Le Capitali – Mosca diffonde fake news per minare il sostegno polacco ai profughi ucraini

Il capo della Polizia di Przemysl intervistato da Euractiv [Euractiv - Sarantis Michalopoulos]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali

PRZEMYŚL

Il capo della polizia di Przemyśl, la città dove i rifugiati ucraini arrivano in treno, ha riferito a EURACTIV che le segnalazioni delle fake news sui social media polacchi sono aumentate.  La  disinformazione di queste ore suggerisce in particolare che “i migranti stanno commettendo dei crimini”. L’ufficiale ha lasciato poi intendere che i russi stanno cercando di mettere la popolazione locale contro i rifugiati ucraini, anche se, in realtà, i cittadini hanno mostrato una significativa solidarietà.

Nel frattempo, EURACTIV ha anche parlato con un cittadino ucraino che è fuggito in Polonia dalla guerra. Iryna ha descritto in dettaglio come i russi stanno cercando di provocare il panico nella società, per esempio, con notizie false sui bambini che muoiono di fame nei rifugi.

Alexandra Brzozowski e Sarantis Michalopoulos ne riferiscono dal confine polacco-ucraino. Per saper di più

///

BERLINO

Le sanzioni alla Russia colpiscono due terzi delle imprese tedesche – analisi. Il sessantaquattro per cento delle imprese tedesche dicono di essere influenzate in qualche modo dalle sanzioni che l’UE ha emesso contro la Russia per aver invaso l’Ucraina e dalle contro-sanzioni che la Russia ha annunciato a sua volta. Lo mostra un recente sondaggio pubblicato. Per saperne di più

///

VIENNA 

L’Austria inizierà un’indagine sui patrimoni degli oligarchi. Il vicecancelliere Werner Kogler si è espresso a favore di sanzioni contro gli oligarchi, mentre le sanzioni della Russia minacciano il settore bancario austriaco. Per saperne di più

///

PARIGI

Macron: la guerra in Ucraina un “cambiamento d’epoca” per l’Europa. La guerra in Ucraina è un “cambiamento d’epoca” per l’Europa, che ora deve diventare una forza più sovrana e costruire una difesa comune. Sono le parole del presidente Emmanuel Macron durante il suo discorso al Paese mercoledì. Per saperne di più


GRAN BRETAGNA E IRLANDA

DUBLINO

Proteste nei quartieri generali di Dublino per la disinformazione sull’Ucraina. I manifestanti si sono riuniti mercoledì fuori dalla sede di Meta a Dublino prima di marciare verso quelle di Google per richiedere che venga combattuta la diffusione della disinformazione, legata alla guerra in Ucraina, da parte dei media statali russi. Per saperne di più


PAESI NORDICI E BALTICI

VILNIUS

I rifugiati ucraini in Lituania possono iniziare a lavorare immediatamente. Gli ucraini che fuggono dall’invasione russa e sono arrivati in Lituania possono iniziare a lavorare immediatamente, “se lo desiderano”, ha affermato mercoledì la ministra della sicurezza sociale e del lavoro, Monika Navickienė. Per saperne di più

///

HELSINKI 

Il treno San Pietroburgo-Helsinki è l’unico collegamento diretto con la Russia. Poiché l’UE ha bandito i voli russi dal suo spazio aereo, il viaggio in treno di tre ore e mezza tra San Pietroburgo e Helsinki è ora l’unico collegamento diretto di passeggeri dalla Russia al blocco. Per saperne di più

///

STOCCOLMA

La Svezia si scontra con la Russia sulla “retorica della guerra fredda”. Il primo ministro Magdalena Andersson ha criticato l’attacco della Russia all’Ucraina facendo ricorso alla retorica storica e richiamando la parola degli esperti secondo cui il paese non ha visto nulla del genere sin “dai tempi della guerra fredda”. Per saperne di più


SUD EUROPA

VALLETTA

Malta elimina il programma di cittadinanza per i russi e la Commissione controllerà. Il governo maltese ha sospeso il suo programma di passaporti in contanti per i cittadini russi e bielorussi, in seguito alle pressioni dell’UE e della società civile per timore che gli oligarchi legati al Cremlino potessero accedere acquistando l’ingresso nel blocco. Per saperne di più

