Le Capitali – L’ufficio del presidente ceco Zeman non darà più informazioni ai media considerati ‘ostili’

L'ufficio del presidente ha annunciato questa decisione controversa in una dichiarazione ufficiale denominata "Dichiarazione sulla lotta alla disinformazione". [EPA-EFE / MIKHAIL KLIMENTYEV / SPUTNIK / KREMLIN]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Timmermans: i paesi Ue devono affrontare le conseguenze dei nuovi obiettivi sul clima di Frédéric Simon, EURACTIV.com.

Leggete anche l’opinione La corsa al risparmio mondiale di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

PRAGA

L’ufficio del presidente ceco Miloš Zeman, che affronta polemiche interne sui suoi legami con la Russia, smetterà di fornire informazioni a diversi media investigativi, tra cui l’emittente pubblica Czech Television, Respekt, il sito Seznam Zprávy e il quotidiano Deník N.

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)

///

ISTITUZIONI UE

Il “terrorismo di stato” della Bielorussia è improvvisamente in cima all’agenda del vertice dei leader dell’UE. La Bielorussia ha costretto un aereo passeggeri che trasportava un attivista dell’opposizione a cambiare rotta e atterrare nella sua capitale, provocando una furiosa protesta da parte dei leader mondiali che lo hanno descritto come un “atto di terrorismo di stato”. Il tema delle sanzioni a Minsk piomba così di nuovo sul tavolo dei leader UE che si incontrano oggi a Bruxelles.

(EURACTIV.com with AFP)

///

BERLINO

Laschet non è considerato un candidato promettente “anche all’interno del suo partito”. Il candidato cancelliere della CDU, Armin Laschet, non gode della fiducia del suo stesso partito, ha detto a EURACTIV Germania un membro di alto livello dell’opposizione socialdemocratica (SPD).

(Julia Dahm |  EURACTIV.de)

Il ministro delle Finanze tedesco Scholz propone un “club per il clima” per evitare attriti commerciali. La Germania vuole che l’Unione Europea crei un “club per il clima” con altri paesi come gli Stati Uniti, il Giappone e forse anche la Cina per evitare attriti commerciali legati a tariffe verdi, come il piano di una tassa sul carbonio ai confini dell’UE.

(EURACTIV.com with Reuters)

///

PARIGI

La Corte costituzionale francese annulla una parte del disegno di legge sulle lingue regionali. La più alta entità giuridica francese venerdì ha cancellato due articoli chiave del disegno di legge sulle lingue regionali, a un mese dall’inizio delle elezioni regionali. I due articoli riguardavano l’insegnamento immersivo nelle lingue regionali nelle scuole pubbliche e l’uso di segni diacritici nei documenti di stato civile, come la tilde (“ñ”) usata nella lingua basca.
Il disegno di legge, che era stato definito “storico”, è stato approvato dall’Assemblea nazionale l’8 aprile e deferito alla Corte costituzionale poche ore prima della sua promulgazione, il 22 aprile, da 61 parlamentari di maggioranza – la maggior parte dei quali aveva votato a favore del testo – che sono andati contro la posizione ufficiale del gruppo e del governo. L’Associazione delle regioni francesi ha scritto in un comunicato che considera “incomprensibile” la decisione della corte, aggiungendo che “sosterranno tutte le iniziative per cambiare la nostra Costituzione”.

(Anne Damiani | EURACTIV.fr)

///

VIENNA

I partner della coalizione di governo austriaca non sono d’accordo sulla revoca delle restrizioni contro il COVID-19. Dopo l’annuncio di venerdì del cancelliere austriaco Sebastian Kurz, che ha parlato di “abbassare gli standard di sicurezza che sono ancora in vigore in questo momento”, i suoi partner di coalizione dei Verdi lo hanno criticato, sostenendo che la mossa non è in linea con le procedure concordate e di non essere stati informati di tali piani.
“Mi chiedo chi stia beneficiando di ulteriori misure per allentare le restrizioni, dopo che abbiamo appena compiuto un grande passo per allentarle 48 ore fa”, ha twittato sabato il ministro della Salute verde Wolfgang Mückstein ha twittato sabato. Mückstein ha anche contraddetto il piano del cancelliere di porre fine all’obbligo di indossare maschere nei trasporti pubblici entro giugno, annunciando in un’intervistache rimarrà obbligatorio fino alla primavera del 2022.
Gli attriti tra i due partner della coalizione sono costantemente aumentati dopo che il partito conservatore ÖVP guidato da Kurz è stato colpito da una serie di scandali, e secondo alcuni osservatori le tensioni potrebbero portare a elezioni anticipate.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Il Regno Unito intende includere nell’accordo commerciale con l’Australia un accesso illimitato alle importazioni di carne. In seguito a una discussione tra i ministri sull’opportunità di aprire il mercato del Regno Unito alle importazioni di carne, il Regno Unito dovrebbe firmare un ambizioso patto di liberalizzazione del commercio con l’Australia, il suo primo importante accordo commerciale da quando ha lasciato l’UE.

