Le Capitali – L’estrema sinistra francese vuole bloccare la strada a Le Pen

L'ultima volta, la sinistra francese ha impiegato fino agli ultimi tratti della campagna elettorale per impartire una chiara istruzione su chi votare al secondo turno ai suoi elettori. Lo stesso scenario si ripeterà nel 2022? [Parlamento europeo]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Taiwan, una delegazione del Parlamento europeo in visita ufficiale all’isola di Alessandro Follis, EURACTIV.it.

Leggete anche Digital Services Act, sarà la Commissione a decidere gli obblighi a cui dovranno sottostare le piattaforme online di Luca Bertuzzi, EURACTIV.com.

Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.

Le notizie di oggi dalle Capitali:

PARIGI

A cinque mesi dal primo turno delle elezioni presidenziali francesi, EURACTIV France ha parlato con il manager della campagna di Jean-Luc Mélenchon, l’eurodeputato Manuel Bompard.

L’ultima volta, l’estrema sinistra francese ha impiegato fino agli ultimi tratti della campagna elettorale per impartire chiare istruzioni di voto all’elettorato affinché votasse contro l’estrema destra. Stiamo andando verso lo stesso scenario nel 2022? Per saperne di più.

///

BERLINO

L’eredità verde di Merkel sotto esame mentre dice addio a Macron. Il presidente francese Macron ha accolto mercoledì la cancelliera tedesca ad interim Angela Merkel per la sua visita d’addio. Ma i critici di alto rango accusano il governo tedesco uscente di aver lasciato un’eredità spinosa. Leggi la storia completa.

///

VIENNA

Ripresa economica austriaca migliore del previsto. Il Consiglio di bilancio austriaco prevede un deficit di bilancio di solo l’1,6% nel 2022. Allo stesso tempo, il rapporto debito/PIL scenderà dall’83,2% al 77,7%, lo stesso del rapporto debito/PIL del 2017. Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Il Galles otterrà la maggior parte del denaro dal programma dei fondi strutturali del Regno Unito. Il Galles sarà il principale beneficiario di un nuovo programma del governo britannico che sostituirà i fondi strutturali dell’UE per le regioni più povere.

Il governo afferma che il nuovo Fondo di prosperità condiviso fornirà 1,5 miliardi di sterline all’anno in contanti per progetti relativi alle competenze, all’istruzione, alle imprese locali e all’occupazione. Nell’ambito dei primi 477 progetti annunciati mercoledì, il Galles, il maggior beneficiario del Regno Unito dei fondi strutturali e di coesione dell’UE, riceverà circa un quarto del finanziamento totale.

Il Fondo dovrebbe iniziare ufficialmente le operazioni il prossimo aprile e i ministri affermano che farà parte dell’agenda di “livellamento” dell’amministrazione di Boris Johnson per ridurre le disparità economiche tra le regioni del Regno Unito. (Benjamin Fox | EURACTIV.com)

///

DUBLINO

L’Irlanda non è all’altezza degli standard di trattamento delle acque reflue dell’UE, secondo un rapporto. L’Agenzia irlandese per la protezione dell’ambiente (EPA) ha pubblicato il suo rapporto sul trattamento delle acque reflue nel 2020, che risulta essere sceso al di sotto degli standard stabiliti dall’UE, a 15 anni dalla scadenza del 2005 per la conformità. Per saperne di più.


NORD EUROPA E PAESI BALTICI

HELSINKI

Le energie rinnovabili coprono oltre la metà della produzione di elettricità della Finlandia. Le fonti energetiche rinnovabili hanno coperto oltre il 52% della produzione di elettricità della Finlandia nel 2020, secondo un nuovo rapporto pubblicato da Statistics Finland. È la prima volta che le rinnovabili costituiscono oltre la metà del mix energetico del Paese. Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Giorgetti: il piano di Salvini per unire l’estrema destra dell’UE “non ha una ragione”. In un’intervista a Bruno Vespa, il ministro dello Sviluppo economico italiano Giancarlo Giorgetti ha commentato il piano del leader del suo partito Matteo Salvini di lanciare un’alleanza europea di estrema destra con la francese Marine Le Pen, il primo ministro ungherese Viktor Orbán e il partito di estrema destra tedesco AfD. Per saperne di più.