///

MADRID

La coalizione spagnola divisa sulla decisione di consegnare armi all’Ucraina. Il primo ministro Pedro Sánchez ha confermato mercoledì che la Spagna invierà presto armi letali per fornire supporto alla resistenza ucraina contro l’invasione russa. Tuttavia, la sua dura posizione nell’ambito della crisi ha incontrato le critiche del partner di sinistra della coalizione, United We Can (Unidas Podemos). Per saperne di più

///

LISBONA

Il gigante dell’energia portoghese, Galp, non acquisterà più prodotti petroliferi russi. Galp ha annunciato mercoledì di aver sospeso l’acquisto di prodotti petroliferi russi e si è rammaricato per gli “atti di aggressione contro il popolo ucraino”, secondo una dichiarazione inviata alla Commissione portoghese del mercato dei titoli (CMVM). Per saperne di più

Il servizio di frontiera portoghese apre sportelli per gli ucraini. Il servizio stranieri e frontiere (SEF) offre sportelli di servizio dedicati esclusivamente ai cittadini ucraini a partire da giovedì. Lo ha annunciato lo stesso SEF mercoledì.  Per saperne di più


VISEGRAD

PRAGA

La Cecoslovacchia dichiara lo stato di emergenza, in vista dell’afflusso di rifugiati ucraini. Il governo ceco ha dichiarato lo stato di emergenza in attesa di un afflusso massiccio di rifugiati ucraini. Circa 30.000 ucraini sono già entrati nella Repubblica Ceca da quando la Russia ha sferrato il suo attacco militare. Per saperne di più

///

VARSAVIA

Morawiecki chiede il divieto totale dei combustibili fossili russi. La Commissione europea dovrebbe vietare le importazioni di combustibili fossili russi, a partire dal carbone. Lo ha affermato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki durante un incontro con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, mercoledì. Per saperne di più

///

BUDAPEST

Audi in Ungheria si prepara alle conseguenze della guerra russa. A causa della dipendenza dai fornitori ucraini, la fabbrica Audi di Győr, in Ungheria, si aspetta problemi significativi con la fornitura di pezzi di ricambio entro pochi giorni, ha riferito Telex mercoledì. Per saperne di più

///

BRATISLAVA

La Slovacchia chiude il popolare sito web considerato di cospirazione. L’ufficio di sicurezza nazionale (NBÚ), mercoledì, ha chiuso uno dei più grandi e influenti siti web di cospirazione nel paese – Hlavne správy (Headlines). Per saperne di più


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Ex generale bulgaro accusato di spionaggio in favore della Russia. L’ufficio del procuratore bulgaro ha scoperto un altro scandalo di spionaggio russo che coinvolge diplomatici dell’ambasciata russa a Sofia e un ex generale bulgaro. Per saperne di più

///

BUCAREST

La Romania cura i primi due pazienti feriti dall’Ucraina. Due cittadini ucraini, feriti in guerra, sono stati ricoverati in un ospedale nella Romania orientale. Notizia che arriva dopo che il Paese l’offerta d’aiuto all’Ucraina comunicata dal Paese riferendosi proprio a eventuali pazienti feriti.

Il ministero della difesa ha detto che il primo trasferimento dall’Ucraina – una donna di 44 anni e suo figlio di 19, entrambi feriti durante una sparatoria – sono stati ricoverati in un ospedale militare a Galati, a pochi chilometri dall’Ucraina.

Secondo il ministero della salute, la Romania ha riservato più di 3.000 letti per i feriti ucraini negli ospedali di tutto il paese. (Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

Caccia rumeno scomparso, missione di salvataggio in elicottero si schianta. Un MiG-21 Lancer rumeno, che stava eseguendo una missione di pattugliamento aereo nella regione di Dongorea, vicino al Mar Nero, ha perso la comunicazione radio ed è scomparso dai radar mercoledì sera. Un elicottero di soccorso, inviato alla ricerca del caccia, si è schiantato circa un’ora dopo, uccidendo tutte le sette persone a bordo.