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

La Francia avverte il Regno Unito di non “giocare” con l’accordo sulla Brexit dell’Irlanda del Nord. Il ministro degli Affari europei della Francia ha avvertito la Gran Bretagna di non giocare con regole commerciali speciali post-Brexit per l’Irlanda del Nord, temendo per l’aumento delle violenze nella provincia nei prossimi mesi.

(EURACTIV.com with AFP)

///

DUBLINO

Il futuro leader del DUP offre soluzioni sul protocollo per l’Irlanda del Nord. Il leader entrante del DUP Edwin Poots ha proposto una soluzione per il protocollo dell’Irlanda del Nord, che ha causato le recenti tensioni tra unionisti e repubblicani, ha riferito l’Irish Times.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI | TALLINN | BUDAPEST | MOSCA

Il Congresso mondiale dei popoli ugro-finnici accusato di criticare la Russia. L’ottavo Congresso mondiale dei popoli ugro-finnici, che si terrà dal 16 al 18 giugno a Tartu, in Estonia, è stato accusato di proporre critiche infondate nei confronti della Russia, di avere un atteggiamento paternalistico e arrogante e di interferire negli affari interni della Russia da parte dell’Associazione ugro-finnica Popoli della Federazione Russa, che hanno dichiarato di aver ritirato la loro partecipazione all’evento.

(Pekka Vänttinen | EURACTIV.com)

///

VILNIUS

La Lituania esce dal forum con la Cina 17+1. La Lituania ha dichiarato sabato 22 maggio che avrebbe lasciato il forum di cooperazione 17+1 che riunisce la Cina e gli stati dell’Europa centrale e orientale, e che include altri membri dell’UE, definendolo “divisivo”.

(EURACTIV.com with AFP)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Un incidente in funivia in Piemonte provoca 14 morti. La cabina di una funivia che collega la città di Stresa con il monte Mottarone sul Lago Maggiore è precipitata domenica, provocando la morte di 14 persone, tra cui una famiglia israeliana.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

MADRID

La Spagna revoca le restrizioni di viaggio per il Regno Unito e il Giappone sperando di salvare l’estate. La Spagna ha revocato da lunedì 24 maggio le restrizioni ai viaggi per i cittadini di 10 paesi a basso rischio, tra cui Regno Unito e Giappone, nel tentativo di far ripartire il suo settore turistico colpito dalla pandemia in tempo per la stagione estiva.

(EuroEFE)


GRUPPO DI VISEGRAD

BRATISLAVA

L’ex primo ministro Fico: in Slovacchia c’è un sistema di informatori che opera per eliminare l’opposizione. L’attuale coalizione di governo ha creato un sistema di informatori per liquidare l’opposizione, ha detto l’ex primo ministro Robert Fico in una conferenza stampa domenica, dopo aver rivelato che questo sarebbe stato l’argomento principale dell’incontro segreto con i massimi funzionari costituzionali presso la sede dei servizi segreti slovacchi (SIS) la scorsa settimana.

(Marián Koreň |  EURACTIV.sk)

///

BUDAPEST

L’Ungheria ottiene un punteggio appena inferiore alla media UE nell’indice di sostenibilità MNB. L’Ungheria ha ottenuto un punteggio appena inferiore alla media dell’Unione europea nell’indice di sostenibilità della Banca nazionale ungherese (MNB), un indicatore di 108 parametri oggettivi compilato per il primo Rapporto sulla sostenibilità della banca centrale e pubblicato questa settimana sul suo sito web.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Il ministro delle Finanze bulgaro sospetta che miliardi di aziende pratichino forme di corruzione. Le aziende che detengono miliardi in contanti anziché nelle banche stanno probabilmente utilizzando questa risorsa per “corruzione e acquisto di voti”, ha detto domenica alla radio nazionale Asen Vassilev, ministro delle Finanze bulgaro, aggiungendo che è attualmente in corso un’indagine per vedere se i fondi in cassa dichiarati dalle società siano effettivamente in loro possesso.

In altre notizie, il primo ministro provvisorio Stefan Yanev ha confermato che i politici dell’opposizione, lui compreso, sono stati intercettati prima delle elezioni parlamentari di aprile. Ciò è stato smentito dal GERB, il partito dell’ex primo ministro Boyko Borissov, che sostiene si tratti di un tentativo di manipolare le elezioni anticipate fissate per luglio. L’ex partito al governo ha ottenuto la maggioranza in parlamento alle elezioni di aprile, ma non è riuscito a formare un nuovo esecutivo.

(Krassen NikolovEURACTIV.com)

///

BUCAREST

La Romania annuncerà nuovi allentamenti delle restrizioni anti COVID-19. Il governo rumeno annuncerà presto nuove misure per allentare le restrizioni anti COVID-19, ha annunciato il primo ministro Florin Citu. Le autorità hanno affermato che alcune restrizioni potrebbero essere revocate il 1° giugno, dopo che un primo allentamento delle misure è stato annunciato il 15 maggio. I casi di COVID-19 continuano a diminuire, ma il tasso di vaccinazione non è aumentato come sperava il governo. Tuttavia, Citu ha detto che presto saranno annunciate anche nuove misure per potenziare la campagna di vaccinazione.

(Bogdan Neagu |  EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

L’agenzia di ratinò Fitch fornisce proiezioni di crescita economica positive alla Croazia. L’agenzia Fitch Ratings ha confermato venerdì il rating della Croazia a “BBB-“, con prospettive stabili, evidenziando i grandi rischi a breve termine legati alla pandemia e le prospettive di crescita economica a medio termine grazie al sostegno finanziario dell’UE. Fitch ha anche aggiornato la proiezione per la crescita economica della Croazia nel 2021 dal 3,8% al 5,5%, prevedendo che la crescita del PIL acceleri al 6,1% nel 2022.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

il presidente serbo: la minoranza bulgara è “ponte” tra Serbia e Bulgaria. La minoranza bulgara in Serbia dovrebbe essere “un ponte di amicizia tra Serbia e Bulgaria”, ha detto domenica il presidente serbo Aleksandar Vučić a Dimitrovgrad, nel sud-est della Serbia.

(EURACTIV.rs)

///

SARAJEVO

I partiti della Bosnia-Erzegovina criticano il ministro degli Esteri croato Grlić Radman. Il ministro degli Esteri croato Grlić Radman è stato criticato dal partito della BiH Naša Stranka (il nostro partito) per i suoi commenti a sostegno dell’etnia croata nel paese.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

SKOPJE

Austria, Repubblica Ceca e Slovenia sostengono l’avvio dei colloqui di adesione all’UE della Macedonia del Nord. I ministri degli esteri di Austria, Repubblica Ceca e Slovenia sabato hanno espresso unanime sostegno affinché la Macedonia del Nord e l’Albania avviino i colloqui di adesione all’UE, sostenendo che le questioni bilaterali non dovrebbero bloccare l’allargamento dell’UE ai Balcani occidentali.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

PRISTINA

I funzionari del Kosovo vogliono che l’UNESCO rimuova quattro monasteri ortodossi dalla lista dei siti in pericolo. Il primo ministro del Kosovo Albin Kurti, la presidente Vjosa Osmani e il presidente dell’Assemblea del Kosovo Glauk Konjufca hanno inviato una lettera all’UNESCO chiedendo la rimozione di quattro monasteri della Chiesa ortodossa serba dalla sua lista dei siti del patrimonio mondiale in pericolo.

In altre notizie, la presidente del Kosovo Vjosa Osmani ha twittato che “mentre il Kosovo e altri paesi della regione stanno partecipando alle esercitazioni militari congiunte con l’esercito degli Stati Uniti (# Defender21), la Serbia sta rafforzando l’influenza del Cremlino e destabilizzando la regione organizzando un’esercitazione congiunta con l’esercito russo”. Russia e Serbia stanno infatti conducendo esercitazioni congiunte, mentre Mosca ha donato alla Serbia 30 carri armati e altrettanti veicoli blindati.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

TIRANA

L’ambasciatore dell’UE esorta i pubblici ministeri albanesi a “seguire i soldi”.L’ambasciatore dell’UE in Albania, Luigi Soreca, ha incoraggiato i pubblici ministeri e i giudici albanesi a “seguire i soldi” nelle loro indaginii, ha riferito exit.al.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)


AGENDA

  • Grecia: lunedì il ministro degli Esteri Nikos Dendias sarà a Sochi, dove incontrerà il suo omologo russo Sergei Lavrov per discutere di questioni bilaterali. Kathimerini ha riferito che in vista dell’appuntamento, venerdì il primo ministro Mitsotakis ha incontrato Dendias per coordinare la propria posizione in modo da evitare possibili malintesi sul segnale che Atene può inviare in questa fase viste le fragili relazioni tra Occidente e Russia.
  • Spagna: il primo ministro socialista Pedro Sánchez e il neoeletto presidente regionale indipendentista della Catalogna, Pere Aragonès, riprenderanno il dialogo bilaterale.
  • Polonia: il presidente Andrzej Duda incontrerà il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan nell’ambito della sua visita in Turchia.
  • Croazia: la Society for Information, Communication and Electronic Technology (MIPRO) organizza il forum “Blockchain Technology for Circular Economy”.
  • Serbia: il ministro degli Esteri Nikola Selakovic incontra la ministra degli Esteri svedese Ann Linde, che attualmente presiede l’OSCE.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Josie Le Blond]