, da quanto apprende EURACTIV. Per saperne di più.

///

PARIGI

La Francia indaga sul sabotaggio alla rete internet. La Procura di Parigi ha aperto un’inchiesta dopo che la rete internet è stata presa di mira nella regione della capitale e nell’est del Paese. Per saperne di più.

La sinistra francese si spacca sull’ipotesi di alleanza con Mélenchon. I negoziati per unire la sinistra francese in vista delle elezioni legislative di giugno sono in corso, ma gli alti funzionari dei partiti coinvolti sono divisi circa l’ipotesi di appoggiare il leader della sinistra radicale Jean-Luc Mélenchon, riporta EURACTIV Francia. Per saperne di più.

///

BERLINO

Germania, 39,2 miliardi di euro di debito extra per parare il colpo della guerra in Ucraina. Il gabinetto del governo ha approvato un bilancio supplementare, attraverso il ricorso a 39,2 miliardi di euro di indebitamento extra nel 2022, volti a mitigare il contraccolpo economico causato dalle sanzioni russe e dalla guerra in Ucraina. Per saperne di più.

///

L’AIA

Gli olandesi continuano a ricevere gas russo nonostante il rifiuto a pagare in rubli. La Russia continua a fornire gas ai Paesi Bassi, nonostante il rifiuto della parte olandese di pagarlo in rubli, riferisce NOS. Per saperne di più.


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI | STOCCOLMA

La Russia adotta la politica del “bastone e della carota” verso Finlandia e Svezia. Le relazioni della Russia con Finlandia e Svezia peggioreranno, se i due Paesi aderiranno alla NATO, ha riferito Dmitry Novikov, membro della Duma di Stato russa, al quotidiano russo Izvestiya. Novikov ha aggiunto che ciò non escluderebbe la cooperazione in settori come l’economia e la cultura. Per saperne di più.

///

STOCCOLMA

La Svezia riceve meno rifugiati ucraini del previsto. Meno rifugiati ucraini del previsto hanno chiesto asilo e protezione in Svezia. Alcuni di loro sono già tornati in Ucraina, ha riferito mercoledì il Ministro dell’integrazione e della migrazione Anders Ygeman durante una conferenza stampa. Per saperne di più.

///

COPENAGHEN

Ai bambini rifugiati sarà insegnato l’ucraino nelle scuole danesi. I bambini ucraini rifugiati  in Danimarca faranno lezione in inglese e ucraino nelle scuole danesi, come stabilsce un accordo stretto da un’ampia maggioranza nel Folketing, il Parlamento danese, mercoledì. Per saperne di più.


SUD EUROPA

ATENE

La Grecia si prepara a fare i conti con il taglio dell’energia russa, atteso a maggio. Atene non esclude un possibile taglio dei flussi di gas da parte della Russia – proprio come accaduto a Polonia e Bulgaria – ha riferito il portavoce del governo Giannis Oikonomou. Lo stop potrebbe arrivare tra il 20 e il 21 maggio. Per saperne di più.

///

ROMA

L’Italia vuole contribuire a trovare una soluzione duratura alla crisi ucraina. Il governo italiano è pronto “a contribuire a trovare una soluzione duratura alla crisi”, ha detto il Presidente del Consiglio Mario Draghi al Presidente ucraino Volodymyr Zelensky, nel corso di una telefonata. Per saperne di più.

///

MADRID

L’Algeria minaccia di tagliare il gas alla Spagna. Nel mezzo delle tensioni con il rivale regionale marocchino, il colosso del gas algerino Sonatrach ha minacciato la Spagna di rompere il contratto per le forniture energetiche, se Madrid ha intenzione di trasferire il gas a soggetti terzi, come Rabat. Per saperne di più.

Il Catalan Gate mette a rischio la tenuta del governo spagnolo. La Ministra della difesa della Spagna, Margarita Robles, è “politicamente inadatta” e dovrebbe dimettersi, dopo aver dimostrato incapacità nel chiarire il “peggiore scandalo di spionaggio degli ultimi decenni”, l’affondo fatto mercoledì dal Presidente del governo regionale catalano, Pere Aragonès. Per saperne di più.

///

LISBONA

Il Portogallo offre lavoro ai rifugiati ucraini. Circa 1.400 rifugiati ucraini in Portogallo hanno  già ricevuto contratti di lavoro e altri 29.000 posti sono disponibili in tutto il Paese, ha annunciato mercoledì la Ministra del lavoro Ana Mendes Godinho. Per saperne di più.


VISEGRAD 

VARSAVIA

La Polonia non è più dipendente dalla Russia, dice il Premier Morawiecki. La decisione del gigante energetico russo Gazprom di tagliare le forniture di gas alla Polonia significa che il Paese è ora completamente indipendente dalla Russia, ha riferito il Premier Mateusz Morawiecki durante un incontro con la stampa, mercoledì. Per saperne di più.

///

BUDAPEST 

L’opposizione ungherese evita la stampa dopo il nulla di fatto sulle Commissioni. L’opposizione, precedentemente unita, non è riuscita a trovare un accordo con il partito di governo Fidesz sulla spartizione dei seggi nelle Commissioni. Un segno di difficoltà nel continuare la collaborazione, dopo la schiacciante sconfitta alle urne. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

La Presidente slovacca: per cessare dipendenza dal gas russo serve una via “realistica”.  Un arresto immediato delle forniture di gas dalla Russia causerebbe problemi alla Slovacchia, quindi la road map per liberarsi del gas russo deve essere “realistica” e “fattibile”, ha detto la Presidente della Repubblica Zuzana Čaputová. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Putin crea tensioni tra il Premier e il Presidente della Bulgaria. La decisione del Cremlino di tagliare il gas alla Bulgaria ha provocato problemi di politica interna a Sofia, creando una profonda rottura tra il Premier bulgaro Kiril Petkov e il Presidente Rumen Radev. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

La Croazia aggiusta il tiro sul tema dell’adesione di Finlandia e Svezia alla NATO. L’adesione alla NATO di Svezia e Finlandia dovrebbe rimanere una questione separata dalla riforma elettorale in Bosnia ed Erzegovina, ha detto mercoledì il Ministro degli esteri croato Gordan Grlić Radman, dopo che il Presidente Zoran Milanović, affermando il contrario, aveva dato il segnale di un possibile cambio di indirizzo della politica estera croata nei confronti dei membri della NATO. Per saperne di più.

Zagabria prova a mitigare l’impatto della crisi ucraina sul settore agroalimentare. La Croazia ha fatto della sicurezza alimentare un obiettivo chiave, alla luce della crisi in Ucraina. Il governo ha messo in atto una serie di misure per aiutare i produttori a far fronte alle conseguenze della guerra, come riportato da EURACTIV Croazia. Per saperne di più.

///

LUBIANA 

Slovenia, l’acquisto di veicoli blindati ostacola la nascita di un’ampia coalizione. L’acquisto da parte del governo uscente di 45 veicoli blindati Boxer per 343 milioni di euro potrebbe mettersi di traverso ai tentativi del neoeletto Robert Golob di formare un’ampia coalizione di governo. Per saperne di più.

///

BELGRADO 

Il taglio del gas russo alla Bulgaria e alla Polonia per ora non pesa sulla Serbia. La sospensione dell’export di gas alla Polonia e alla Bulgaria da parte del gigante energetico russo Gazprom non influisce sulle forniture di gas alla Serbia, ha dichiarato mercoledì la Ministra dell’energia Zorana Mihajlović, aggiungendo che “spera che la Bulgaria non lo tenga [il gas serbo in transito dal paese] per i propri bisogni”. Per saperne di più.

///

SARAJEVO 

“Presenza internazionale essenziale per la sicurezza in Bosnia Erzegovina, dice Blinken. Per mantenere un ambiente sicuro in Bosnia Erzegovina serve la presenza “di forze internazionali con un mandato adeguato”, ha detto il Segretario di stato americano Antony Blinken durante una discussione sulla sicurezza in Bosnia Erzegovina. Per saperne di più.

///

SKOPJE | SOFIA

La disputa Skopje-Sofia potrebbe assumere i connotati di un “conflitto congelato”. La disputa tra Bulgaria e Macedonia del Nord potrebbe degenerare in un “conflitto congelato”, se le questioni in sospeso non saranno risolte nel prossimo futuro, ha detto il Ministro degli esteri Bujar Osmani in un’intervista alla televisione bulgara BTV. Per saperne di più.

///

PODGORICA 

Il Montenegro chiude le scuole per allarme bomba. Diversi allarmi sulla possibile presenza di bombe hanno costretto all’evacuazione decine di scuole elementari in tutto il Montenegro mercoledì. Per saperne di più.

///

PRISTINA | BELGRADO

Un diplomatico serbo dice che Putin “riconosce l’indipendenza del Kosovo”. Dal momento che il Presidente russo Vladimir Putin ha citato una sentenza della Corte internazionale di giustizia sul Kosovo per giustificare il riconoscimento da parte di Mosca dell’indipendenza delle regioni secessioniste ucraine di mDonetsk e Luhansk, ha di conseguenza riconosciuto il Kosovo come uno Stato indipendente, ha detto Srecko Đukić, ex ambasciatore della Serbia in Bielorussia. Per saperne di più.

///

TIRANA 

Apicoltori albanesi tiepidi sul progetto di legge che si adegua all’acquis comunitario. Il governo ha proposto la bozza finale di una legge per regolamentare il settore dell’apicoltura albanese, nel tentativo di allinearsi con l’acquis dell’Ue. Ma non tutti gli apicoltori festeggiano per la notizia. Per saperne di più.


AGENDA

  • Ue: Incontro tra il Segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, e la Presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola / L’Alto Rappresentante per gli affari esteri dell’Ue Josep Borrell vola in Sud America, e fa tappa in Cile.
  • Germania: Il Cancelliere Olaf Scholz incontra il Premier giapponese Fumio Kishida a Tokyo.
  • Austria: Il Direttore generale dell’AIEA, Rafael Grossi, tiene una conferenza stampa al suo ritorno da Chernobyl.
  • Spagna: Il Parlamento vota il piano anti-crisi del governo per mitigare l’impatto della guerra in Ucraina / Il Premier Pedro Sanchez incontra il Presidente della Bulgaria Rumen Radev.
  • Grecia: Il Primo Ministro Kyriakos Mitsotakis accoglie la Premier della Finlandia Sanna Marin ad Atene.
  • Polonia: La Commissaria europea per gli affari interni, Ylva Johansson, è a Varsavia per incontrare i rappresentanti del governo.
  • Bulgaria: Il Premier Kiril Petkov e i rappresentanti del suo governo di coalizione in visita in Ucraina.
  • Montenegro: L’Assemblea del Montenegro, dovrebbe formare il nuovo governo e nominare il Presidente dell’organo legislativo. Si prevedono tentativi di ostruzionismo.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor, Sofia Stuart Leeson]