L’elicottero IAR 330-Puma stava svolgendo una missione di ricerca-salvataggio per soccorrere il pilota del caccia, che alla fine è stato trovato morto. Prima dello schianto, il pilota dell’elicottero ha detto che le condizioni meteorologiche erano sfavorevoli, e gli è stato ordinato di tornare alla base. Il Ministero della Difesa rumeno ha detto che tutti i MiG-21 e gli IAR-330 sono rimasti a terra fino alla fine delle indagini. (Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Il premier croato: “Il futuro dell’Europa dipende dal destino di Kiev”. Il futuro dell’Europa dipende dal destino di Kiev, ha detto mercoledì il primo ministro Andrej Plenković al parlamento croato, condannando una volta di più e con più forza l’aggressione della Russia e lodato l’esercito e il popolo ucraini per la loro eroica resistenza.  Per saperne di più

///

La HPB croata compra Sberbank. La Banca postale croata (HPB) ha comprato la Sberbank Croazia per 71 milioni di kune (9,46 milioni di euro).  Per saperne di più.

///

LUBIANA

La Slovenia richiede alla Russia un risarcimento dopo la distruzione del consolato di Kharkiv. Il ministero degli Esteri ha convocato mercoledì l’ambasciatore russo in Slovenia Timur Eyvazov, chiedendo delle scuse e un risarcimento finanziario, dopo che un missile russo ha distrutto l’edificio che ospita il consolato sloveno a Kharkiv. Per saperne di più

///

BELGRADO 

La Russia è pronta a qualsiasi attacco: non userà prima le armi nucleari, ha affermato l’ambasciatore. La Russia è pronta a rispondere a qualsiasi attacco, ma non userà prima le armi nucleari, ha detto mercoledì a Belgrado l’ambasciatore del paese in Serbia, Alexander Botsan-Kharchenko.  Per saperne di più

La Serbia terrà le elezioni presidenziali il 3 aprile. Il presidente del Parlamento Ivica Dačić ha chiesto che le elezioni presidenziali in Serbia si tengano il 3 aprile. Per saperne di più

///

SARAJEVO

Dodik cerca di spingere verso una posizione neutrale della BiH verso la Russia. Milorad Dodik, il membro serbo della presidenza tripartita ha lasciato una sessione della presidenza, chiedendo alla BiH di prendere una posizione neutrale nei confronti della guerra della Russia contro l’Ucraina, lo stesso giorno in cui il paese ha votato a favore di una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che condanna la Russia. Per saperne di più

///

PRISTINA

Il premier kosovaro istituisce un fondo per l’esercito del Paese ed esorta i cittadini a contribuire. Il primo ministro del Kosovo, Albin Kurti, ha istituito un fondo di sicurezza per aiutare l’esercito del Kosovo e ha invitato i cittadini a contribuire mentre i timori sulla sicurezza del Paese dopo l’invasione della Russia in Ucraina si fanno sempre più crescenti. Per saperne di più

///

TIRANA

Il parlamento albanese voterà una risoluzione sulla guerra in Ucraina. Il governo albanese ha consegnato una risoluzione sulla guerra in Ucraina che dovrebbe essere votata in parlamento nei prossimi giorni, dopo aver precedentemente annunciato al contrario che non era necessario.  Per saperne di più


AGENDA:

  • UE: I ministri della giustizia e degli affari interni si incontrano a Bruxelles / Il primo ministro islandese Katrín Jakobsdóttir incontra il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola / La commissione del Parlamento europeo vota sulla pesca UE-Regno Unito. 
  • Moldavia: I commissari Borrell, Várhelyi e Lenarčič e il ministro degli esteri francese Jean-Yves Le Drian in visita
  • Francia: Incontro dei ministri degli affari esteri ad Arles.
  • Lettonia/Lithuania: Visita della delegazione del Parlamento LIBE.
  • Romania: Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen visita la Romania e incontra il presidente Klaus Iohannis. I governi di Romania e Polonia tengono una riunione congiunta a Varsavia.
  • Serbia: Il primo ministro Ana Brnabić incontrerà il ministro britannico per l’energia, la crescita pulita e il cambiamento climatico, Gregory Hands.

***

[Edited by Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor]