Le Capitali – L’Ungheria ritiene il suo impegno UE-NATO “limitato”

"Sebbene l'Ungheria sia un leale alleato dell'UE e della NATO, la politica estera del Paese "non si limiterà a un campo ristretto". [MIGUEL A. LOPES/EPA]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV . Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.


Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, sentitevi liberi di dare un’occhiata all’approfondimento sulla riunione dei ministri degli affari esteri dell’UE a Berlino: Le relazioni tra l’UE e la Turchia in discussione a Berlino sono a un punto di svolta,  scritto da Alexandra Brzozowski e Sarantis Michalopoulos.


ISTITUZIONI EUROPEE

Hogan si dimette dopo le richieste di risarcimento per violazione delle misure anti COVID-19. Il commissario UE per il commercio Phil Hogan si è dimesso mercoledì sera, dopo una settimana di pressioni per aver violato le linee guida sul coronavirus.

“Stava diventando sempre più chiaro che la controversia riguardante la mia recente visita in Irlanda stava diventando una distrazione dal mio lavoro di Commissario UE e avrebbe minato il mio lavoro nei fondamentali mesi a venire”, ha detto in una dichiarazione.

Qui potere leggere l’intera vicenda.


Oggi da Le Capitali:

BUDAPEST

L’Ungheria sta orientando la politica estera lontano dall’Occidente. La politica estera dell’Ungheria è incentrata sulla promozione degli interessi economici del Paese, ha dichiarato il ministro degli Esteri, Péter Szijjártó, ad un incontro con gli ambasciatori ungheresi, durante il quale ha anche definito la politica estera ungherese “equilibrata e patriottica”.

Quando si parla di “concorrenza globale per ridistribuire le risorse”, l’Ungheria può contare su una “rete pan-globale”, ha detto il ministro, secondo il Daily News Hungary.

L’obiettivo del Paese, ha aggiunto, è quello di attirare investimenti tecnologici sia dall’Est che dall’Ovest. Sebbene l’Ungheria sia un leale alleato dell’UE e della NATO, la sua politica estera “non si limiterà a un campo ristretto”, ha aggiunto.

Di Željko Trkanjec, EURACTIV.hr

In altre notizie, la Banca Nazionale d’Ungheria ha annunciato che, nel prossimo futuro, aumenterà gli acquisti settimanali di titoli di Stato ungheresi (HGB) dai 15 miliardi di HUF [fiorini ungheresi NdT] della scorsa settimana (42 milioni di euro) a 40 miliardi di HUF (112 milioni di euro).

Di Željko Trkanjec, EURACTIV.hr

///

BERLINO

Fuorilegge i “Corona protest” di Berlino. Il Senato di Berlino mercoledì 26 agosto ha vietato diverse manifestazioni di protesta per le misure tedesche contro il coronavirus previste per questo fine settimana. Gli organizzatori avevano pianificato di marciare attraverso zone centrali della città e prevedevano di coinvolgere 17.000 persone.

Leggete il reportage di Sarah Lawton di EURACTIV Germany

///

VIENNA

Il ministro della sanità affronta ulteriori critiche per la rielaborazione delle norme anti COVID-19. Dopo che la Corte costituzionale austriaca ha stabilito che le precedenti misure anti coronavirus erano illegali, il Ministro della sanità Rudolf Anschober (Verdi) ha promesso di rielaborare il regolamento e di riorganizzare il suo ministero. Il governo austriaco sta ora preparando una serie di norme più articolate nel caso in cui il paese dovesse tornare in isolamento. Questa volta il ministero della sanità austriaco avrà maggiori poteri, cosa che ha suscitato le critiche dell’opposizione.

Leggete qui l’articolo.

///

PARIGI

Il nuovo piano di recupero sarà annunciato ufficialmente il 3 settembre. Il primo ministro francese Jean Castex, in una intervista a France Inter ha annunciato che tra i 100 miliardi di euro previsti per il piano di ripresa economica francese, 40 miliardi di euro proverrebbero da fondi UE. “Se li avessimo avuti durante la crisi precedente, sarebbe stato tutto diverso”, ha detto Castex, aggiungendo che “si dovrebbe apprezzare l’Europa quando fa il suo lavoro, e l’Europa lo ha fatto in modo eccezionale”. Secondo il primo ministro, il piano non è solo “riabilitare l’Europa”, ma anche “riabilitare il lavoro”.

