Le Capitali – Ministro slovacco: l’Italia ha il maggior debito pubblico e riceve la maggior parte dei fondi dell’UE

"L'Italia, produce il debito maggiore e attua le riforme minori". [EPA/ CHRISTIAN BRUNA]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV . Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Prima di iniziare a leggere l’edizione odierna de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Presidenza tedesca dell’UE: Il governo stabilisce le priorità per essere “motore e moderatore dell’Europa”.

Date anche un’occhiata all’op-ed “I disordini sociali in America evidenziano le sfide che gli USA devono affrontare“, del professor Constantine Arvanitopoulos.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.


Ora che molti paesi europei stanno revocando le restrizioni e riaprendo le frontiere, in toto o in parte, con modalità e tempiste differenti per ciascuno, assicuratevi di essere aggiornati cliccando sulla panoramica sull’Europa, regolarmente aggiornata con l’aiuto della nostra rete di uffici e dei media partner di EURACTIV.

Inoltre, consultate gli aggiornamenti quotidiani dei paesi del Network, come, ad esempio, quelli di Italia e Croazia.


Oggi da Le Capitali:

BRATISLAVA. Il Recovery Fund da 750 miliardi di euro proposto dalla Commissione è pericoloso per l’UE, ha affermato il ministro dell’Economia Richard Sulík (del partito conservatore Libertà e solidarietà) in una intervista a postoj.sk.

La creazione di un debito comune europeo rappresenta un rischio etico “non lontano dalla pazzia”, ha detto Sulík nell’intervista, aggiungendo che gli investitori un giorno perderanno la fiducia nell’euro perché guarderanno al debito dei paesi del sud. Nell’articolo ha anche mosso pesanti accuse all’Italia.

EURACTIV Slovakia’s Zuzana Gabrižová read more.

///

BERLINO

Approvato il salvataggio di Lufthansa. Nonostante il rischio di un veto dell’ultimo minuto da parte di uno degli azionisti di maggioranza, il pacchetto di salvataggio di Lufthansa è stato approvato dagli azionisti della compagnia con il 98% dei consensi. L’accordo da 9 miliardi di euro è stato approvato anche dalla Commissione Europea giovedì (25 giugno).

Read more di Sam Morgan.

In altre notizie, 45 dipendenti di uno stabilimento per la lavorazione della carne a Wildeshausen (Bassa Sassonia) sono risultati positivi al test COVID-19. Lo stabilimento è gestito dal produttore tedesco Wiesenhof.

EURACTIV Germany’s Britta Weppner e Sarah Lawton, da Berlino .

///

PARIGI | AMSTERDAM

Francia e Olanda hanno raggiunto un accordo per il salvataggio di KLM. Il governo olandese sbloccherà 4 miliardi di euro di prestiti garantiti per KLM e nominerà un fiduciario nel consiglio di amministrazione della compagni aerea, secondo quanto riportato dalla Reuters che nell’articolo fa riferimento a tre diverse fonti ben informate.

///

BRUXELLES

Il Belgio crea una Commissione COVID-19. Il Parlamento belga ha approvato la creazione di una commissione speciale per indagare sull’approccio del Belgio alla pandemia, composta da 17 membri e coadiuvata da quattro esperti che avranno due mesi di tempo per preparare una relazione preliminare da sottoporre alla commissione, in modo da poter iniziare i lavori subito dopo la pausa estiva. Se necessario, la commissione potrebbe essere trasformata in una commissione parlamentare d’indagine, qualora venissero individuati atti sospetti. Socialisti, Liberali, Ecolo-Groen, CD&V, N-VA e DéFI hanno votato a favore, mentre il Vlaams Belang di estrema destra e il PVDA di centro-sinistra hanno votato contro perché avrebbero voluto fin da subito una commissione d’indagine parlamentare con pieni poteri.

(Alexandra Brzozowski | EURACTIV.com)

///

LONDRA

Primo test per Starmer. Il nuovo leader del partito laburista Keir Starmer sta per affrontando la sua prima disputa interna dopo aver licenziato il ministro dell’Istruzione del governo-ombra ed ex rivale nella corsa alla leadership del partito, Rebecca Long-Bailey, con l’accusa di aver ritweettato un articolo che, secondo Starmer, sosteneva argomenti antisemiti.

L’articolo, un’intervista con l’attrice Maxine Peake, sosteneva che “la tattica usata dalla polizia in America, per inchiodare a terra George Floyd con un ginocchio sul collo, è stata appresa nei seminari di formazione con i servizi segreti israeliani”.

Il sostegno della comunità ebraica al partito guidato da Jeremy Corbyn e ora da Starmer si basava sulla promessa di sradicare l’antisemitismo all’interno del partito stesso. Il licenziamento della Long-Bailey, stretta alleata di Corbyn e candidata alla sua successione, è stato accolto con favore dai leader della comunità ebraica, ma ha suscitato le feroci proteste di alcuni esponenti della sinistra del partito.

(Benjamin Fox | EURACTIV.com)

///

HELSINKI

Tra l’incudine e il martello. La situazione epidemiologica in Finlandia è migliorata notevolmente in giugno, il numero dei malati e dei decessi si è ridotto e le restrizioni sono state quasi tutte abolite. Tuttavia, al di là dei confini, sia a est che a ovest, le cose sono molto diverse. Si potrebbe dire che la Finlandia si trovi “tra l’incudine e il martello”.

EURACTIV’s Pekka Vänttinen reportage.

EUROPA DEL SUD

ROMA

Abbiamo bisogno di più tempo per garantire un ritorno sicuro a scuola”. “La scuola è un pilastro del nostro sistema sociale: sono i nostri figli, il nostro futuro”, ha dichiarato il Presidente del Consiglio dei Ministri italiano Giuseppe Conte giovedì (25 giugno) rispondendo ai giornalisti sull’apertura dell’anno scolastico a settembre. Il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha  fissato una serie di incontri con sindacati e amministrazioni locali. “Stiamo lavorando ogni giorno per garantire un sicuro ritorno a scuola a settembre”, ha aggiunto il premier.

“Abbiamo bisogno di un po’ di tempo in più. Ci sono ancora fondi inutilizzati da investire nell’edilizia scolastica”. Stiamo facendo tutto il possibile per essere pronti”, ha aggiunto

EURACTIV Italy’s Alessandro Follis read more.

///

ATENE

Gli Stati Uniti devono imporre sanzioni alla Turchia”. In un’intervista esclusiva con l’emittente televisiva pubblica ERT, il senatore statunitense Robert Menendez ha affermato che l’amministrazione USA non dovrebbe mettere Grecia e Repubblica di Cipro sullo stesso piano della Turchia in relazione alle tensioni geopolitiche nel Mediterraneo orientale, poiché la Turchia è l’unico paese che causa problemi nella regione.

“Gli Stati Uniti, essendo uno stato di diritto, devono far rispettare la legge e imporre sanzioni alla Turchia”, ha detto.

Read more.

///

NICOSIA

Borrell: le trivellazioni turche per la ricerca del gas naturale al largo di Cipro “devono cessare”. Il capo della politica estera dell’Unione Europea Josep Borrell ha sostenuto che le trivellazioni “illegali” turche per il gas al largo dell’isola di Cipro “devono cessare”, durante un incontro con funzionari ciprioti a Nicosia giovedì (25 giugno) .

Read more.

///

MADRID

Calviño, Donohoe e Gramegna si contendono il timone dell’Eurogruppo. I ministri Nadia Calviño (Spagna), Paschal Donohoe (Irlanda) e Pierre Gramegna (Lussemburgo) si contenderanno la presidenza dell’Eurogruppo. Mentre Calviño potrebbe diventare la prima donna a presiedere il gruppo, i suoi colleghi hanno promesso di diventare “costruttori di ponti” tra le diverse fazioni.

Read more.

I 4 DI VISEGRAD

PRAGA

Gli attacchi cibernetici sono aumentati durante la pandemia. Il numero degli “incidenti informatici” è aumentato di un terzo durante la pandemia COVID-19 nella Repubblica Ceca, ha dichiarato Karel Řehka, direttore dell’Agenzia nazionale ceca per la cybersecurity (NCISA) durante una conferenza sulla sicurezza tenutasi giovedì (25 giugno) a Praga. Circa la metà di questi casi ha riguardato operazioni di crittografia dei dati e successiva estorsione per la decriptazione degli stessi i dati (ransomware), ha aggiunto il direttore.

Secondo Řehka, la Repubblica Ceca è stata finora fortunata ad evitare gravi attacchi cibernetici globali e altri incidenti simili, ma ha avvertito che questa fortuna “non durerà per sempre”. A suo avviso, la pandemia è stata utile per attirare l’attenzione dei dirigenti e dei politici sulla questione della sicurezza informatica, dato che gli ospedali sono stati i principali obiettivi degli attacchi cibernetici.

(Lukáš Hendrych | EURACTIV.cz)

///

BUDAPEST

Il governo ha comprato il doppio dei ventilatori necessari. Il governo ungherese ha speso circa 850 milioni di euro per ordinare più di 16.000 ventilatori, nonostante le analisi degli esperti prevedessero che nel peggiore dei casi ne sarebbero necessari al massimo 8.000, come riporta il portale online 444.hu. Il governo si è giustificato asserendo che voleva assicurarsi che almeno 10.000 macchine arrivassero agli ospedali indipendentemente dalla condizioni insicure della logistica e dei trasporti nel mercato mondiale.

(Vlagyiszlav Makszimov | EURACTIV.com)

DAI BALCANI

BUCAREST

Il governatore della banca centrale accusato di collaborazionismo. Un tribunale dovrà stabilire se Mugur Isărescu, l’attuale governatore della banca centrale rumena, sia stato un collaboratore della polizia segreta durante l’era comunista.

Isărescu, il capo della banca centrale più anziano al mondo, ha sempre negato le accuse di collaborazionismo con la ex-polizia segreta, nota come Securitate. Tuttavia un organismo incaricato di analizzare gli archivi dell’ex servizio segreto interno ha chiesto a un tribunale di Bucarest di confermare le ultime scoperte.

EURACTIV Romania’s Bogdan Neagu read more.

In altre notizie, le autorità sanitarie rumene hanno annunciato che nelle 24 ore precedenti sono state segnalate 460 nuove infezioni, il maggior numero di nuovi casi registrati in un solo giorno dal 22 aprile. Il numero di pazienti guariti ha raggiunto il record di 515, l’unica giorno in cui più di 500 persone sono state dichiarate guarite.

Da quando la prima infezione da COVID-19 è stata registrata in Romania quasi quattro mesi fa, 25.286 persone sono risultate positive al test COVID-19, 1.565 sono morte e 17.900 sono guarite. Mentre le autorità hanno iniziato ad allentare le restrizioni nelle ultime settimane, il numero di contagi ha registrato una tendenza al rialzo e il numero di decessi è rimasto stabile

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Seconda ondata. La Croazia sta vivendo il secondo più alto picco di casi di COVID-19 dall’inizio della pandemia. Nelle ultime 24 ore, 95 nuovi pazienti sono risultati positivi al virus, la maggior parte dei quali presenta sintomi molto lievi, mentre molti altri sono asintomatici.

Basandosi su questi dati, gli esperti ritengono che il virus stia perdendo aggressività. In questo momento non ci sono pazienti attaccati ai respiratori, mentre 42 soggetti sono attualmente ricoverati in ospedale a causa della mancanza di condizioni soddisfacenti per la quarantena a domicilio.

EURACTIV Croatia’s Tea Trubić Macan read more.

///

LUBIANA 

Le richieste di asilo aumentano del 33%. Il numero di richieste di asilo in Slovenia nel 2019 è aumentato del 33%, raggiungendo quota 3.820, mentre l’aumento totale per tutti gli Stati membri dell’UE è stato dell’11%, raggiungendo quota 738.425, secondo la relazione annuale pubblicata giovedì (25 giugno) dall’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (UESA).

Nel frattempo, sabato (21 giugno) la polizia ha scoperto 22 migranti nei rimorchi di due tir con targa serba al valico di frontiera di Gruškovje con la Croazia. Secondo la polizia di Maribor, i migranti provenivano da Bangladesh, India, Turchia e Siria ed erano visibilmente provati.

(Zoran Radosavljević | EURACTIV.com)

///

PRISTINA

L’accusa contro Thaçi come contromossa per evitare la chiusura della Corte Speciale, dice il diplomatico svedese. L’improvvisa rivelazione di un accusa contro il presidente del Kosovo Hashim Thaçi potrebbe essere legata ai sospetti della Procura speciale dell’Aia sul tentativo di Thaci di mobilitare la Casa Bianca per la chiusura del Tribunale speciale, ha detto giovedì (25 giugno) il diplomatico svedese e co-presidente del Consiglio europeo per le relazioni estere Carl Bildt.

Bildt ha anche twittato che non sarebbe sorpreso di vedere aumentare gli sforzi in tal senso e ha definito l’accusa contro Thaci e altri “una bomba politica per il Kosovo e i Balcani”.

EURACTIV Serbia read more.

***

[Edited by Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Benjamin Fox]