Le Capitali – L’Italia deferita alla Corte di Giustizia UE per non aver condiviso i dati sul terrorismo

Il deferimento alla Corte si deve al mancato adeguamento alle ‘decisioni di Prum’, le norme fissate dal Consiglio dei ministri dell'Interno della Ue nel 2008 allo scopo di rafforzare la cooperazione giudiziaria tra gli Stati membri. [Shutterstock/Zerbor]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Meccanismo di regolazione del bordo del carbonio: come funzionerà la tassa Ue sulle importazioni inquinanti di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Dietro la ripresa lo spettro delle regole fiscali di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

ROMA

La Commissione UE ha deferito l’Italia alla Corte di Giustizia europea di Lussemburgo per il mancato adeguamento alle ‘decisioni di Prum’, le norme fissate dal Consiglio dei ministri dell’Interno della Ue nel 2008 allo scopo di rafforzare la cooperazione giudiziaria tra gli Stati membri e che per Bruxelles sono “uno strumento fondamentale nella lotta al terrorismo e alla criminalità”.

Le norme consentono agli Stati membri di scambiarsi rapidamente informazioni su DNA, impronte digitali e dati nazionali di immatricolazione dei veicoli, permettendo alle procure e alla polizia di identificare i sospetti e di stabilire collegamenti tra i casi penali in tutta l’Unione. Tutte possibilità che l’Italia non ha ancora concesso ai suoi partner europei perché non ha mai aperto le proprie banche dati agli altri stati.

La Commissione aveva avviato una procedura di infrazione già nel 2011, quando lo scambio di informazioni era diventato operativo, e non ricevendo alcuna risposta nel 2017 è passata al secondo passo, inviando un parere motivato ed esortando l’Italia a rispettare pienamente gli obblighi giuridici. Dopo ripetute indagini sui progressi compiuti dal Paese nell’adempimento dei suoi obblighi, “si constata che a tutt’oggi l’Italia ancora non consente agli altri Stati membri di accedere ai propri dati relativi al DNA, alle impronte digitali e all’immatricolazione dei veicoli”, ha affermato la Commissione europea. Ora sarà la Corte a doversi esprimere, ed eventualmente ad imporre sanzioni pecuniarie se il Governo non agirà in fretta.

L’Esecutivo UE, inoltre, ha avviato un’altra procedura d’infrazione, perché la legislazione nazionale applicabile ai magistrati onorari “non è pienamente conforme al diritto del lavoro dell’Ue”. In Italia, infatti, i magistrati onorari sono considerati dalla legge come “volontari”, e quindi sono privi dello status di lavoratore. Per questo, “non godono della protezione offerta dal diritto del lavoro dell’Ue e risultano penalizzati dal mancato accesso all’indennità in caso di malattia, infortunio e gravidanza, dall’obbligo di iscriversi presso il fondo nazionale di previdenza sociale per i lavoratori autonomi, nonché da divari retributivi”. L’Italia ha due mesi per adottare le misure necessarie, trascorsi i quali la Commissione potrà decidere di inviare un parere motivato.

(Daniele Lettig|  EURACTIV.it)

///

PRESIDENZA UE

Slovenia: progressi lenti nelle trattative sul patto migratorio dell’UE. Il ministro dell’Interno sloveno Aleš Hojs ha dichiarato, a seguito di una riunione informale dei ministri degli Interni dell’UE, che sebbene gli Stati membri dell’UE desiderino vedere progressi nei colloqui sul patto dell’UE su migrazione e asilo, le posizioni sono ancora divergenti.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

BERLINO | BRUXELLES | LONDRA | LUSSEMBURGO

Almeno 80 morti dopo le inondazioni improvvise che hanno colpito l’Europa occidentale. Almeno 80 persone sono morte tra Germania occidentale, Belgio e Paesi Bassi, e decine sono rimaste disperse giovedì dopo le inondazioni senza precedenti che hanno colpito la regione.i.

(Alexandra BrzozowskiAnne Damiani e Nikolaus J. Kurmayer |  EURACTIV.comEURACTIV.de e EURACTIV.fr)

///

PARIGI

La Francia è scettica sull’estensione del mercato del carbonio agli edifici e ai trasporti. La Francia ha espresso “riserve” sulle conseguenze sociali dell’estensione del mercato del carbonio ai settori dell’edilizia e dei trasporti, una proposta avanzata mercoledì dalla Commissione europea.

(Clara Bauer-Babef |  EURACTIV France)

///

VIENNA

Il comitato austriaco conclude l’indagine sullo scandalo di corruzione di Ibiza. Il comitato austriaco che indaga sulla corruzione nell’ex governo di coalizione ÖVP-FPÖ ha concluso la sua ultima sessione giovedì, con i partiti di opposizione che hanno criticato il partito conservatore ÖVP del primo ministro Sebastian Kurz per la sua cattiva condotta.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO

Il vice-primo ministro irlandese: le cene all’interno al coperto potranno riprendere dal 26 luglio. Il vice primo ministro Leo Varadkar ha fissato la data del 26 luglio come nuovo obiettivo per l’apertura dell’ospitalità indoor in Irlanda.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

VILNIUS

Da Baghdad in Lituania: come la Bielorussia ha aperto una nuova rotta migratoria verso l’UE. Alcuni giorni dopo che il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha minacciato di inondare l’Europa di migranti, decine di curdi per lo più iracheni hanno iniziato ad arrivare in Lituania. In un’indagine transfrontaliera che attraversa Lituania, Bielorussia e Iraq, il media partner di EURACTIV, LRT, scava nella nuova rotta del traffico di esseri umani.

(Benas GerdžiūnasIndrė MakaraitytėJurgita ČeponytėKareem BotaneLRT Investigation TeamMichail MaglovRūta Juknevičiūtė |  LRT.lt/en)


EUROPA MERIDIONALE

ATENE

I greci vaccinati con Sputnik in un limbo legale. I cittadini greci che si sono recati in Russia o altrove per ottenere il vaccino russo o cinese stanno attualmente affrontando una situazione di stallo in Grecia, poiché il paese non ha riconosciuto come valide le loro vaccinazioni.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

LISBONA

Il Portogallo ripristina il coprifuoco in 90 regioni a rischio. Novanta su un totale di 278 comuni del Portogallo continentale (il 32,4%) sono ad alto o molto alto rischio di infezioni da COVID-19 e saranno soggetti a misure di coprifuoco tra le 23:00 e le 5:00, ha affermato il governo giovedì.

(Lucília Tiago e Sónia Miguel |  Lusa.pt)

///

MADRID

Le nuove restrizioni spagnole per il COVID-19 fermano la ripresa del settore turistico. L’aumento dei tassi di infezione da COVID-19 e le nuove severe restrizioni per frenare l’aumento dei casi hanno inferto un nuovo colpo ai settori del turismo e dell’ospitalità della Spagna, stanchi della pandemia, specialmente nelle località baciate dal sole lungo il Mediterraneo, le Baleari e le Isole Canarie.

(EuroEFE)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Babis: il piano della Commissione per la mobilità elettrica è “estremamente ambizioso”. Gli obiettivi della Commissione europea per favorire la mobilità elettrica devono essere fissati in modo da non danneggiare l’industria ceca, ha dichiarato giovedì il primo ministro Andrej Babis, definendo la proposta della Commissione “estremamente ambiziosa” ma ammettendo che non ha ancora letto il piano in dettaglio.

(Ondřej Plevák |  EURACTIV.cz)

///

VARSAVIA

La Corte suprema dell’UE rimprovera la corte polacca, che si rifiuta di applicare le sue sentenze. Giovedì la Corte di giustizia europea ha stabilito che la controversa procedura disciplinare della Polonia per i giudici viola il diritto europeo.

(Aleksandra Krzysztoszek |  EURACTIV.pl)

///

BUDAPEST

La Commissione contro l’Ungheria e la Polonia sui diritti LGBTQI+. Giovedì l’esecutivo europeo ha avviato tre procedimenti contro Ungheria e Polonia per quelle che considera violazioni dei diritti fondamentali delle persone LGBTIQ+, dando a Budapest e Varsavia due mesi per rispondere alle sue preoccupazioni.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)

///

BRATISLAVA

Anti-vaccinisti aggressivi prendono di mira noti medici slovacchi. Le tensioni sui vaccini in Slovacchia continuano a crescere, mentre gli anti-vaccinisti hanno iniziato a protestare davanti alle case dei medici pro-vaccini, secondo quanto riportato dal quotidiano Denník N.

(Marián Koreň |  EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Slovenia: un compromesso tra Sofia e Skopje possibile entro ottobre. Il presidente sloveno Borut Pahor ha affermato in un incontro con i presidenti di Croazia e Austria di ritenere che si troverà presto una soluzione al veto bulgaro sulla Macedonia del Nord, e che ciò “ripristinerebbe credibilità e fiducia nell’UE”.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

In altre notizie, la Commissione UE fa causa alla Bulgaria per aver rifiutato di collegare il registro delle imprese con il sistema UE. La Commissione europea ha intentato una causa contro la Bulgaria dinanzi al tribunale dell’UE in Lussemburgo per il rifiuto del paese, che va avanti da quattro anni, di collegare il proprio registro nazionale delle imprese al sistema dei registri delle imprese dell’UE (BRIS).

(Krassen Nikolov | EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

Un elicottero Black Hawk atterra su una trafficata piazza di Bucarest. Un elicottero militare statunitense ha effettuato un atterraggio di emergenza in una piazza trafficata della capitale rumena dopo aver abbattuto due lampioni pubblici, anche se non sono stati segnalati feriti.
L’elicottero Black Hawk faceva parte di una formazione che stava facendo le prove per l’evento della Giornata dell’aeronautica rumena quando improvvisamente ha iniziato a perdere quota ed è atterrato in una rotonda. È in corso un’indagine congiunta rumeno-statunitense, ha affermato l’ambasciata americana a Bucarest. Le autorità rumene hanno annullato la partecipazione degli aerei alle cerimonie previste.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Il Primo Ministro croato: Laschet guiderà la Germania “nella giusta direzione”. Il Primo Ministro croato Andrej Plenković ha detto giovedì di essere convinto che Armin Laschet, il candidato conservatore tedesco per sostituire la cancelliera Angela Merkel dopo le elezioni di settembre, sarà capace di guidare il paese nella giusta direzione.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

La Slovenia rinvia alcuni voti cruciali in Parlamento per raffreddare gli animi politici. La coalizione di governo slovena ha deciso di rinviare le votazioni su due atti legislativi chiave per calmare l’accesa situazione politica, e concentrarsi invece sugli sforzi per garantire un alto tasso di vaccinazione prima dell’autunno per prevenire un nuovo lockdown.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

LUBIANA | VIENNA | ZAGABRIA

Slovenia, Croazia e Austria chiedono il potenziamento delle vaccinazioni. I presidenti di Slovenia, Croazia e Austria hanno concordato in una riunione giovedì che il numero di persone che ricevono la vaccinazione COVID-19 dovrebbe essere aumentato, ma senza fare pressioni sulle persone per ottenere il vaccino

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

Vučić: I paesi che circondano la Serbia si stanno armando drammaticamente. La Serbia “si trova in un ambiente e in una situazione politica molto complessi”, ha detto giovedì il presidente Aleksandar Vučić, aggiungendo che “questo è esattamente il motivo per cui l’esercito serbo è necessario come garante della pace e della stabilità e per scoraggiare gli attacchi contro il nostro paese”.

(EURACTIV.rs | betabriefing.com)


AGENDA: 

  • Francia: il ministro della Giustizia Eric Dupond-Moretti si presenta in tribunale per rispondere di un “errore” fiscale da 350 mila dollari.
  • Italia: il presidente Sergio Mattarella parteciperà alla cerimonia di conferimento della laurea honoris causa in Studi europei e internazionali ad Antonio Megalizzi, il giovane italiano morto nell’attentato di Strasburgo nel Natale 2018.
  • Repubblica Ceca: il vicepresidente della Commissione europea Timmermans terrà una conferenza stampa sul Green Deal dell’UE dopo aver incontrato il premier Babis.
  • Grecia: il commissario Thierry Breton incontra il primo ministro Kyriakos Mitsotakis su vaccini, infrastrutture digitali critiche e spaziali.
  • Romania: il Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, visita il paese.
  • Croazia: il presidente del Consiglio Andrej Plenković partecipa alla celebrazione del 30° anniversario della costituzione dell’Unione italiana.
  • Serbia: il presidente Aleksandar Vučić incontrerà il ministro della Cultura e del Turismo turco, Mehmet Nuri Ersoy.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulous, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic, Josie Le Blond]