Di Anne Damiani, EURACTIV.FR

///

LONDRA

La lunga strada verso la ripresa. I liberaldemocratici presenteranno il loro quarto leader in cinque anni giovedì (27 agosto) nell’ennesimo tentativo di recuperare consensi dopo tre devastanti sconfitte elettorali. Ed Davey o Layla Moran sarà il nuovo leader dopo una lunga campagna online e sostituirà Jo Swinson, che si è dimesso dopo le elezioni generali dello scorso dicembre.

Da quando è entrato nel governo di coalizione guidato dal conservatore David Cameron nel 2010, il partito centrista ed europeista ha subito tre pessimi risultati elettorali in cui non è riuscito a ottenere più del 10%.

Di Benjamin Fox, EURACTIV.com

///

BRUXELLES

Prescrizioni di viaggio aggiornate per il Belgio e i suoi cittadini. Secondo l’ultimo aggiornamento del Ministero degli esteri di Bruxelles, i belgi non potranno più viaggiare in diverse regioni della Francia e della Spagna dichiarate “zona rossa”. Allo stesso tempo, la capitale dell’UE è stata dichiarata zona ad alto rischio da diversi Stati membri.

Leggete l’approfondimento di Alexandra Brzozowski di EURACTIV.com

///

LUSSEMBURGO

Le richieste di sussidi diminuiscono. Nel mese di agosto, 2.966 richieste di aiuto governativo sono state convalidate dal Comitato di Situazione Economica, di queste il 43,5% proviene dal settore alberghiero e dello spettacolo. Rispetto ai 3.162 casi di luglio e ai 3.670 di giugno, questo dato sembra confermare la ripresa dell’economia del Granducato.

Dato che la misura sarà mantenuta fino al 31 dicembre, il ministero dell’Economia prevede un pacchetto di aiuti complessivo di 1,2 miliardi di euro.

Di Anne Damiani, EURACTIV.com

///

HELSINKI

Niinistö si preoccupa del “pendio scivoloso” dell’UE in materia di diritto costituzionale. Il presidente finlandese Sauli Niinistö ha espresso crescente preoccupazione per il modo in cui l’UE sta allentando i limiti dei suoi trattati.

Leggete l’approfondimento di Pekka Vänttinen, EURACTIV.com


EUROPA DEL SUD

ROMA

Il governo italiano ha tenuto un summit per discutere la riapertura delle scuole. Mercoledì 26 agosto il governo italiano ha tenuto un vertice con la partecipazione dei ministri e dei governatori regionali sulla riapertura delle scuole. Per ora, il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato alcuni dettagli dei molteplici protocolli di sicurezza per il nuovo anno scolastico, anche se diversi punti sono ancora da chiarire.

Qui l’intero articolo a cura di Valentina Iorio di EURACTIV Italia

///

MADRID

Sánchez terrà nuovi colloqui con l’opposizione per l’unità nazionale durante la pandemia. Il primo ministro socialista, Pedro Sánchez, incontrerà in parlamento i capi delle principali forze di opposizione del Paese, fonti ufficiali lo hanno annunciato mercoledì.

Il primo ministro spagnolo incontrerà il leader del Partido Popular (PP), Pablo Casado, il 2 settembre, secondo quanto riportato da EFE. Lo stesso giorno, Sánchez ha in programma un incontro con il leader del partito centro-liberale Ciudadanos (Cittadini), Inés Arrimadas.

Qui potete leggere l’intero articolo a cura di EFE, partner spagnolo di EURACTIV

In altre notizie, molte nazioni europee hanno introdotto o rafforzato le restrizioni ai viaggi in Spagna, dove le cifre relative alla diffusione del coronavirus sono aumentate dopo la fine del rigido confinamento nazionale di due mesi fa. La stagione estiva in Spagna è stata un clamoroso flop per il settore turistico che rappresenta circa il 12% del PIL annuo del Paese.