///

MADRID

Il turismo spagnolo e il mercato del lavoro battono i record dopo le restrizioni della pandemia. La Spagna ha accolto 4,69 milioni di turisti stranieri a settembre di quest’anno, con un aumento del 311,9% rispetto allo stesso mese del 2020, quando la maggior parte dell’UE stava affrontando gravi restrizioni di viaggio per contenere la pandemia, secondo EFE, partner di EURACTIV. Per saperne di più.

///

LISBONA

Costa al capo della BCE: farei di tutto per continuare il processo di consolidamento fiscale. Mercoledì il primo ministro António Costa ha detto alla presidente della Banca centrale europea (BCE), Christine Lagarde, che farà tutto il necessario per garantire che il Portogallo continui il processo di consolidamento fiscale per finanze pubbliche sane. Per saperne di più.

///

ATENE

Primo ministro greco: niente vaccini obbligatori, niente lockdown. In un’intervista rilasciata mercoledì al canale televisivo greco MEGA, il premier greco Kyriakos Mitsotakis ha chiarito che non sarà imposto alcun nuovo blocco nel paese a causa dell’aumento dei casi di COVID-19. Per saperne di più.


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

Il presidente polacco firma la legge per costruire un muro al confine con la Bielorussia. La legge speciale sulla costruzione di una recinzione permanente al confine con la Bielorussia, firmata martedì 2 novembre dal presidente Andrzej Duda, è stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale. Per saperne di più.

///

PRAGA | VARSAVIA

Il ministro polacco si dirige a Praga nell’ultimo tentativo di risolvere la disputa su Turów. La nuova ministra polacca per il clima e l’ambiente Anna Moskwa si recherà venerdì a Praga per riprendere i colloqui bilaterali tra Cechia e Polonia nel tentativo di sbloccare la disputa sulla miniera di lignite di Turów. Per saperne di più.

///

BUDAPEST

L’opposizione ungherese è ancora in testa ai sondaggi nella capitale. L’opposizione è ancora in testa a Budapest, dove la lista congiunta a sei otterrebbe il 44% dei voti. In confronto, Fidesz-KDNP otterrebbe il 31%, se le elezioni parlamentari si svolgessero nel prossimo futuro, ha rivelato un sondaggio commissionato da HVG. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

La Slovacchia si muove per proteggere le sue foreste. Il governo slovacco ha approvato un piano per unire 76 foreste intatte distribuite su 6.500 ettari in una nuova area protetta denominata Primary Forests Slovakia. La riserva sarà sotto il più alto livello di protezione, che dovrebbe proteggere la biodiversità locale. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Il candidato presidenziale di estrema destra bulgaro arrestato per l’attacco al centro LGBTQ. Un candidato presidenziale bulgaro, il nazionalista Boyan Stankov, è stato incriminato per presunto attacco a un centro LGBTQ a Sofia. È stato detenuto per 72 ore dal pubblico ministero poiché per trattenerlo più a lungo sarebbe necessaria una decisione del tribunale. Per saperne di più.

///

BUCAREST

La Romania è ancora alla ricerca di un primo ministro. I politici in Romania hanno avviato un nuovo ciclo di negoziati per formare una coalizione più di due mesi dopo il crollo della coalizione di centrodestra. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

La Banca centrale croata svilupperà la propria strategia climatica. La Banca nazionale croata (HNB) ha affermato che svilupperà e attuerà una strategia climatica, inclusi i rischi climatici e ambientali nelle sue aspettative di vigilanza, e incoraggerà gli istituti di credito a includere tali rischi nella loro gestione del rischio e nel processo decisionale. Per saperne di più.

Ministro delle finanze: la pandemia di COVID-19 è costata alla Croazia più di 5,3 miliardi di euro. Il costo totale della lotta alla pandemia di COVID-19 ha superato i 40 miliardi di kune (5,3 miliardi di euro) dal bilancio statale, ha dichiarato al Sabor (parlamento) il ministro delle finanze Zdravko Marić.

La maggior parte dei costi riguarda le misure di mantenimento del posto di lavoro, direttamente o indirettamente, quindi tasse, contributi e via dicendo, ha affermato Marić presentando la revisione del bilancio di quest’anno.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

La Slovenia sta combattendo la peggiore ondata di contagi dall’inizio della pandemia. La Slovenia è nel mezzo della peggiore ondata di contagi da coronavirus dall’inizio della pandemia. Il paese ha riportato 3.456 nuovi casi per mercoledì, un nuovo record, mentre 18 pazienti con COVID-19 sono morti, il tasso di mortalità giornaliero più alto da febbraio. Per saperne di più.

///

BELGRADO

Primo ministro serbo: Serbia e Montenegro dovrebbero avere relazioni più strette. Serbia e Montenegro dovrebbero mantenere relazioni più strette, ha detto mercoledì il premier serbo Ana Brnabić. Per saperne di più.

///

SARAJEVO

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite estende il mandato dell’EUFOR. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che estende il mandato dell’EUFOR senza menzionare l’alto rappresentante e il suo ufficio. La missione EUFOR Althea è stata prorogata per i prossimi 12 mesi con tutti i 15 voti a favore. Per saperne di più.

///

Džaferović: l’Azerbaigian pronto ad aiutare la Bosnia-Erzegovina a connettersi al gasdotto Adriatico ionico. Il membro della presidenza bosniaca della Bosnia-Erzegovina Šefik Džaferović ha affermato che l’Azerbaigian è pronto ad aiutare il paese a collegarsi al gasdotto dell’Adriatico ionico. Questo gasdotto proposto passerebbe attraverso l’Europa sudorientale e sarebbe rifornito con gas dall’Azerbaigian.

“Albania, Montenegro e Croazia hanno aderito a questo progetto. Anche la BiH deve farlo. Questo sarebbe importante per il nostro paese e il presidente (lham) Aliyev ha promesso tutto il suo sostegno”, ha affermato Džaferović, che partecipa all’8° Forum globale di Baku.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

SKOPJE

Il partito di opposizione della Macedonia del Nord chiede elezioni anticipate. Il presidente del VMRO-DPMNE Hristijan Mickoski ha chiesto che si tengano rapidamente elezioni generali anticipate in modo che la Macedonia del Nord abbia un governo pienamente legittimo. Per saperne di più.

///

PRISTINA

Il primo ministro del Kosovo si oppone all’istituzione di un modello in stile Bosnia-Erzegovina. Il primo ministro del Kosovo, Albin Kurti, ha dichiarato mercoledì che non permetterà la “bosnianizzazione” del Kosovo in un’intervista con la BBC. Per saperne di più.

///

TIRANA

Oltre 37.000 albanesi si sono trasferiti nell’UE nel 2020. Nel 2020, 37.592 cittadini albanesi hanno ottenuto il primo permesso di soggiorno in un paese dell’Unione Europea, secondo le statistiche pubblicate da EUROSTAT. Per saperne di più.


AGENDA:

  • Ue: il commissario per l’Allargamento Olivér Várhelyi tiene un discorso in un’audizione sui Balcani occidentali all’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (Apce).
  • Francia: il ministro degli affari europei francese Clément Beaune incontra a Parigi il ministro britannico per la Brexit David Frost.
  • Spagna: la delegazione del Parlamento europeo visita Vitoria, nei Paesi Baschi, e Madrid per raccogliere informazioni relative a 379 decessi ETA ancora irrisolti.
  • Polonia: la ministra dell’Ambiente Anna Moskwa si recherà a Praga per il prossimo round di negoziati sulla disputa sulla miniera di Turow.
  • Slovacchia: i membri della commissione per l’occupazione e gli affari sociali del Parlamento europeo visitano gli insediamenti rom a Košice.
  • Bulgaria: il ministro dell’Interno Boyko Rashkov e il ministro della Difesa Georgi Panayotov visiteranno una sezione del confine bulgaro-turco.
  • Croazia: la Commissione parlamentare per la difesa tiene una sessione sul ruolo dell’industria della difesa nello sviluppo della produzione nazionale nel nord-ovest della Croazia.
  • Serbia: il presidente Aleksandar Vučić incontra il primo ministro albanese Edi Rama e il vice primo ministro della Macedonia del Nord incaricato delle questioni europee, Nikola Dimitrov, nell’ambito dell’iniziativa Balcani aperti.
  • Bosnia ed Erzegovina: prima sessione del Consiglio dei ministri della Bosnia-Erzegovina dopo tre mesi.
***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor]