Le Capitali – Macron perde la maggioranza in Assemblea, Francia a rischio ingovernabilità

Elezioni legislative del 19 giugno 2022. In foto, il Presidente francese Emmanuel Macron lascia la cabina elettorale di Le Touquet, nel nord della Francia. [EPA-EFE/Michel Spingler / POOL MAXPPP OUT]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata a Crisi alimentare, gli Usa propongono silos temporanei al confine ucraino per impedire che la Russia rubi il grano di Alessandro Follis.

Domani, martedì 21 giugno, Euractiv Italia organizza due webinar. Il primo, alle 15:00, “Next Generation EU – Il rilancio del mezzogiorno”. Potete seguirlo in streaming su Youtube a questo link.

Next Generation EU – Il rilancio del Mezzogiorno

Il secondo, “Il Futuro dell’Europa e la transizione digitale”, inizia alle 17:30. Potete seguirlo in streaming su Youtube cliccando su questo link.

disponibile sui siti web e sui canali social di EURACTIV Italia e del CESUE

 


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali

PARIGI

Macron perde la maggioranza in Assemblea, Francia a rischio ingovernabilità. Al secondo turno delle elezioni legislative di domenica, gli elettori francesi non hanno consegnato al Presidente Emmanuel Macron la maggioranza parlamentare. Mentre la sinistra e l’estrema destra hanno fatto notevoli progressi. Per saperne di più.

///

BERLINO

Berlino fa scorta di gas in vista dell’inverno. Dopo i tagli alle forniture di gas annunciati da Gazprom, il governo tedesco prevede di utilizzare più carbone durante l’estate, pagare l’industria per non consumare gas e si prepara a fornire miliardi di euro in prestiti ai distributori per l’acquisto di gas. Per saperne di più.

///

VIENNA

Gazprom taglia del 50% le forniture di gas all’Austria. L’Austria riceverà meno gas per il quarto giorno consecutivo, ha annunciato domenica la compagnia energetica russa, ma la domanda è attualmente bassa e l’offerta è sicura. Per saperne di più.

///

L’AIA

Migliaia di persone in marcia per il clima a Rotterdam. Diecimila manifestanti si sono uniti alla marcia per il clima contro il surriscaldamento globale, organizzata a Rotterdam domenica pomeriggio, come riporta NL Times. Per saperne di più.


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Forze armate finlandesi contro la costruzione di parchi eolici per ragioni di difesa. Secondo le forze armate finlandesi, non dovrebbero esser costruiti nuovi parchi eolici sul lato est della Finlandia, dal momento che le turbine eoliche sviano le attività dei radar lungo i 1.300 chilometri di confine con la Russia. Per saperne di più.


SUD EUROPA

MADRID

La destra spagnola vince le elezioni in Andalusia e infligge un duro colpo a Sánchez. Il Partito Popolare (PPE) di centro-destra ha ottenuto il 43,1% (+22,4 rispetto al 2018) e la maggioranza assoluta nel Parlamento andaluso, che conta 109 seggi. Si tratta di un duro colpo per il Premier Pedro Sánchez in vista delle elezioni nazionali del 2023, riferisce EFE, partner di EURACTIV. Per saperne di più.

///

ROMA

L’Italia valuta lo stato di “allerta” dopo i tagli annunciati da Gazprom. L’Italia sta valutando la possibilità di innalzare l’attenzione sulla questione energetica, passando da uno stato di pre-allerta a uno stato di allerta. Un modo per razionare il consumo di gas e aumentare lo stoccaggio in seguito al taglio delle forniture da parte di Gazprom. Per saperne di più.

///

ATENE

La sinistra greca critica le politiche neoliberiste di Macron. La sconfitta di Emmanuel Macron al secondo turno delle elezioni legislative francesi simboleggia la sconfitta delle sue politiche neoliberiste, ha dichiarato l’ex Premier e principale leader dell’opposizione di sinistra, Alexis Tsipras. Per saperne di più.


VISEGRAD 

VARSAVIA 

La Polonia chiederà un settimo pacchetto di sanzioni contro la Russia. La Polonia chiederà un settimo pacchetto di sanzioni Ue contro la Russia. Il Viceministro degli esteri, Marcin Przydacz, ipotizza un embargo sulle tecnologie, come riferito al quotidiano tedesco Welt am Sonntag. Per saperne di più.

///

PRAGA

Il governo ceco spaccato dopo lo scandalo di corruzione a Praga. Il Ministro dell’istruzione della Repubblica ceca, Petr Gazdík, ha annunciato le sue dimissioni domenica, dopo che sono emersi alcuni incontri tra lui e il boss della criminalità organizzata, Michal Redl. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

La Slovacchia valuta di ricostruire l’oleodotto Druzhba per inviare carburante all’Ucraina. Il Ministro dell’economia slovacco, Richard Sulík, ha annunciato che l’oleodotto Druzhba, attraverso il quale il petrolio russo entra nel Paese, potrebbe essere convertito in un oleodotto per la fornitura di carburante all’Ucraina, devastata dalla guerra. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

ZAGABRIA

Il monito dell’ex Premier croata: sostenendo solo l’Ucraina, l’Ue umilia i Balcani. Appoggiando solo l’Ucraina nei suoi sforzi verso la candidatura Ue, l’Unione Europea ha trascurato e umiliato la regione dei  Balcani occidentali, ha dichiarato domenica l’ex Premier croata, Jadranka Kosor, a N1. Nel frattempo, la Slovenia spingerà per far ottenere lo status di candidato all’Ue per la Bosnia-Erzegovina, ha riferito il partner di EURACTIV. Per saperne di più.

///

PRISTINA

Atteso a breve il “grande accordo” Kosovo-Serbia. Nelle prossime settimane, il Kosovo e la Serbia firmeranno un accordo importante nell’ambito del dialogo semplificato dall’Ue, come  auspicato da Miroslav Lajčák, inviato speciale dell’Ue per i Balcani. Per saperne di più.

///

SOFIA

Proteste a Sofia in seguito alla crisi politica. La crisi politica in Bulgaria ha portato a una serie di proteste e manifestazioni in vista del voto di sfiducia di questa settimana. Per saperne di più.

///

BUCAREST

Importazioni e produzione di gas in Romania in calo nel 2022. Nei primi quattro mesi del 2022 è stato importato meno gas naturale rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e anche la produzione locale è diminuita. Per saperne di più.

///

BELGRADO 

Esportazioni verso la Russia, la Serbia apre una breccia tra Turchia e Baltici. Il Ministro dell’agricoltura, della gestione foreste e delle acque, Branislav Nedimović, domenica ha annunciato che la Serbia ha individuato un percorso per l’esportazione dei prodotti in Russia. Le merci saranno spedite attraverso la Turchia e alcuni Paesi baltici. Per saperne di più.

///

TIRANA

Il partito albanese al governo voterà la risoluzione sul genocidio di Srebrenica, dopo il rifiuto di un mese fa. Dopo l’indignazione suscitata dal rifiuto da parte del Partito Socialista di una risoluzione di condanna del genocidio di Srebrenica in Parlamento, avvenuto a maggio, la maggioranza ora è pronta a passare il testo. Per saperne di più.


AGENDA

  • Ue: Consiglio Affari esteri / Consiglio di cooperazione Ue-Kazakistan / Il Vicepresidente della Commissione, Margaritis Schinas, e il Commissario alla Giustizia Didier Reynders ricevono il Ministro della giustizia moldavo, Sergiu Litvinenco / La Presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola in visita in Finlandia / Riunioni delle Commissioni del Parlamento europeo.
  • Francia: Sessione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa.
  • Svezia: Protesta per chiedere alla Svezia di non fare concessioni alla Turchia sulla candidatura alla NATO.
  • Repubblica Ceca: Il Ministero dell’ambiente ceco presenterà le priorità della prossima Presidenza della Repubblica Ceca dell’Ue.
  • Georgia: Marcia pro-Ue in vista della decisione di Bruxelles sullo status di candidato della Georgia.
  • Indonesia: Riunione ministeriale del G20 sulla salute.
  • Mondo: Giornata mondiale dei rifugiati.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Vlad Makszimov, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor, Eleonora Vasques, Sofia Stuart Leeson]