La Spagna è stata una delle nazioni più colpite in Europa durante le prime settimane della pandemia, con migliaia di contagi e centinaia di morti ogni giorno nel periodo peggiore tra marzo e aprile.

A cura di EUROEFE in collaborazione con EPA

///

LISBONA

Record mondiale dell’asta per l’energia. L’asta solare durante la quale sono stati aggiudicati 670 megawatt (MW) ha segnato “un nuovo record mondiale” con il prezzo di 11,14€ per MWh (MW/h), ha annunciato il ministro dell’Ambiente portoghese, João Pedro Matos Fernandes, in una conferenza stampa a Lisbona.

Leggete l’articolo di Maria João Pereira di Lusa.pt

///

ATENE

“O la va o la spacca”, le relazioni tra UE e Turchia a un punto critico. L’escalation per i confini marittimi e le riserve di gas naturale che ha contrapposto la Turchia alla Grecia e al resto dell’Ue ha messo a dura prova la frammentaria e tortuosa politica estera dell’Unione.

I ministri degli Esteri dell’UE sono pronti a ridiscutere le relazioni bilaterali con Ankara durante un incontro informale sotto la guida della presidenza tedesca dell’UE a Berlino (27-28 agosto). Poiché si intende toccare tutte le questioni in sospeso con Ankara, le relazioni UE-Turchia stanno raggiungendo un momento di rottura.

Qui il reportage da Berlino.


I 4 DI VISEGRAD

VARSAVIA

“Bielorussia sovrana” nell’interesse della Polonia, dice il Premier. È nell’interesse della Polonia che una Bielorussia sovrana possa decidere il suo destino, ha dichiarato il Primo Ministro Mateusz Morawiecki mercoledì 26 agosto, dopo che i colloqui parlamentari interpartitici si sono concentrati sulla situazione del vicino orientale della Polonia.

Qui l’intero articolo di Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com

///

PRAGA

La Repubblica Ceca cita in giudizio i produttori dei respiratori di bassa qualità. Dopo che le aziende cinesi si sono rifiutate di intervenire in seguito a una denuncia presentata da Praga in merito ai respiratori FFP2 di bassa qualità  acquistati durante la pandemia, il governo della Repubblica Ceca ha deciso di portare la questione in tribunale, ha confermato il ministro della sanità, Adam Vojtěch. Il suo ministero sta attualmente calcolando i danni finanziari.

“La Repubblica Ceca non fa eccezione in questo caso. Altri paesi – Belgio, Paesi Bassi, Spagna – hanno avuto un’esperienza simile con i dispositivi di protezione di scarsa qualità provenienti dalla Cina. È nostro dovere proteggere gli interessi della Repubblica Ceca e intraprendere tutte le azioni legali necessarie contro le aziende cinesi”, ha aggiunto Vojtěch.

Di Aneta Zachová, EURACTIV.cz

///

BRATISLAVA 

Ministro contro la disinformazione sulla Bielorussia. Il ministro degli Esteri Ivan Korčok mercoledì 26 agosto ha respinto con forza alcune delle più diffuse fake news sulla situazione in Bielorussia, tra cui l’idea che i manifestanti siano pagati dall’estero, che la NATO minacci il presidente Alexander Lukashenko e che la Bielorussia sia destinata a diventare la quinta colonna dell’Occidente a est.

Di Zuzana Gabrižová, EURACTIV.sk


DAI BALCANI

SOFIA

Il ministro della giustizia presenta le dimissioni. Il ministro della Giustizia, Danail Kirilov, ha presentato le sue dimissioni (mercoledì 26 agosto) dopo un colloquio con il primo ministro Boyko Borissov. Il primo ministro deciderà se accettare le dimissioni di Kirilov dopo i colloqui con i partner della coalizione, dopo di che il parlamento dovrà votare in merito alle dimissioni.

Qui l’intero articolo di Krassen Nikolov, EURACTIV Bulgaria

///

ZAGABRIA

Regolamentare il soggiorno dei nomadi digitali. Il primo ministro Andrej Plenković mercoledì 26 agosto ha scritto su Twitter che la Croazia avrebbe adeguato la legge sugli stranieri, in base alla quale la Croazia sarebbe diventata uno dei primi paesi al mondo a regolamentare legalmente il soggiorno dei nomadi digitali. Nell’occasione, il Primo Ministro ha incontrato Jan de Jong, un imprenditore olandese che vive a Spalato, per discutere la modifica della legge sugli stranieri.

In altre notizie, Plenković ha dichiarato ai diplomatici stranieri che si aspetta “una comunicazione intensa e aperta negli anni a venire”. Plenković spera anche che i suoi colleghi europei contribuiscano a “rafforzare l’economia” e a costruire “una società tollerante e a risolvere le questioni aperte con i nostri vicini, a rafforzare le relazioni tra la Croazia e i vostri Paesi”.

Qui maggiori dettagli a cura di Željko Trkanjec, EURACTIV Croatia

///

LUBIANA 

Controversie sulla nuova legge sui media. I rappresentanti dei media, della categoria professionale e dei sindacati hanno chiesto al governo di ritirare il disegno di legge sui media e di preparare un nuovo testo con le parti sociali e gli esperti.

“Si tratta di un tentativo della politica di influenzare l’autonomia dei media”, ha confermato il presidente della commissione Branimir Štrukelj (indipendente). I media avvertono che il primo ministro Janez Janša sta cercando di attuare il “modello ungherese” di controllo dei media in Slovenia.

Di Željko Trkanjec, EURACTIV.hr

///

BELGRADO 

Rispetto degli accordi di Dayton. Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha ribadito mercoledì (26 agosto) che la posizione di Belgrado è “l’assoluta adesione all’accordo di Dayton” e la conservazione della Republika Srpska (RS) nei modi previsti da quell’accordo di pace.

Qui maggiori dettagli a cura della redazione di EURACTIV Serbia

///

TIRANA

Tirana sostiene la posizione greca. La Grecia ha un “inalienabile diritto sovrano” di espandere le sue acque territoriali da 6 a 12 miglia nautiche nelle acque del Mar Ionio condivise da Albania, Grecia e Italia, il ministero degli Esteri albanese ha confermato mercoledì (26 agosto) di sostenere le dichiarazioni del primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis.

“La Grecia, come ogni altro Stato membro della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto marittimo, laddove la geografia lo permette e fintanto che i diritti sovrani di un altro Stato non sono violati, gode del diritto di estendere l’ampiezza del mare territoriale come previsto dall’Unclos”, ha osservato il governo albanese.

Di Željko Trkanjec, EURACTIV.hr

///

SKOPJE 

La scuola riapriranno più tardi. L’anno scolastico per le scuole primarie e secondarie della Macedonia settentrionale inizierà il 1° ottobre, ha deciso ieri (26 agosto) il governo di Skopje.

Nelle ultime 24 ore, il Paese ha registrato 119 nuove infezioni da COVID-19 e 5 decessi. Mentre la Macedonia settentrionale conta attualmente 2.829 casi attivi, il numero totale di infezioni da coronavirus ha raggiunto i 13.914 dall’inizio della pandemia, con 10.507 guarigioni e 578 decessi.

Di Željko Trkanjec, EURACTIV.hr

///

SARAJEVO

Un segno di disaccordo? Milorad Dodik, membro della presidenza BiH in Serbia, si è congratulato con il presidente bielorusso Alexander Lukashenko dopo la sua vittoria alle elezioni. Dodik è stato l’unico nella regione dopo che il governo serbo ha aderito ieri alla dichiarazione dell’UE contro l’esito delle elezioni presidenziali in Bielorussia.

Di Željko Trkanjec, EURACTIV.hr

///

PODGORICA 

Si temono incidenti nel giorno delle elezioni. La polizia montenegrina ha ricevuto segnalazioni su singoli e gruppi intenzionati a provocare incidenti e disordini nel giorno delle elezioni parlamentari previste per domenica (30 agosto), ha dichiarato Veselin Veljović, il direttore della polizia montenegrina.

Leggete le dichiarazioni del direttore della polizia, raccolte da Željko Trkanjec di EURACTIV Croatia

***

[Edited by Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox]