Le Capitali – Nonostante la contrarietà della Commissione UE, il presidente ungherese ha promulgato la legge anti-LGBT+

La legge vieta qualsiasi contenuto che "propaga o ritrae la divergenza dall'identità personale corrispondente al sesso alla nascita, al cambio di sesso o all'omosessualità" per i minori. [EPA-EFE/Zoltan Mathe]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Intelligenza artificiale, il garante europeo chiede il divieto del riconoscimento facciale di Alessandro Follis, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione La cultura nuovo vettore strategico della politica estera europea di Luca Jahier, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

BUDAPEST

Il presidente ungherese firma il disegno di legge ant-LGBTQI+. Il presidente ungherese János Áder ha firmato il controverso disegno di legge LGBTQI+ nonostante le proteste internazionali e le minacce di azioni legali da parte della Commissione europea.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)

///

ISTITUZIONI UE

L’UE sosterrà la Turchia con altri 3,5 miliardi di euro per i rifugiati. I leader dell’UE decideranno oggi al Consiglio europeo di erogare alla Turchia altri 3,5 miliardi di euro per aiutare il paese a gestire la crisi dei rifugiati.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

BERLINO

La variante Delta si diffonde nella Germania centrale, lasciando i politici nell’incertezza. Oltre il 20% dei casi di coronavirus nello stato centrale tedesco dell’Assia è della variante Delta: è a rischio il recente allentamento delle misure COVID-19 da parte del paese.

(Nikolaus J. Kurmayer |  EURACTIV.de)

///

PARIGI

La Francia riceverà 39,4 miliardi di euro da Bruxelles per il suo piano di recupero. Mercoledì la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha incontrato il presidente Emmanuel Macron a Parigi per annunciare la sua approvazione del piano nazionale di ripresa e resilienza del paese. La Francia riceverà 39,4 miliardi di euro nell’ambito del Recovery and Resilience Facility volto ad aiutare gli Stati membri a riprendersi dall’impatto economico della pandemia.

(Mathieu Pollet | EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

Soglia di vaccinazione del 70% raggiunta in Belgio. Secondo gli ultimi dati sanitari nazionali, il 70,2% di tutti gli over 18 in Belgio ha ricevuto almeno una prima dose di vaccino, mentre meno di 500 pazienti COVID-19 sono attualmente in terapia intensiva. Questo dato è probabilmente destinato a innescare l’attuazione anticipata delle prossime fasi del “piano estivo” del Belgio per la riapertura, compresa l’ulteriore revoca dei limiti ai contatti sociali e alla partecipazione a eventi di massa all’aperto.

(Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)

///

VIENNA | BRUXELLES

Un diplomatico: la posizione del ministro degli Esteri ungherese nei confronti dei partner dell’UE è stata “abbastanza aggressiva”. Le parole del ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó durante la discussione sulla legge LGBTQI+ sono state “senza precedenti”, “inaccettabili” e “abbastanza aggressive” nei confronti degli altri partner dell’UE, ha detto un diplomatico dell’UE a EURACTIV.

(Oliver Noyan e Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Tregua nella ‘guerra delle salsicce’ UE-Regno Unito. La disputa tra l’UE e il governo di Boris Johnson sulla possibilità di trasportare salsicce dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord sembra essere stata risolta, almeno temporaneamente, mercoledì.
Gli Stati membri dell’UE hanno concordato in modo informale di concedere alla Gran Bretagna un’estensione di tre mesi del periodo di grazia sulle carni refrigerate, che sarebbe scaduto alla fine di giugno. Come parte dell’accordo, il Regno Unito dovrà rispettare gli standard di sicurezza alimentare dell’UE.

(Benjamin Fox | EURACTIV.com)

///

DUBLINO

La leader dello Sinn Féin: gli appelli per abolire il protocollo per l’Irlanda del Nord “non sono radicati nella realtà”. I piani per abolire il protocollo dell’Irlanda del Nord “non sono radicati nella realtà”, ha detto la leader dello Sinn Fein Mary Lou McDonald in un discorso ai membri del partito, secondo l’Irish Times.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)


EUROPA DEL NORD E PAESI BALTICI

TALLINN

L’Estonia non sarà ammessa nel Consiglio Artico. La candidatura dell’Estonia per lo status di osservatore nel Consiglio Artico è stata respinta dai membri del consesso – Finlandia, Svezia, Norvegia, Danimarca, Islanda, Canada, Russia e Stati Uniti – anche se non è stato rivelato chi fosse favorevole o contrario.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

HELSINKI | COPENAGHEN | OSLO | STOCCOLMA

Secondo un sondaggio i paesi nordici sono i più costosi nell’UE. I prezzi in Danimarca, Islanda e Norvegia superano la media UE del 40%, e in Svezia di circa il 30%. I prezzi in Finlandia sono i più bassi tra i paesi nordici, ma sono ancora gli ottavi più alti d’Europa e superano la media dell’UE del 26%: i paesi nordici sono quindi tra i più costosi dell’UE, secondo un recente sondaggio di Eurostat.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Meloni fa la corte a Orbán. Il corteggiamento di mesi del primo ministro ungherese Viktor Orbán e dei suoi eurodeputati – che sono rimasti senza affiliazione al Parlamento europeo dopo aver lasciato il Partito popolare europeo (PPE) – è entrato in una nuova fase mercoledì durante una cena tra Orbán e la presidente del Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei (ECR) e leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

SKOPJE | ATENE

La Grecia valuta il congelamento di tre memorandum con la Macedonia del Nord. Un tweet pubblicato dal primo ministro della Macedonia del Nord Zoran Zaev ha innescato una forte reazione da parte del governo greco, che ora sta riflettendo sul congelamento della ratifica di tre memorandum firmati tra Grecia e Macedonia del Nord come parte dell’accordo sul cambio di nome del paese (Accordo di Prespa).

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

MADRID

Liberati dal carcere i separatisti catalani dopo la grazia. Nove separatisti catalani sono stati scarcerati mercoledì dopo che le loro condanne per il ruolo che avevo ricoperto nell’organizzazione del referendum sull’indipendenza del 2017 sono state commutate dal governo spagnolo.

(EuroEFE)


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

La Polonia reimpone la quarantena di 10 giorni per gli arrivi da fuori Schengen. La Polonia reintrodurrà la quarantena obbligatoria per coloro che arrivano da fuori dell’area Schengen, a causa dei timori che la variante Delta del coronavirus si diffonda in tutto il paese, ha annunciato il viceministro della Salute Waldemar Kraska.

(Anna Wolska |  EURACTIV.pl)

///

PRAGA

Il governo ceco si rifiuta di firmare una lettera sui diritti LGBTQI+. Il governo ceco si è rifiutato di sostenere una lettera alla Commissione europea firmata da altri 14 paesi dell’UE che condanna la recente adozione da parte dell’Ungheria della controversa legislazione anti- LGBTQI+, secondo quanto riportato mercoledì dal media partner di EURACTIV.cz Aktuálně.cz.
I rappresentanti del Belgio, da cui è partita la proposta, hanno avvicinato tutti i 27 paesi dell’UE per firmare la lettera, ma la Repubblica Ceca ha rifiutato, insieme al resto dell’Europa centrale e degli stati balcanici.

(Ondřej Plevák | EURACTIV.cz)

///

BRATISLAVA

La Slovacchia venderà o donerà dosi di vaccino Sputnik V inutilizzate. La Slovacchia ha accettato mercoledì di vendere o donare le rimanenti dosi di vaccino russo Sputnik V dalle 200.000 acquistate all’inizio di quest’anno, una volta che smetterà di somministrarle entro la fine di giugno.

(Michal Hudec | EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Il PPE resta fedele a Borissov nonostante gli scandali di corruzione. Il gruppo di centrodestra del PPE ha riaffermato il suo sostegno all’ex premier bulgaro Boyko Borissov in vista delle elezioni dell’11 luglio, nonostante la moltitudine di scandali di corruzione svelati dal governo ad interim.
Parlando in videoconferenza, Manfred Weber, leader del PPE al Parlamento europeo, ha espresso il suo forte sostegno al partito GERB di Borissov e ha affermato che il PPE osserverà da vicino le elezioni parlamentari anticipate. Alle elezioni del 4 aprile, che non sono riuscite a produrre un governo, il GERB è stato ostracizzato da tutte le restanti forze politiche.

(ntonia Kotseva e Georgi Gotev |  EURACTIV.bg)

///

LUBIANA

La Slovenia emette il primo green bond. La Slovenia ha emesso il suo primo prestito obbligazionario di sostenibilità, diventando il primo paese dell’Europa centrale e orientale, e il secondo Stato membro dell’UE a farlo. L’emissione da 1 miliardo di euro è stata ampiamente sottoscritta.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

BELGRADO

I ministri della difesa serbo e russo discutono di cooperazione militare. La Russia è impegnata nello sviluppo di legami bilaterali e nel sostegno allo sviluppo di capacità per l’esercito serbo, ha dichiarato mercoledì il ministro della Difesa russo Sergey Shoygu alla nona conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale, durante un incontro con il suo omologo serbo, Nebojša Stefanović.

In altre notizie, il direttore dell’ufficio IT ed e-Administration Mihailo Jovanović ha invitato i giovani cittadini serbi a farsi vaccinare contro il coronavirus, poiché “poco più del 17% della popolazione di età compresa tra 18 e 30 anni lo ha fatto”.

(EURACTIV.rs | betabriefing.com)

///

SARAJEVO

Traffico di bambini nei Balcani occidentali durante la pandemia. Il traffico di bambini è aumentato durante la pandemia di COVID-19, secondo i dati diffusi mercoledì durante una conferenza regionale a Sarajevo organizzata dall’UE e dal Consiglio d’Europa.
La pandemia ha reso i bambini ancora più vulnerabili alla tratta di esseri umani a causa della crescente incertezza economica, della disoccupazione e dei movimenti limitati, secondo gli organizzatori della conferenza intitolata “Agire insieme di fronte alla crisi: proteggere i bambini dalla tratta e dallo sfruttamento nei Balcani occidentali”.
Il traffico di bambini nei Balcani occidentali continua ad aumentare nonostante le numerose misure legislative e pratiche adottate nel corso degli anni per reprimerlo. Nell’area, i bambini sono oggetto di tratta per sfruttamento sessuale, matrimoni forzati, sfruttamento lavorativo, accattonaggio forzato e inclusione forzata in attività criminali, hanno affermato gli organizzatori.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)


AGENDA: 

  • Italia: il ministro della Difesa Lorenzo Guerini riferirà al parlamento sulla conclusione della missione italiana in Afghanistan.
  • Belgio: i leader Ue si riuniranno a Bruxelles iper il Consiglio Europeo.
  • Polonia: la camera bassa del Parlamento ascolterà l’informativa del ministro della Giustizia e procuratore generale Zbigniew Ziobro sulle azioni intraprese dall’accusa in tutti i casi in cui l’attuale CEO di PKN, Orlen Daniel Obajtek, era un sospetto o un imputato. Tale audizione è stata richiesta dalla Coalizione Civica di opposizione.
  • Croazia: il ministero della Scienza e dell’Istruzione, il ministero dell’Innovazione e della Tecnologia ungherese e il ministero delle Risorse umane firmano un programma di cooperazione per l’istruzione e la scienza per il 2021-2025. In Parlamento si terrà un un dibattito sulla proposta del presidente Zoran Milanović di nominare Zlata Đurđević presidente della Corte Suprema.
  • Slovenia: il ministro degli Esteri portoghese Augusto Santos Silva in visita ufficiale per il simbolico passaggio di consegne della presidenza del Consiglio Ue alla Slovenia.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic, Josie LeBlond]