Le Capitali – L’Europa torna ad estrarre gas

Mentre la Commissione europea ha indicato tre modi per ridurre la dipendenza energetica dalla Russia - risparmio energetico, ricorso a energie rinnovabili e diversificazione delle fonti - molti Paesi hanno optato per altri metodi, incluso il rilancio dei progetti di estrazione dei combustibili fossili. [Shutterstock/James Jones Jr]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo L’Ue vuole ripristinare gli ecosistemi e dimezzare l’uso dei pesticidi entro il 2030. Presentata la nuova proposta di legge di Margherita Montanari.

Potete anche leggere G20, la presidenza indonesiana cerca una soluzione alla guerra in Ucraina di Alessandro Follis.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali

EUROPA

L’Europa torna ad estrarre gas. Mentre l’Ue si muove per porre fine alla sua dipendenza dal gas russo, oltre a puntare sulla diversificazione, sul risparmio energetico o sullo slancio verso le energie rinnovabili, alcuni Paesi hanno scelto di estendere i siti per l’estrazione del gas già esistenti o di sfruttare le riserve inutilizzate. Per saperne di più.


EUROPA OCCIDENTALE

BRUXELLES

I liberali belgi si sfilano dalle missioni di riparazione per i danni del colonialialismo. Il partito Liberali e Democratici Fiamminghi Aperti (Open Vld), membro della coalizione, ha preso le distanze dall’iniziativa di una commissione parlamentare che vuole inviare una delegazione nell’Africa centrale, nel quadro dei colloqui in corso per riparare ai danni inflitti alle ex colonie. Per saperne di più.

Il Premier belga discute con Zelensky dell’adesione ucraina all’Ue. La richiesta di adesione dell’Ucraina all’Ue, che sarà un argomento centrale al vertice del Consiglio europeo di giovedì, ha il pieno sostegno del Belgio, ha dichiarato mercoledì al telefono il Premier Alexander De Croo al Presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Per saperne di più.

///

BERLINO

La Germania spinge per legare l’allargamento alla riforma dell’Ue. Il Cancelliere tedesco Scholz, pur sostenendo senza titubanze le candidature di Ucraina e Moldavia all’Ue e sollecitando i leader europei ad accelerare il processo di adesione dei Balcani occidentali, mercoledì ha detto che l’allargamento deve essere legato alla riforma complessiva dell’Unione. Per saperne di più.

///

PARIGI

Macron sonda il terreno dell’opposizione. Il Presidente francese Emmanuel Macron, nel suo discorso alla nazione di mercoledì, ha chiesto ai partiti dell’opposizione di chiarire fino a che punto sarebbero disposti a spingersi per costruire una coalizione multipartitica. Per saperne di più.

///

VIENNA 

L’Austria sostiene la candidatura della Bosnia-Erzegovina all’Ue. Secondo il Cancelliere austriaco Karl Nehammer, la Bosnia-Erzegovina dovrebbe ricevere un trattamento simile a quello riservato all’Ucraina e alla Moldavia, che hanno ottenuto lo status di candidato prima che fossero soddisfatti i prerequisiti. Per saperne di più.


GRAN BRETAGNA E IRLANDA

LONDRA | KIGALI

Il Commonwealth rischia la crisi. La minaccia di una crisi istituzionale incombe sulla riunione dei capi di governo del Commonwealth (CHOGM), in agenda questa settimana a Kigali, visto che il Premier britannico Boris Johnson guida la campagna per la sostituzione della Segretaria generale in carica dell’organizzazione, la baronessa Patricia Scotland, laburista della Camera dei Lord ed ex Procuratrice generale del Regno Unito. Per saperne di più.


PAESI NORDICI E BALTICI

COPENAGHEN

Danimarca, agli over 50 un nuovo richiamo di vaccino anti Covid-19. A più di 2,5 milioni di danesi over 50 sarà fatto un richiamo contro il Covid-19 questo autunno, ha dichiarato la Premier danese Mette Frederiksen nel corso di una conferenza stampa tenutasi mercoledì. Per saperne di più.

///

HELSINKI

La guerra in Ucraina pesa sull’economia finlandese. L’economia finlandese era in piena espansione prima dell’attacco russo all’Ucraina, ma ora la guerra sta iniziando a fare sentire i suoi effetti. Secondo le previsioni pubblicate dalla Banca di Finlandia, la crescita economica dovrebbe raggiungere l’1,7% nel 2022, ma rallentare fino allo 0,5% nel 2023. Per saperne di più.


SUD EUROPA

MADRID

La Spagna riduce l’Iva sull’elettricità per attenuare l’impatto della crisi. Il Premier spagnolo Pedro Sánchez, mercoledì, ha annunciato una riduzione del 5% dell’Iva sui prezzi dell’elettricità, una misura di mitigazione inclusa nel nuovo pacchetto anti-crisi che sarà approvato dal governo sabato (25 giugno). Per saperne di più.

///

ROMA

Il M5S assicura il proprio sostegno al governo di Draghi, nonostante la crisi interna. Il Movimento 5 Stelle continuerà a sostenere il governo di Mario Draghi, nonostante la recente scissione interna e il disaccordo con la maggioranza sulle forniture di armi all’Ucraina, ha dichiarato mercoledì il Presidente del partito, Giuseppe Conte. Per saperne di più.

///

LISBONA

Premier portoghese: decisioni incoerenti potrebbero intrappolare l’Ucraina e far implodere l’Ue. L’integrazione dell’Ucraina nell’Unione Europea potrebbe far implodere il blocco, anziché rafforzarlo, e potrebbe addirittura trasformarsi in una trappola per l’Ucraina, se non verranno prese decisioni coerenti, ha dichiarato mercoledì il Premier portoghese António Costa. Per saperne di più.


VISEGRAD 

PRAGA

Ministro degli esteri ceco: in Africa e Asia Ue ritenuta responsabile della crisi alimentare. I Paesi africani e asiatici stanno subendo la carenza di cibo provocata dal blocco russo del grano nel Mar Nero, e spesso danno la colpa dello stallo all’Ue, ha avvertito il Ministro degli esteri ceco Jan Lipavský. Per saperne di più.

///

VARSAVIA

Deputata dell’opposizione protesta durante il giuramento del Parlamento polacco. Klaudia Jachira, del più grande partito di opposizione polacco, la forza liberale Piattaforma Civica, ha sparso banconote tagliate in aula come atto di protesta contro l’elezione di Adam Glapiński, Presidente della Banca Nazionale di Polonia (NBP), per un secondo mandato. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Bulgaria, cade il governo di Petkov. Un voto di sfiducia ha portato il Parlamento bulgaro a rovesciare il governo di Kiril Petkov, eletto solo sei mesi fa. I bulgari torneranno probabilmente alle urne per le elezioni generali in autunno, il quarto voto in poco più di un anno. Per saperne di più.

///

BALCANI OCCIDENTALI

La Germania si impegna a sostenere l’adesione all’Ue dei Balcani occidentali. Il Cancelliere tedesco Olaf Scholz sostiene pienamente lo status di candidati dell’Ucraina e della Moldavia e ha esortato gli altri Stati dell’Ue a considerare altrettanto importante il percorso di adesione dei Balcani occidentali. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

Zagabria spera in un via libera all’adesione a Schengen in tempi rapidi. La prossima settimana il Consiglio europeo invierà al Parlamento europeo una proposta formale per l’adesione della Croazia all’area Schengen nel 2023, ha dichiarato mercoledì il Premier croato Andrej Plenković a Bruxelles, affermando che la decisione dovrebbe essere approvata perché Zagabria è pronta. Per saperne di più.

///

BELGRADO

Appello al Parlamento europeo per coinvolgere i parlamentari dei Balcani occidentali. Il Movimento europeo in Serbia, il 22 giugno, ha esortato il Parlamento europeo a coinvolgere nelle sue sessioni regolari, in qualità di osservatori, i parlamentari degli Stati dei Balcani occidentali che hanno presentato domanda di adesione all’Ue. Per saperne di più.

///

PRISTINA | BERLINO | SARAJEVO

Kosovo, il dispiegamento militare tedesco sale a 400 truppe. La Germania ha ampliato il dispiegamento militare nell’ambito dell’operazione NATO per il mantenimento della pace in Kosovo (KFOR), raggiungendo quota 400 soldati, secondo una risoluzione approvata dal Bundestag mercoledì (22 giugno). Per saperne di più.


AGENDA

  • Ue: Riunione del Consiglio europeo e dei leader dei Balcani occidentali dell’Ue, con partecipazione della Presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen / La Presidente della Commissione Von der Leyen, la Vicepresidente Dubravka Šuica e la Presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola partecipano al Vertice del Partito Popolare Europeo / Il Vicepresidente della Commissione Margaritis Schinas e la Commissaria per gli affari interni Ylva Johansson assistono al Consiglio giustizia e affari interni Ue-Usa / Sessione plenaria del Parlamento europeo.
  • Svizzera: Il comitato di emergenza dell’Oms si riunisce per valutare l’epidemia globale di vaiolo delle scimmie.
  • Regno Unito: Sciopero dei dipendenti delle ferrovie nazionali nel Regno Unito.
  • Azerbaigian: Visita del Ministro degli esteri russo Sergei Lavrov in Azerbaigian.
  • Turchia: Il Ministro degli esteri israeliano Yair Lapid in visita in Turchia.
  • Israele: Il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy tiene un discorso virtuale in diretta alla Hebrew University.
  • Cina: Vertice Paesi BRICS da remoto.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Vlad Makszimov, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor, Eleonora Vasques, Sofia Stuart Leeson]